Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Le “voci” di schizofrenia sono attenuate dalla stimolazione magnetica

Un nuovo studio conferma la regione del cervello coinvolta nel generare le “voci” che si verificano nella schizofrenia. Usando la stimolazione magnetica transcranica, i ricercatori sono stati in grado di ridurre la gravità di questo sintomo disturbante.

Donna che sente le voci

La schizofrenia è una condizione psichiatrica altamente dirompente che colpisce ogni anno circa l’1,1% degli adulti negli Stati Uniti.

Caratterizzato da disturbi comportamentali, cognitivi e dell’umore, la schizofrenia è difficile da trattare. Una ragione per questo è che ogni individuo ha sintomi diversi e risponde ai trattamenti in modo diverso.

Uno dei sintomi più inquietanti per le persone con schizofrenia e quelli che li circondano sono allucinazioni. Queste possono essere allucinazioni visive o tattili, ma più frequentemente, sono uditive – spesso sotto forma di voci.

Le voci uditive sono così comuni nella schizofrenia che è spesso usato come “indicatore principale” di una diagnosi di schizofrenia.

L’origine delle voci della schizofrenia

Le voci, o allucinazioni verbali uditive (AVH), ascoltate da persone con schizofrenia variano in modo sostanziale. Gli AVH possono essere minacciosi, confusi e difficili da distinguere dalla realtà.

Potrebbe esserci una voce o potrebbero esserci voci in competizione. Le voci potrebbero costantemente criticare l’individuo, o potrebbero sembrare la voce di un parente o di un amico morto.

E poiché gli AVH provengono dalla mente dell’individuo, possono essere incredibilmente convincenti. Inoltre, poiché non c’è scampo dal dialogo interno, possono essere estenuanti.

Di recente, un team di ricercatori – guidato dalla prof.ssa Sonia Dollfus dell’Università di Caen in Francia – ha avviato un progetto per comprendere e potenzialmente ridurre la frequenza degli AVH. Hanno usato una tecnica chiamata stimolazione magnetica transcranica (TMS).

La TMS è una tecnica non invasiva che utilizza i magneti per influenzare l’attività cerebrale. È una procedura relativamente sicura che è stata utilizzata per trattare con successo una serie di condizioni, tra cui la depressione che non risponde ai farmaci.

Il TMS implica l’invio di impulsi di energia magnetica nel cervello, nelle stesse quantità di quelli usati durante una risonanza magnetica. Se gli impulsi passano attraverso il cranio in rapida successione, si parla di TMS ripetitivo (rTMS), che produce cambiamenti a lungo termine dell’attività cerebrale.

Sebbene studi precedenti abbiano esaminato il rTMS come un modo potenziale per influenzare l’AVH, finora i risultati sono stati inconcludenti. Questo progetto più recente, per la prima volta, ha studiato specificamente il rTMS ad alta frequenza in uno studio controllato.

Il team era particolarmente interessato a una sottosezione del lobo temporale sinistro (il ramo ascendente del solco laterale sinistro e il solco temporale superiore sinistro), che è coinvolto nel linguaggio ed è stato precedentemente identificato come la potenziale casa degli AVH.

Utilizzo di TMS contro AVH

In totale, 59 pazienti con schizofrenia sono stati coinvolti nello studio. Ogni partecipante è stato intervistato prima dello studio per accertare il livello di AVH che normalmente sperimentano e sono stati valutati usando la Scala di valutazione delle allucinazioni uditive standardizzate.

Ventisei di loro hanno ricevuto rTMS ad alta frequenza, e il resto ha ricevuto una procedura fittizia che imitava il TMS. Il primo gruppo ha ricevuto una serie di impulsi magnetici ad alta frequenza (20 Hertz) due volte al giorno per 2 giorni. Dopo 2 settimane, il team ha rivalutato i partecipanti.

Un impressionante 34,6% di coloro che hanno ricevuto rTMS ha avuto una riduzione significativa degli AVH, rispetto al 9,1% sottoposto alla procedura sham.

“Questo è il primo studio controllato a mostrare un miglioramento in questi pazienti prendendo di mira un’area specifica del cervello e utilizzando TMS ad alta frequenza.”

Prof. Sonia Dollfus

I risultati sono stati presentati alla conferenza dell’ECNP, che si è tenuta a Parigi, in Francia, e saranno pubblicati in un secondo momento nel.

Come spiega il Prof. Dollfus, le conclusioni significative di questo studio sono duplici. Ha detto: “Inevitabilmente, sembra che ora possiamo dire con una certa certezza che abbiamo trovato una specifica area anatomica del cervello associata a allucinazioni verbali uditive nella schizofrenia”.

“In secondo luogo,” ha detto, “abbiamo dimostrato che il trattamento con TMS ad alta frequenza fa la differenza per almeno alcuni malati”.

Questo studio si basa su precedenti ricerche sulle parti specifiche del cervello responsabili dell’udire le voci. Produce anche una buona prova che la TMS può essere utile per ridurre questo sintomo più dirompente.

Mentre ci sarà bisogno di più ricerca per accertare quali tipi di stimolazione saranno più efficaci, quale durata del corso è la migliore, e quali pazienti sono più propensi a rispondere bene, i risultati sono sicuramente incoraggianti.

Like this post? Please share to your friends: