Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Le spiagge della Florida sono al sicuro dai batteri “carnivori”

I funzionari della sanità della Florida affermano che le spiagge e le acque dello stato sono sicure e desiderano incoraggiare famiglie e turisti a visitarle. L’annuncio segue i recenti resoconti dei media sui rischi di infezione da parte dei cosiddetti batteri carnivori, che le autorità sottolineano sono minimi per coloro che prendono le precauzioni.

batteri vibrio

La dichiarazione afferma che “le spiagge e l’acqua della Florida sono sicure da godere in modo responsabile – il rischio di infezione è minimo se si prendono le dovute precauzioni”. Sottolinea che le infezioni del batterio marino sono rare e:

“Non sei a rischio di infezione da nuoto nelle acque costiere della Florida – finché sei in buona salute e non hai tagli o ferite aperte”.

Destinato a placare le paure pubbliche sulla visita delle spiagge della Florida, la dichiarazione arriva sulla scia della storiesthat che contiene “imprecisioni” sulla sicurezza delle acque della spiaggia della Florida in relazione ai casi di infezione da parte del batterio.

è nella stessa famiglia di batteri di quelli che causano il colera. Normalmente vive con acqua di mare salmastra e salmastra, e mentre le infezioni sono rare, possono causare gravi malattie o morte.

Le persone possono essere infettate mangiando frutti di mare crudi o sottilmente cotti, soprattutto quelli che preferiscono. Gli individui con ferite aperte possono anche essere esposti al batterio attraverso il contatto diretto con l’acqua.

È necessario educare il pubblico sui rischi e su come proteggersi dalle infezioni

La recente copertura mediatica – definita anche “batteri carnivori” perché può causare lesioni cutanee se penetra attraverso una ferita aperta – ha iniziato a seguito di un rilascio annuale da parte del dipartimento della salute della Florida per ricordare alle persone i modi per proteggersi dal batterio presente in natura .

Ogni estate, mentre il tempo si riscalda e sempre più persone visitano la spiaggia, il dipartimento della salute in Florida aumenta di infezioni segnalate, quindi, nel tentativo di educare il pubblico sui rischi e come ridurli al minimo, rilascia una dichiarazione, con un link a materiale didattico.

Finora quest’anno (2015) in Florida, ci sono stati otto casi di infezione segnalati e due decessi. Nell’intero anno scorso (2014), ci sono stati 32 casi segnalati e sette morti.

Tra il 2008 e il 2013, i casi all’anno in Florida erano compresi tra il 16 (2008) e il 41 (2013) e i decessi tra sei (2008) e 13 (2011).

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, mentre i casi sono rari, sono anche sottostimati.

L’ingestione del batterio può causare vomito, diarrea e dolore addominale.

può anche inserire ferite aperte, e quando lo fa, può portare a rotture cutanee e ulcere.

Gli individui sani in genere manifestano solo una reazione lieve, ma la malattia può essere grave nelle persone con un sistema immunitario indebolito, in particolare se hanno una malattia epatica cronica.

Il batterio può entrare nel flusso sanguigno e causare una malattia potenzialmente letale con sintomi come vesciche vesciche, febbre, brividi e diminuzione della pressione sanguigna (shock settico).

Suggerimenti per prevenire le infezioni

Il Dipartimento Sanitario della Florida ha il seguente consiglio su come prevenire l’infezione da:

  • Non mangiare crostacei crudi – in particolare ostriche
  • Cuocere a fondo tutti i molluschi (ostriche, vongole, cozze)
  • Per i molluschi nel guscio: o fai bollire fino a quando i gusci si aprono e poi fai bollire per altri 5 minuti, oppure cuoci a vapore finché le conchiglie si aprono e poi cuoci per altri 9 minuti
  • Non mangiare molluschi che non si aprono durante la cottura
  • Per ostriche sgusciate: far bollire almeno 3 minuti, o friggere in olio a 375 gradi per almeno 10 minuti
  • Non lasciare che i frutti di mare crudi – o succhi di frutta – entrino in contatto con cibi cotti
  • Mangia molluschi prontamente dopo la cottura e conservare in frigorifero eventuali avanzi
  • Indossare indumenti protettivi – compresi i guanti – quando si maneggiano i crostacei crudi
  • Non entrare in acqua di mare salmastra o calda – o entrare in contatto con frutti di mare raccolti da tali – se hai ferite aperte o pelle rotta

Nel seguente video, la dott.ssa Carina Blackmore, Epidemiologa sostitutiva della Florida, risponde ad alcune domande comuni e su come prendere precauzioni contro le infezioni.

Anche se può portare a una malattia, in un curioso torsione a volte visto in medicina, thepathogen può anche avere una funzione di guarigione – uno studio recentemente riportato mostra come una tossina secreta possa inibire la crescita delle cellule tumorali.

Like this post? Please share to your friends: