Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Le statine sono il miglior farmaco per abbassare il colesterolo? Studio indaga

Le statine dovrebbero rimanere la terapia di prima linea per ridurre il colesterolo e ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, ma se non possono essere tollerate, le terapie nonstatin possono essere altrettanto utili. Questa è la conclusione di un nuovo studio pubblicato in.

I ricercatori affermano che alcune terapie non a base di stenosi possono essere altrettanto efficaci delle statine per ridurre il colesterolo LDL e il rischio cardiovascolare.

Le statine sono farmaci che bloccano un enzima che produce il colesterolo nel fegato chiamato HMG-CoA reduttasi. Questo riduce la produzione di colesterolo a bassa densità di lipoproteine ​​(LDL) – il colesterolo “cattivo” che può aumentare il rischio di infarto, ictus e malattie cardiache.

Il coautore dello studio, il dott. Marc S. Sabatine, del Brigham and Women’s Hospital della Harvard Medical School di Boston, e colleghi, notano che i benefici clinici dell’uso di statine per abbassare il colesterolo LDL sono ampiamente accettati, in gran parte a causa dell’alta qualità evidenza della loro sicurezza ed efficacia negli studi clinici.

Secondo l’American Heart Association, le statine sono l’unica classe di farmaci per abbassare il colesterolo che ha dimostrato di ridurre direttamente il rischio di infarto e ictus, quindi è spesso la prima scelta di terapia farmacologica per i pazienti con colesterolo LDL alto.

Quando si tratta di terapie per abbassare il colesterolo nonstatin, tuttavia, i benefici sono meno chiari.

Terapie nonstatin altrettanto efficaci come statine per abbassare il colesterolo

Per il loro studio, la Dr.ssa Sabatine e il suo team si sono impegnati a valutare gli effetti delle terapie con statine e nonstatin sui livelli di colesterolo LDL e sul rischio di malattie cardiovascolari.

I ricercatori hanno condotto una revisione e una meta-analisi di 49 studi randomizzati condotti tra il 1966-2016. Le prove hanno incluso 312.175 partecipanti di un’età media di 62 anni.

Fatti veloci sul colesterolo

  • Circa 73,5 milioni di adulti negli Stati Uniti hanno un alto colesterolo LDL
  • Meno della metà degli adulti con colesterolo LDL alto sta ricevendo un trattamento
  • Gli individui con colesterolo LDL alto sono al doppio del rischio di malattie cardiache rispetto a quelli con livelli normali.

Ulteriori informazioni su colesterolo

Un totale di 39.645 eventi cardiovascolari maggiori – tra cui infarto, ictus e morte cardiovascolare – si sono verificati tra i partecipanti e gli studi hanno valutato i risultati di nove diverse terapie che abbassano il colesterolo.

Al fine di confrontare queste terapie, la squadra li ha divisi in quattro gruppi:

  • Le statine
  • Terapie nonstatin che abbassano il colesterolo aumentando l’espressione dei recettori LDL, come dieta, sequestranti degli acidi biliari e bypass ileale
  • Terapie che non aumentano l’espressione del recettore LDL, come i fibrati, la niacina e gli inibitori della proteina di trasferimento dell’estere del colesterolo (CETP)
  • Inibitori PCSK9 – una nuova classe di farmaci che riducono il colesterolo LDL bloccando l’attività della proteina PCSK9 nel fegato.

Il team osserva che gli studi che indagano specificamente su come gli inibitori PCSK9 influenzano gli esiti cardiovascolari devono ancora essere completati, quindi i dati per questi farmaci fino ad oggi sono stati valutati separatamente e confrontati con i dati per terapie che aumentano l’espressione dei recettori LDL.

I risultati dell’analisi hanno rivelato che le statine e le terapie nonstatin che aumentano l’espressione del recettore LDL erano allo stesso modo efficaci per ridurre il colesterolo LDL e ridurre il rischio di eventi cardiovascolari maggiori.

Con entrambi i tipi di terapie, la squadra riporta che ogni 1 millimole per litro (39 milligrammi per decilitro) di colesterolo LDL ha rappresentato una diminuzione del 23% del rischio di eventi cardiovascolari maggiori.

Secondo il Dr. Sabatine e colleghi, i loro risultati “meritano un’attenta considerazione alla luce della forza delle evidenze sperimentali disponibili per diversi tipi di terapie”.

Gli autori aggiungono:

“Come da linee guida attuali, quando tollerate, le statine dovrebbero essere la terapia di prima scelta date le grandi riduzioni osservate per LDL-C [colesterolo LDL], l’eccellente profilo di sicurezza, il dimostrato beneficio clinico e basso costo (ora che la maggior parte sono generici ).

Tuttavia, i dati della presente analisi di meta-regressione aumentano la possibilità che altri interventi, specialmente quelli che alla fine agiscono prevalentemente attraverso la sovraregolazione dell’espressione del recettore LDL, possano fornire opzioni aggiuntive e potenzialmente possono essere associati con lo stesso beneficio clinico relativo per ogni millimole riduzione per litro di LDL-C. “

Leggi di uno studio che suggerisce che i danni delle statine sono stati sovrastimati.

Like this post? Please share to your friends: