Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Le statine sono buone o cattive?

Le statine, note anche come inibitori della reduttasi HMG-CoA, sono farmaci che vengono prescritti per le persone con alti livelli di colesterolo. Bloccano l’azione di un enzima (HMG-CoA reduttasi) prodotto nel fegato che è necessario per produrre il colesterolo, da qui il nome, inibitori della reduttasi HMG-CoA.

Il corpo umano ha bisogno di colesterolo per funzionare. Tuttavia, alti livelli possono portare all’aterosclerosi – quando le placche contenenti colesterolo si accumulano nelle arterie e indeboliscono il flusso sanguigno. Le statine riducono i livelli di colesterolo nel sangue e riducono il rischio di sviluppare ictus, infarto e angina.

Le statine sono state collegate a vari eventi avversi (effetti collaterali indesiderati) e molti laici si chiedono se siano buoni o cattivi. Lo scopo di questo articolo è di mostrare alcuni studi che hanno esaminato i danni e i benefici delle statine.

rischio di diabete – gli scienziati dell’Università di San Giorgio, Londra, Inghilterra, e l’Università di Glasgow, in Scozia ha esaminato cinque studi sulle statine, che erano state pubblicate dal 2005 al 2010. Hanno trovato c’era un legame tra alte dosi di statine e rischio di diabete – i pazienti in alte dosi di statine avevano un rischio maggiore del 12% di sviluppare il diabete. Tuttavia, hanno sottolineato che i benefici – riducendo i problemi cardiaci gravi – superano di gran lunga qualsiasi rischio. (Link all’articolo)

Pazienti a basso rischio cardiaco – ricercatori del Cochrane Heart Group della London School of Hygiene and Tropical Medicine a Londra, Regno Unito, hanno dichiarato che non ci sono prove sufficienti che le statine possano beneficiare di pazienti con cardiopatia a basso rischio. Il team leader, Fiona Taylor, ha detto che i medici dovrebbero essere cauti nel prescriverli a pazienti a basso rischio, specialmente alla luce di prove su come le statine colpiscono persone senza storia di malattie cardiovascolari. (Link all’articolo)

Storia dell’emorragia – uno studio condotto presso il Massachusetts General Hospital e la Harvard Medical School di Boston hanno suggerito che i pazienti con una storia di emorragia possono scoprire che le statine aumentano il rischio di recidiva al punto che ciò supera i benefici (Link all’articolo). Scrissero:

“Un particolare sottogruppo di pazienti per i quali l’utilità dell’uso di statine non è chiaro sono quelli ad alto rischio di emorragia intracerebrale (o un ictus causato da sanguinamento nel cervello). La ragione per maggiore preoccupazione è l’aumento dell’incidenza di emorragia intracerebrale osservata tra i soggetti randomizzato alla terapia con statine in uno studio clinico di prevenzione dell’ictus secondario. “
Lupus infantile: i bambini con lupus non dovrebbero ricevere statine, anche se le loro condizioni aumentano il rischio di sviluppare una malattia coronarica più avanti nella vita, come rivelato da alcuni ricercatori del Duke University Medical Center. Hanno detto che, anche se le statine hanno un effetto positivo sui livelli di lipidi e CRP (proteina C-reattiva), il loro effetto sulla aterosclerosi non è sufficiente notevole da giustificare il loro uso di routine per i bambini con il lupus. Hanno detto che i rari rischi a lungo termine associati alle statine superano i benefici. (Link all’articolo)

Statine e danni al fegato

Danno epatico: le statine possono aumentare i livelli degli enzimi epatici. Se questo è leggero, la maggior parte dei pazienti può continuare ad assumere il farmaco. Tuttavia, se l’aumento è grave, il paziente dovrà fermarsi, altrimenti c’è il rischio di eventuali danni permanenti al fegato.

I pazienti con alcuni farmaci, come gemfibrozil (Lopid) e niacina hanno un rischio più elevato di sviluppare problemi al fegato se sono anche su statine.

I pazienti con statine devono sottoporsi a un esame del sangue sei settimane dopo aver iniziato a controllarli per controllare la funzionalità epatica. Quindi, dovrebbero esserci esami del sangue annuali se non sono stati rilevati problemi al fegato.

Statine e problemi muscolari

Le statine possono causare la miopatia delle statine – c’è un’infiammazione dei muscoli. Il paziente avverte dolore muscolare e tenerezza. Più alta è la dose di statine, più è probabile che un paziente avverta questi dolori.

Nei casi gravi si può sviluppare rabdomiolisi – i muscoli si rompono e rilasciano la proteina mioglobina nel flusso sanguigno. La mioglobina può danneggiare i reni.

I pazienti con determinati farmaci hanno un rischio più elevato di rabdomiolisi. Questi includono niacina, ciclosporina, nefazodone, gemfibrozil, farmaci antifungini ed eritromicina (eritrocina).

Qualsiasi paziente su statine che inizia ad avere dolori muscolari dovrebbe dire al proprio medico.

Secondo l’American Heart Association:

“Per la persona che sperimenta la miopatia con una statina, altre alternative dovrebbero essere discusse con il proprio medico.I pazienti che stanno assumendo statine e che non manifestano alcun effetto collaterale dovrebbero continuare a prendere i farmaci a meno che non siano consigliati per altri motivi a interrompere il proprio medico. l’effetto collaterale molto raro della rabdomiolisi (danno muscolare), segnalato dall’urina scura, dovrebbe portare il paziente a interrompere immediatamente la sua statina, ma poi parlare immediatamente con il proprio medico. ” (Link alla dichiarazione)

Effetto delle statine sulle cellule cerebrali

Uno studio del 2009 pubblicato sul Journal of Lipid Research ha riportato che le statine possono avere effetti profondamente variabili sulle cellule cerebrali, sia effetti positivi che negativi. Gli autori hanno affermato che i medici dovrebbero prestare molta attenzione nel determinare quale dosaggio deve essere prescritto ai pazienti, in particolare gli anziani.

John Albers e il team hanno confrontato la simvastatina e la pravastatina su neuroni e astrociti (due tipi di cellule cerebrali). Gli astrociti supportano le cellule che aiutano a riparare i danni. Hanno applicato i farmaci direttamente alle cellule eliminando così le differenze tra i farmaci nell’attraversamento della barriera emato-encefalica. Hanno trovato differenze in entrambi i tipi di cellule e tra i farmaci. La simvastatina ha ridotto l’espressione degli astrociti del trasportatore di colesterolo ABCA1 di circa l’80%, mentre la pravastatina ha fatto lo stesso del 50%.Entrambe le statine hanno aumentato l’espressione della proteina Tau negli astrociti e nei neuroni – la proteina Tau è legata alla malattia di Alzheimer. La pravastatina ha anche aumentato l’espressione della proteina precursore dell’amiloide (APP), un’altra caratteristica del morbo di Alzheimer.

I livelli di colesterolo cerebrale tendono ad essere ridotti durante la vecchiaia. I ricercatori si sono chiesti se tra le persone anziane, gli effetti della terapia della macchia potrebbero avere il potenziale di deficit cognitivo transitorio o permanente. (Link all’articolo)

Gli scienziati nei Paesi Bassi, invece, hanno scoperto che le statine possono proteggere le cellule nervose dai danni nota la presenza nel cervello dei pazienti con malattia di Alzheimer. Sappiamo che le cellule nervose alla fine muoiono a causa della sovrastimolazione, un processo noto come eccitotossicità. Gli scienziati olandesi hanno sovrastimolato le cellule nervose negli esperimenti sugli animali e hanno scoperto che, una volta trattata con una statina (Lovastatina), la morte di quelle cellule nervose sovrastimolate poteva essere prevenuta. Le statine hanno anche impedito la perdita di capacità di memoria che si verifica in genere dopo la morte di tali cellule. Le statine stimolano la capacità protettiva del fattore di necrosi tumorale, che è strettamente coinvolto nella risposta immunitaria del cervello.

Negli esperimenti su animali hanno dimostrato che questo fattore di necrosi tumorale ha un effetto molto benefico sulle cellule nervose e può proteggerle dalla morte. (Link all’articolo)

Statine e complicanze tendinee

Nel 2008, i ricercatori della Rouen University Hospital di Rouen Cedex, Francia identificati 96 casi di complicanze tendine tra il 1990 e il 2005 che sono stati attribuiti alle statine. Le condizioni includevano la rottura del tendine e la tendinite (maggioranza dei casi).

Il loro studio ha mostrato che 4.597 effetti collaterali legati alle statine, circa il 2% sono stati attribuiti a complicanze del tendine, con sintomi che si verificano generalmente entro 8 mesi dall’inizio della terapia con statine. Il tallone d’Achille era il tendine più comune, con gonfiore, calore, rigidità e dolore come i sintomi più comuni. Diciassette dei pazienti avevano sintomi così gravi che dovevano essere ricoverati in ospedale. I sintomi iniziarono dopo che i pazienti iniziarono a prendere statine, e migliorarono dopo che le statine furono fermate, e poi tornarono quando la terapia fu ripresa.

Un considerevole numero di complicanze del tendine potrebbe non essere segnalato, hanno aggiunto. Sebbene la prevalenza delle complicanze del tendine con le statine sia bassa, tutte le statine hanno il potenziale per causare tali problemi, anche a dosaggi raccomandati. (Link all’articolo)

Le statine sono buone o cattive

La risposta a questa domanda non può essere semplice. Se una persona ha una grave reazione epatica quando si trova sulle statine, allora sono ovviamente cattive. Tuttavia, un buon dottore lo scoprirà. La maggior parte degli studi concorda sul fatto che i benefici delle statine, se prescritti correttamente e per i pazienti idonei, superano di gran lunga i rischi.

Scritto da Christian Nordqvist

Data originale di articolo: 30 aprile 2004
Articolo riscritto: 08 settembre 2011

Like this post? Please share to your friends: