Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Litio per disturbo bipolare – Pro e contro non chiaro

Il trattamento a lungo termine più efficace per il disturbo bipolare è il litio. Offre protezione contro la depressione e la mania e riduce il rischio di suicidio e mortalità a breve termine. Tuttavia, secondo uno studio su The Lancet, i problemi di sicurezza hanno reso l’uso del litio controverso.

Gli autori hanno esaminato circa 400 articoli per studiare i possibili effetti avversi del litio e hanno riscontrato anomalie nella tiroide e nella paratiroide in circa il 25% dei pazienti che ricevono terapia litio, rispetto al 3% e allo 0,1% nella popolazione generale. Hanno anche osservato che il litio provoca un aumento di peso e ha il potenziale di ridurre leggermente la capacità del rene di concentrare l’urina.

Evidenziano che le prove del trattamento con litio associato ad anomalie congenite in gravidanza sono ancora incerte, e ci sono poche prove che colleghino il litio con i problemi della pelle o con la caduta dei capelli.

Gli autori raccomandano che i pazienti discutano i rischi di eventi avversi con i loro medici prima di iniziare il trattamento con litio e suggeriscono anche di sottoporsi a un test del calcio nel siero per gli esami del sangue al basale a causa dell’alto rischio di iperparatiroidismo. Affermano inoltre che gli effetti del litio in gravidanza sono incerti e necessitano di maggiori prove, e quindi raccomandano di spiegare l’incertezza sul rischio di malformazioni congenite alle donne in età fertile che prevedono il trattamento al litio, invece di considerare il litio come controindicazione, dicendo:

“Le donne che vorrebbero concepire o avere una gravidanza mentre assumevano litio dovrebbero essere informate che l’aumento del rischio di malformazioni congenite è incerto, paziente e medico dovrebbero discutere l’equilibrio dei rischi tra il danno al bambino e l’instabilità dell’umore materno prima di prendere una decisione interrompere la terapia al litio. “
Continuano a dire che sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire il legame tra litio, calcio e reni e suggeriscono che coloro che attualmente stanno vivendo la terapia al litio dovrebbero sottoporsi a test ripetuti o mensili di funzionalità renale, paratiroidea e tiroidea. I test dovrebbero essere condotti anche più frequentemente, in caso di risultati anormali o se il paziente ha una storia familiare di malattia endocrina.

Raccomandano inoltre di ripetere immediatamente gli esami del sangue in pazienti con alterazioni dello stato dell’umore, ad esempio mania e suggeriscono di registrare regolarmente qualsiasi evento di effetti avversi, inclusi i disturbi della pelle e dei capelli, in modo che possano essere aggiunti al corpo di prova esistente.

Gli autori sottolineano che il sovradosaggio di litio è pericoloso, così come il litio in circostanze che influiscono sulla riduzione del volume di sodio o di sangue. Sottolineano che ciò si verifica nella maggior parte dei pazienti che manifestano tossicità da litio quando sono malati con diarrea, vomito, insufficienza cardiaca, insufficienza renale, in periodi di intervento chirurgico o secondari all’interazione con un farmaco, ad esempio con anti-steroidei non steroidei farmaci infiammatori e inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina [ACE].

Concludono:

“Le evidenze hanno confermato gli importanti benefici terapeutici del litio rispetto ad alcuni dei farmaci alternativi che lo hanno sostituito, il che potrebbe portare ad un uso più ampio del litio.Le linee guida per la pratica clinica hanno a lungo raccomandato il litio come trattamento di prima linea per il disturbo bipolare ma il suo uso è diminuito, in parte a causa di problemi di sicurezza … Questa revisione fornisce una sintesi completa delle prove di danno che dovrebbero informare le decisioni cliniche e attirare l’attenzione su questioni chiave che necessitano di ulteriori chiarimenti “.
I dottori australiani Dr Gin S Malhi dell’Università di Sydney, NSW e Michael Berk dell’Università di Melbourne, VIC, dichiarano in un commento collegato:

“Nel contesto dei dati sull’efficacia che hanno aggiornato il ranking del litio e in concomitanza con nuovi dati che ricalibrano i rischi per la sicurezza dei farmaci alternativi, questo studio fornisce un chiarimento tempestivo della tossicità associata alla terapia al litio e, a conti fatti, ribadisce il suo ruolo come trattamento di scelta per il disturbo bipolare. “
Scritto da Petra Rattue

Like this post? Please share to your friends: