Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Le statine aumentano il rischio di sviluppare il diabete nelle persone a rischio

Tra gli individui suscettibili, le statine – che sono un comune farmaco per abbassare il colesterolo – potrebbero aumentare il rischio di diabete di tipo 2 del 30 per cento. Queste nuove scoperte risveglieranno sicuramente il dibattito.

Statine in un blister

Le statine abbassano il colesterolo riducendo la sua produzione nel fegato. Lo fanno bloccando un enzima chiamato idrossi-metil-glutaril-coenzima A reduttasi, che è coinvolto nella sua fabbricazione.

Le statine sono uno dei tipi di droga più ampiamente prescritti negli Stati Uniti.

Tra il 2011 e il 2012, oltre un quarto degli adulti statunitensi oltre i 40 anni stavano assumendo farmaci per abbassare il colesterolo. La stragrande maggioranza di questi farmaci erano statine.

Accanto alla loro capacità di abbassare il colesterolo, le statine hanno anche effetti positivi sull’infiammazione e sullo stress ossidativo. Presi insieme, non sarebbe sorprendente se le statine contribuissero a ridurre il rischio di sviluppare il diabete.

Ma il contrario potrebbe essere vero. L’evidenza sta aumentando il fatto che l’uso di statine a lungo termine potrebbe aumentare il rischio di diabete di tipo 2. Il primo studio a citare questo potenziale effetto è stato pubblicato nel 2008.

Tra allora e ora sono state condotte molte meta-analisi. Alcuni hanno aggiunto prove a sostegno di un legame tra l’uso di statine e il diabete di tipo 2, mentre altri hanno messo in discussione un tale collegamento. Pertanto, una risposta definitiva deve ancora essere trovata.

Riapertura del dibattito sulle statine-diabete

Molti studi precedenti che hanno evidenziato un collegamento non hanno specificamente lo scopo di investigare il diabete e le statine; il loro obiettivo primario era sugli eventi cardiovascolari. Poiché il numero di casi di diabete all’interno dei gruppi sperimentali era basso, era difficile ottenere una buona comprensione dei rischi associati.

Quindi, per dare un nuovo sguardo a questa interazione, i ricercatori dell’Albert Einstein College of Medicine di New York City, NY, hanno deciso di concentrare la loro attenzione su una sottosezione a rischio di utilizzatori di statine e concentrarsi specificamente sul diabete di tipo 2.

I risultati sono pubblicati questa settimana sul giornale.

Il team ha utilizzato i dati dello studio sui risultati del programma di prevenzione del diabete negli Stati Uniti (DPPOS). DPPOS è uno studio di follow-up di uno studio clinico a lungo termine che ha coinvolto soggetti obesi o in sovrappeso e, pertanto, ad aumentato rischio di sviluppare diabete di tipo 2.

Lo studio originale ha esaminato se “la perdita di peso attraverso i cambiamenti dello stile di vita o il trattamento con metformina” (che è un farmaco che controlla l’iperglicemia) potrebbe “ridurre o ritardare” il diabete di tipo 2 nelle persone ad alto rischio.

Terminato questo studio, i partecipanti sono stati invitati a partecipare a DPPOS. La pressione sanguigna e i grassi nel sangue sono stati misurati ogni anno e la glicemia è stata misurata ogni 6 mesi. Allo stesso tempo, è stato registrato l’utilizzo di statine.

Sono stati analizzati i dati di 3.234 partecipanti. All’inizio del processo, solo il 4% utilizzava statine, ma dopo 10 anni circa un terzo assumeva il farmaco. La maggior parte usava sia la simvastatina che l’atorvastatina.

Statin rischia di essere scoperto

Sebbene la probabilità di prescrizione di statine aumentasse dopo una diagnosi di diabete, l’uso di statine era anche associato ad un aumentato rischio di diagnosi di diabete. Questa associazione era significativa, indipendentemente dal gruppo di trattamento in cui i partecipanti erano stati coinvolti durante la precedente prova.

Complessivamente, rispetto all’assunzione di statine, il loro uso è stato associato ad un aumento del 36% nel rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Sebbene i partecipanti a cui erano state prescritte statine presentassero livelli di glucosio più elevati al basale, questa differenza non era sufficiente a giustificare i più alti tassi di diabete.

Per sondare ulteriormente questa relazione, il team ha diviso i dati delle statine in statine di potenza bassa e alta. Non hanno trovato differenze significative tra i rischi in questi gruppi.

Gli autori si affrettano a menzionare che lo studio ha carenze: è osservativo e quindi causa ed effetto non possono essere messi in discussione. Inoltre, le prescrizioni di statine erano basate sulla valutazione di un medico e quindi i partecipanti non venivano assegnati in modo casuale. Infine, le informazioni sul dosaggio delle statine non erano disponibili per l’analisi.

Nonostante questi avvertimenti, gli autori ritengono che la prudenza sia giustificata in quanto queste conclusioni si aggiungono a studi precedenti con risultati simili. Dicono:

“Lo stato […] del glucosio deve essere monitorato e comportamenti di stile di vita sano rinforzati nei pazienti ad alto rischio che sono prescritti statine per la profilassi [malattia cardiovascolare]”.

Il dibattito sul rapporto tra statine e diabete non è certo finito ed è probabile che continui a brontolare. Poiché l’uso di statine e il diabete sono entrambi così prevalenti negli Stati Uniti, è importante raccogliere quante più informazioni possibili su eventuali interazioni.

Seguiranno sicuramente ulteriori studi, ma potrebbe passare del tempo prima che il dibattito possa essere messo a letto una volta per tutte.

Like this post? Please share to your friends: