Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Le statine possono aumentare il rischio di diabete

Determinate statine, note anche come farmaci per abbassare il colesterolo, potrebbero aumentare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, suggerisce un nuovo studio.

Il rischio era più significativo nei pazienti trattati con atorvastatina (Lipitor), rosuvastatina (Crestor) e simvastatina (Zocor), secondo lo studio, pubblicato su BMJ.

Le statine sono i farmaci più ampiamente prescritti per la prevenzione di eventi cardiovascolari. In generale, questi farmaci sono ben accolti, tuttavia, è stato suggerito un nuovo collegamento al diabete.

Precedenti studi hanno indicato un rischio elevato del 27% di diabete con rosuvastatina. Si è scoperto che l’assunzione di pravastatina riduceva effettivamente il rischio del 30%.

La ricerca su questo argomento è scarsa, che ha portato gli investigatori dal Canada a condurre uno studio basato sulla popolazione su 1,5 milioni di residenti in Ontario, in Canada, per analizzare il legame tra l’uso di statine individuali e il diabete di nuova insorgenza.

I partecipanti avevano tutti più di 66 anni e avevano iniziato la terapia con statine tra il 1997 e il 2010. L’età media era di 73 anni. Il follow-up si è verificato alla fine del 2010 o al massimo cinque anni dopo l’inizio delle statine, a seconda di quale evento si verificasse per primo. L’outcome primario era il diabete incidente.

I dati sono stati analizzati dal database dell’Ontario Drug Benefit, dall’Institute for Health Information Discharge Abstract Database canadese e dall’Ontario Diabetes Database.

Le statine esaminate nello studio includevano:

  • fluvastatina
  • lovastatina
  • pravastatina
  • simvastati
  • atorvastatina
  • rosuvastatina

Tutti gli studi hanno utilizzato partecipanti trattati con pravastatina come gruppo di confronto poiché questo farmaco è stato dimostrato per avere vantaggi per il nuovo diabete diagnosticato in modelli animali e studi clinici.

I ricercatori hanno analizzato i dati su 471.250 partecipanti che non avevano una storia di diabete e che stavano usando nuove statine – il 54% erano donne.

Il rischio totale di sviluppare il diabete era basso, ma questo rischio è aumentato tra alcuni soggetti che assumono statine. Tra 162 e 407 pazienti dovrebbero essere trattati con diverse statine per un paziente in più per sviluppare il diabete.

I soggetti trattati con atorvastatina hanno mostrato un rischio elevato del 22% di diabete di nuova insorgenza, la rosuvastatina un rischio elevato del 18% e la simvastatina un aumento del rischio del 10%, rispetto alla pravastatina.

Al contrario, i partecipanti trattati con fluvastatina presentavano un rischio inferiore del 5% e la lovastatina un rischio inferiore dell’1%.

Il tasso di eventi era più alto per atorvastatina (30 esiti per 1000 persone-anno) e rosuvastatina (34 per 1000 persone-anno). La simvastatina ha compensato 26 esiti ogni 1000 anni-persona con fluvastatina e lovastatina a 21 risultati ogni 100 anni-persona.

I vantaggi delle statine superano i negativi?

Gli investigatori hanno scoperto risultati coerenti nelle analisi sull’uso delle statine per la prevenzione primaria (quando sono trattati quelli senza diagnosi) e sulla prevenzione secondaria (quando vengono trattati quelli con malattia diagnosticata).

I loro risultati suggeriscono anche che i partecipanti più anziani hanno un rischio elevato indipendentemente dalla dose per atorvastatina e simvastatina o se la terapia è utilizzata per la prevenzione primaria o secondaria.

Molti fattori potrebbero spiegare perché il rischio tra le persone che assumono determinate statine è aumentato per il diabete di nuova insorgenza.

I ricercatori hanno concluso che i medici devono essere consapevoli di mettere in discussione la terapia con statine. Dicono che “l’uso preferenziale di pravastatina e potenzialmente fluvastatina può essere giustificato” e che la pravastatina potrebbe essere vantaggiosa per i pazienti ad alto rischio di diabete.

In un editoriale, i medici dell’Università di Turku in Finlandia affermano che “il beneficio complessivo delle statine supera ancora chiaramente il potenziale rischio di diabete incidente”. Sottolineano inoltre che poiché le statine hanno dimostrato di ridurre gli eventi cardiovascolari nei pazienti, sono un fattore importante nel trattamento.

Uno studio non correlato condotto da Harvard ha sostenuto che i benefici cardiaci dell’assunzione di statine superano il rischio di sviluppare il diabete in alcuni pazienti.

Uno studio separato suggerisce che le donne anziane che assumono statine, quelle in menopausa, hanno un rischio più elevato di sviluppare il diabete.

Scritto da Kelly Fitzgerald

Like this post? Please share to your friends: