Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Lo stress psicologico “aumenta il rischio di ictus”

I sintomi depressivi in ​​particolare, ma anche lo stress cronico nella vita, aumentano il rischio che gli anziani abbiano un ictus o un attacco ischemico transitorio, affermano che i ricercatori, che hanno trovato sentimenti di ostilità, ma non di rabbia, erano anche un fattore di rischio per la malattia cerebrovascolare.

Lo studio di oltre 6.700 persone di età compresa tra i 45 e gli 84 anni, riportato nel diario della American Heart Association, ha confrontato le percentuali di mini-ictus completo tra persone di diversi profili psicologici valutate tramite questionario.

Rispetto alle persone che hanno avuto punteggi psicologici sani, quelli con i punteggi più poveri hanno mostrato i seguenti aumenti percentuali della loro probabilità di subire un ictus o un attacco ischemico transitorio (TIA):

  • 86% per un punteggio elevato sui sintomi depressivi
  • 59% per i punteggi più alti di stress cronico.

Sull’effetto dei sentimenti di ostilità – “che è un modo negativo di vedere il mondo” ed è stato valutato dalle “aspettative ciniche delle motivazioni altrui” della persona – questo ha comportato un raddoppiamento del rischio rispetto a persone che non hanno ottenuto un punteggio elevato questo profilo. I sentimenti di rabbia, tuttavia, non hanno avuto alcun effetto.

La dottoressa Susan Everson-Rose, autrice principale e professore associato di medicina all’Università del Minnesota a Minneapolis, afferma:

“C’è una tale concentrazione sui fattori di rischio tradizionali – livelli di colesterolo, pressione sanguigna, fumo e così via – e quelli sono tutti molto importanti, ma studi come questo mostrano che le caratteristiche psicologiche sono ugualmente importanti”.

Lo stress cronico è stato misurato utilizzando le valutazioni per cinque diversi domini delle vite dei partecipanti:

  • Problemi di salute personale
  • Problemi di salute delle persone a loro vicine
  • Lavoro o capacità di lavorare
  • Le relazioni
  • Finanze.

Lo studio di decadi ha riguardato sei città americane

I dati per questa analisi provengono da uno studio condotto su sei siti statunitensi noti come lo studio multietnico di aterosclerosi.

I 6.749 partecipanti provenivano da un mix di etnie diverse tra Baltimora, Maryland, Chicago, Illinois, Forsyth County, NC, Los Angeles, California, New York City, New York e Saint Paul, MN.

Il numero quasi uguale di uomini e donne non ha mostrato alcuna evidenza di malattia cardiovascolare all’inizio della ricerca nei primi anni 2000.

Durante i primi 2 anni di reclutamento, sono stati valutati i valori basali di depressione e stress cronico e i soggetti sono stati monitorati per ulteriori 8,5 – 11 anni.

Durante lo studio, si sono verificati 147 ictus e 48 TIA ei ricercatori hanno effettuato un’analisi statistica alla fine per confrontare i tassi di malattia tra i diversi livelli di salute psicologica.

Possibili meccanismi biologici

Gli autori affermano di aver escluso la possibilità che i risultati dell’ictus possano essere spiegati da una scarsa salute psicologica che tende ad avere un cattivo effetto sullo stile di vita fisico (le persone che soffrono di stress e di emozioni negative hanno in genere più profili comportamentali avversi e hanno difficoltà a mantenersi in salute stili di vita e aderenza alle raccomandazioni terapeutiche “).

triste aspetto persona anziana

I fattori di stile di vita presi in considerazione erano:

  • fumo
  • Attività fisica
  • Consumo di alcool
  • Indice di massa corporea
  • Pressione sanguigna.

Indipendentemente da questi fattori, se si può presumere che la depressione e lo stress abbiano un effetto causale diretto sull’ictus, allora gli autori offrono solo idee teoriche su quale potrebbe essere il legame biologico.

“Lo stress e le emozioni negative attivano l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene”, scrivono, e questa attivazione del centro di stress del cervello influenza la coagulazione del sangue, tra una serie di altri effetti elencati nella carta.

Ma questi fattori non sono stati testati nello studio. Un altro percorso che è stato testato, quello degli effetti infiammatori, è stato testato in una certa misura, ma “poche prove” sono state dimostrate per questo.

I percorsi infiammatori sono “plausibili” perché “i fattori psicosociali qui misurati sono associati con l’aumento della proteina C-reattiva, del fibrinogeno e dell’interleuchina 6, che sono correlati al rischio di ictus”.

La conclusione dello studio recita: “Il nostro studio dimostra associazioni tra ictus in eccesso / rischio di TIA e sintomi depressivi, stress cronico e ostilità, che non sono stati spiegati da fattori di rischio di ictus tradizionali, marker infiammatori o aterosclerosi subclinica.

“È necessaria una migliore comprensione dei fattori di rischio di ictus importanti, potenzialmente modificabili, tra cui lo stress e le emozioni negative, data l’invecchiamento della popolazione e l’aumento del carico di ictus”.

Like this post? Please share to your friends: