Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Linee guida sull’assunzione di sodio CDC “eccessivamente e irrealisticamente basse”

Le linee guida giornaliere sull’assunzione di sodio offerte dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie sono “eccessivamente e irrealisticamente basse”, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Ospedale dell’Università di Copenhagen in Danimarca e pubblicato nel.

Poiché l’assunzione di sodio è legata alla malattia cardiovascolare, le linee guida nazionali promuovono la riduzione del sodio al fine di prevenire infarti e ictus.

Attualmente, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) suggeriscono un apporto di sodio inferiore a 2.300 mg al giorno per le persone sotto i 50 anni e meno di 1.500 mg al giorno per le persone di età superiore a 50 anni.

Il dubbio è stato lanciato per la prima volta sulle raccomandazioni del CDC in un rapporto del 2013 dell’Istituto di Medicina (IOM) – di cui è autore principale autore del nuovo studio, il Dr. Niels Graudal. Quel rapporto, tuttavia, non era in grado di offrire le proprie raccomandazioni per l’assunzione di sodio.

La nuova analisi combina i risultati di 25 studi individuali sui rischi per la salute associati all’assunzione di sodio, valutando in totale 274.683 persone.

“I nostri risultati sono in linea con la preoccupazione dello IOM che livelli più bassi possano produrre danni”, afferma il dott. Graudal, “e forniscono una base concreta per la revisione della gamma raccomandata nell’interesse della salute pubblica”.

“La buona notizia,” continua, “è che circa il 95% della popolazione globale già consuma all’interno dell’intervallo che abbiamo riscontrato per generare il minor numero di mortalità e malattie cardiovascolari”.

L’assunzione di sodio media americana è “più salutare” delle raccomandazioni CDC

sale che si rovescia da uno shaker

La “stragrande maggioranza” degli americani consuma tra 2.645 mg e 4.945 mg di sodio al giorno. Il dott. Graudal e colleghi scoprono che, nonostante l’assunzione sia molto più alta delle raccomandazioni del CDC, è in realtà più sana della gamma di assunzione suggerita dal CDC.

Lo studio ha registrato “una correlazione a forma di U tra l’assunzione di sodio e gli esiti di salute”. I ricercatori hanno scoperto che quando il consumo di sodio è sceso al di fuori del range di 2.645-4.945 mg al giorno, c’è stato un aumento della mortalità. Ciò significa che sia l’assunzione eccessivamente alta che l’assunzione eccessivamente bassa di sodio erano collegate a un aumento del rischio di morte.

Nella loro conclusione, il dott. Graudal e colleghi affermano che in nessuno degli studi oggetto dell’analisi vi era un basso apporto di sodio associato a effetti benefici sulle malattie cardiovascolari o una mortalità migliorata.

Perché le linee guida CDC ei risultati di questo studio sono così in disaccordo?

ha chiesto al dott. Graudal la sua opinione sul motivo per cui le raccomandazioni sull’assunzione di sodio del CDC sono in contrasto con le sue conclusioni.

“Se chiedete al CDC, vi diranno che ci sono prove massicce di riduzione del sodio negli studi della pressione sanguigna che mostrano effetti molto significativi della riduzione del sodio sulla pressione sanguigna e che questa riduzione della pressione arteriosa ‘inevitabilmente’ porterebbe a una riduzione della mortalità, ” lui ha risposto.

“Quindi menzionerebbero alcuni di questi studi sulla pressione sanguigna, per esempio DASH [Dietary Approaches to Hypertension] e TOHP [Trials of Hypertension Prevention], che in qualche misura supportano le loro affermazioni, ma” dimenticherebbero “di menzionare il sangue studi di pressione, che non supportano la loro posizione.

Non sarebbero in grado di sostenere l’affermazione che una riduzione della pressione arteriosa mediante riduzione del sodio porterebbe a una diminuzione della mortalità, perché tali studi non esistono “.

“Vi direbbero anche che i risultati degli studi sulla popolazione inclusi nelle nostre meta-analisi potrebbero essere spiegati dai confondenti”, ha continuato il dott. Graudal, “e se gli diceste che quasi tutti questi studi sono stati corretti per i confondenti, ti dico che i risultati erano dovuti a confusione residua “.

Il dott. Graudal ha ammesso che l’argomento non può mai essere escluso, ma ha insistito sul fatto che il CDC non ha dati a supporto di questa visione. “Nonostante ciò”, ha aggiunto, “non credo che il CDC considererebbe la possibilità che il CDC possa essere sbagliato”.

Chiese anche al dott. Graudal se riteneva che ci fosse qualche resistenza da parte del CDC nell’adottare la sua ricerca.

“Penso che la riduzione del sodio sia diventata un’ideologia per il CDC”, ha spiegato. “Finché le persone chiave presenti nel CDC prenderanno le decisioni, non ci sono possibilità che accetteranno i risultati della nostra analisi e spiegheranno i risultati. Una modifica della posizione del CDC richiederebbe un cambiamento del personale.”

Like this post? Please share to your friends: