Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Lo stimolante simile all’anfetamina rimane negli integratori alimentari 2 anni dopo la scoperta della FDA

Nel gennaio 2014, la Food and Drug Administration statunitense ha pubblicato uno studio in cui identificava uno stimolante simile all’anfetamina in un certo numero di integratori alimentari comunemente usati. Più di 2 anni dopo, un nuovo studio condotto da un ricercatore della Harvard Medical School di Cambridge, MA, rileva che, non solo i prodotti contenenti il ​​supplemento sono ancora sul mercato, la loro abbondanza è aumentata.

Supplementi dietetici gli integratori contenenti BMPEA sono aumentati, passando dal 42,9% nel 2012 al 52,4% nel 2014 “, sottolineano i ricercatori.

Lo studio del 2014 della Food and Drug Administration (FDA), pubblicato nel, ha rivelato che nove dei 21 integratori testati commercializzati per perdita di peso, funzionalità cognitiva migliorata o prestazioni atletiche migliorate contenenti un estratto di pianta chiamato contenevano anche beta-metilfeniletilamina (BMPEA ).

BMPEA è un composto sintetico strettamente correlato all’anfetamina. Sebbene la sicurezza della sostanza non sia stata testata nell’uomo, studi condotti su cani e gatti hanno dimostrato di aumentare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca, condizioni note per aumentare il rischio di infarto e ictus negli esseri umani.

Ma nonostante i risultati della FDA, sembra che l’organizzazione non abbia intrapreso alcuna azione per far rispettare la rimozione di BMPEA dagli integratori alimentari o per mettere in guardia i consumatori sui potenziali rischi.

I risultati rappresentano un “profondo fallimento della leadership alla FDA”

Martedì, il Dr. Pieter A. Cohen, della Cambridge Health Alliance di Harvard, e colleghi hanno pubblicato uno studio sulla rivista, rivelando che BMPEA è stato identificato in 11 dei 21 integratori alimentari che hanno acquistato 1 anno dopo i risultati della FDA.

“Da quando la FDA ha scoperto BMPEA negli integratori, la percentuale di marche di integratori contenenti BMPEA è aumentata, passando dal 42,9% nel 2012 al 52,4% nel 2014”, sottolineano i ricercatori.

“Se questo rappresenta un vero aumento della prevalenza di BMPEA o è dovuto a differenze nei metodi di campionamento o altri fattori non è noto”, aggiungono. “Indipendentemente da ciò, la presenza continua di BMPEA negli integratori tradizionali continua a esporre i consumatori a potenziali rischi”.

Il dottor Cohen ha detto di essere “scioccato” dalle loro scoperte. “Avevo dato per scontato che la ricerca originale della FDA avrebbe indotto i produttori a ritirare tranquillamente questo stimolante da quando la FDA lo aveva scoperto”, ha detto.

Ci ha detto che i risultati rappresentano un “profondo fallimento della leadership” presso la FDA. “Il problema inizia con il commissario che ignora i supplementi e continua fino alla divisione degli integratori, che è intrecciata con l’industria degli integratori”, ha aggiunto.

Il team afferma che è necessario agire immediatamente per rimuovere BMPEA da tutti i supplementi e garantire che i consumatori evitino tali prodotti:

“Raccomandiamo ai produttori di integratori di richiamare immediatamente tutti i supplementi contenenti BMPEA e che la FDA usa tutti i suoi poteri di applicazione per eliminare BMPEA come ingrediente negli integratori alimentari.

I consumatori dovrebbero essere avvisati di evitare tutti i supplementi etichettati come contenenti. I medici devono rimanere attenti alla possibilità che i pazienti possano essere inavvertitamente esposti a stimolanti sintetici quando consumano perdita di peso e integratori sportivi. “

FDA: “nessun problema di sicurezza specifico identificato in questo momento”

La FDA, tuttavia, ha preso una diversa opinione sulla questione. In una dichiarazione rilasciata ieri, l’organizzazione ha affermato che la revisione dei prodotti contenenti BMPEA “non identifica una specifica preoccupazione per la sicurezza in questo momento”, anche se affermano che “prenderà in considerazione l’adozione di misure regolamentari, a seconda dei casi, per proteggere i consumatori”.

Parlando con, il dott. Cohen ha detto che è stato lasciato “senza parole” dalla dichiarazione della FDA. “Questa affermazione è ridicola”, ha aggiunto. “Come hanno potuto provare a far girare questo come se non ci fossero problemi di sicurezza? Questo è volare di fronte a ciò che abbiamo sentito dalle autorità sanitarie canadesi ed europee, per non parlare di molti esperti indipendenti”.

Ad esempio, la Food Standard Agency del Regno Unito afferma di non aver visto alcuna prova che non sia un “nuovo alimento”. In quanto tali, dicono – in base alle normative dell’Unione Europea (UE) – devono sottoporsi a test per assicurarsi che siano sicuri per il consumo umano.

Steve Mister, presidente e CEO del Council for Responsible Nutrition (CRN), è d’accordo con il Dr. Cohen e afferma di non vedere alcun motivo per cui la FDA non possa intraprendere azioni appropriate contro i produttori di integratori che aggiungono BMPEA ai loro prodotti.

“BMPEA non sembra essere un ingrediente dietetico legittimo, e quindi, la sua inclusione in un prodotto etichettato come integratore alimentare rende il prodotto adulterato ai sensi della legge sugli integratori alimentari (DSHEA)”, ha spiegato Mister in una nota.

“Sebbene gli integratori rappresentino una piccolissima parte del settore degli integratori alimentari – così piccolo che non siamo a conoscenza di dati di vendita specifici – la FDA ha gli strumenti necessari per agire prima che ci siano gravi conseguenze per la salute, e CRN chiede agenzia di fare proprio questo. “

Sembra che i risultati del dott. Cohen e dei colleghi abbiano comunque dato il via ad azioni positive. La società di e-commerce Vitacost – che commercializza un integratore alimentare contenente BMPEA chiamato ARO-Vitacost Black Series BURN – afferma che stanno bloccando tutte le vendite online del prodotto.

“Non saranno disponibili per l’acquisto fino a quando non saremo in grado di effettuare ulteriori accertamenti, e ancora una volta abbiamo piena fiducia che questi prodotti siano sicuri ed efficaci per i nostri clienti”, ha affermato la società in una nota.

Ma parlando, il dottor Cohen ha detto che una tale mossa semplicemente non è abbastanza. “È troppo tardi troppo tardi, abbiamo bisogno di tutti questi prodotti fuori dagli scaffali dei negozi, ma soprattutto è necessario che la FDA applichi la legge”.

Il mese scorso, riportato su uno studio pubblicato nel, in cui i ricercatori affermano che un popolare supplemento anti-invecchiamento – l’ubichinone – è improbabile che abbia qualche beneficio.

Like this post? Please share to your friends: