Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Lo stress può accorciare una gravidanza e causare meno figli che nascono

Secondo uno studio pubblicato online l’8 dicembre sulla rivista Human Reproduction in Europa, le madri stressate durante il secondo e il terzo trimestre di gravidanza possono ridurre la durata della gravidanza e aumentare il rischio di nascere prematuramente. Inoltre, lo stress può anche influenzare il rapporto tra maschi e femmine, portando ad un declino nei bambini maschi. Lo studio ha esaminato l’effetto dello stress causato dal terremoto di Tarapaca del 2005 in Cile sulle donne incinte.

Anche se i ricercatori sanno che lo stress può ridurre la gravidanza, fino ad ora nessuna indagine ha esaminato l’impatto dei tempi dello stress e l’effetto che lo stress può avere sul rapporto tra maschi e femmine.

Queste domande sono trattate nel nuovo studio che indica anche che la sua esposizione allo stress stesso invece di altri fattori che possono spesso contribuire o causare stress, come la povertà, sembra influenzare la gravidanza.

In Cile, tra il 2004 e il 2006, ci sono state più di 200.000 nascite all’anno. I certificati di nascita di tutti i bambini nati durante questa durata sono stati esaminati dai professori Florencia Torche (PhD) e Karine Kleinhaus (MD, MPH), della New York University (New York, USA).

Ogni record di nascita includeva i dati relativi all’età gestazionale al momento della consegna, il peso, l’altezza e il sesso del bambino, nonché eventuali cure mediche. Inoltre, i registri hanno fornito dati sull’età della madre al momento della consegna, precedenti gravidanze, se esistenti, stato civile, e in quale delle 350 contee in Cile risiede. Questi dati hanno fornito al team dati estremamente specifici su quanto le madri sono state esposte agli effetti del terremoto, sulla base di quanto vicino all’epicentro hanno vissuto.

Prof Torche, professore associato di sociologia, ha spiegato:

“Guardando le informazioni sull’età gestazionale al momento del terremoto in un grande gruppo di donne non selezionate, abbiamo permesso di determinare il rischio di specifici esiti di nascita per età gestazionale di esposizione a un fattore di stress, che, in quanto catastrofe naturale, è stato sperimentato da tutti allo stesso tempo, anche se in vari gradi di gravità, a seconda di quanto vivevano vicino all’epicentro: siamo stati in grado di catturare i periodi di sviluppo in cui l’esposizione allo stress era più dannosa per entrambi i sessi “.
Iquique e Alto Hospicio, e le città circostanti erano le aree più efficaci dal “disastroso” terremoto che misurava 7,9 sulla scala di magnitudo del momento (il successore della scala Richter). Il team ha scoperto che le donne che vivevano più vicino all’epicentro del terremoto durante il loro secondo e terzo trimestre di gravidanza avevano gravidanze più brevi ed erano ad aumentato rischio di ottenere prematuramente (prima di 37 settimane di gestazione).

In media, le donne esposte al terremoto nel secondo trimestre hanno consegnato i loro bambini 0,17 settimane (1,3 giorni) prima rispetto alle donne in aree non affette del paese e quelle nel terzo trimestre hanno consegnato i loro bambini 0,27 settimane (1,9 giorni) prima. Di solito, circa 6 donne su 100 hanno avuto un parto prematuro, tuttavia questo è aumentato del 3,4% (9 su 100 donne) nelle donne esposte al terremoto nel terzo trimestre.

L’effetto è stato più notevole per le nascite femminili; la probabilità di parto prematuro è aumentata del 3,8% se la madre è stata esposta al terremoto durante il terzo trimestre e del 3,9% se si è verificato nel secondo trimestre. Nelle nascite maschili non è stato osservato alcun effetto statisticamente significativo.

Nel calcolare l’effetto dello stress sul rapporto tra i sessi: il rapporto tra nati vivi da maschio a femmina, la squadra ha dovuto fare aggiustamenti in quanto lo stress del sisma ha avuto un effetto più significativo sulle nascite premature nelle ragazze rispetto ai maschi. Hanno scoperto che c’era un calo del 5,8% nel rapporto tra i sessi tra quelli esposti al terremoto nel terzo trimestre.

Il professor Kleinhaus, che è professore associato di psichiatria, ostetricia e ginecologia e medicina ambientale, ha dichiarato:

“Generalmente ci sono più maschi che femmine nati vivi.La proporzione tra nati maschi e femmine è di circa 51:49 – in altre parole, su 100 nati, 51 saranno maschi. I nostri risultati indicano un calo del 5,8% in questa proporzione , che si tradurrebbe in un rapporto di 45 nascite maschili per 100 nascite, così ora ci sono più femmine che nascite maschili, questo è un cambiamento significativo per questo tipo di misura “.
Precedenti studi avevano indicato che le donne che sono stressate hanno maggiori probabilità di abortire i feti maschi mentre crescono più delle femmine, richiedendo quindi più risorse da parte della madre. Inoltre, potrebbero non essere forti come le femmine e potrebbero non adattarsi al loro sviluppo in un ambiente stressante nel grembo materno.

Prof. Torche, ha spiegato:

“I nostri risultati su una diminuzione del rapporto sessuale supportano questa ipotesi e suggeriscono che lo stress può influenzare la vitalità delle nascite maschili, al contrario, tra le concezioni femminili, l’esposizione allo stress sembra non influenzare la vitalità del loro concepimento, ma piuttosto la durata della gestazione”.
I ricercatori affermano che la placenta, che controlla la durata della gravidanza, e l’effetto dell’ormone dello stress cortisolo sulla funzione della placenta, possono essere meccanismi possibili per spiegare le loro scoperte.

Il prof. Torche ha concluso:

“In termini di implicazioni, è chiaramente irrealistico raccomandare di evitare i disastri naturali, ma questa ricerca suggerisce la necessità di migliorare l’accesso alle cure sanitarie per le donne dall’inizio della gravidanza e anche prima del concepimento, ovviamente questo non ridurrà l’esposizione allo stress, ma può fornire cure, consigli e strumenti che consentano alle donne di far fronte a situazioni stressanti.

Un’implicazione separata ha a che fare con la nostra capacità di utilizzare un “esperimento naturale” (il terremoto) per isolare l’effetto dello stress da fattori che comunemente lo accompagnano. In particolare, i ricercatori hanno a lungo suggerito che la povertà è dannosa per gli esiti sanitari a causa dello stress che provoca.

Questo è molto plausibile, ma è difficile districare l’effetto dello stress da solo dagli altri fattori associati alla povertà, come la privazione nutrizionale e le carenze abitative, che potrebbero anche avere un impatto indipendente sulla salute delle donne e sull’esito delle loro gravidanze. Ciò rende difficile accertare se lo stress stesso, in effetti, contenga. La nostra ricerca fornisce prove evidenti che lo fa. ”
Scritto da: Grace Rattue

Like this post? Please share to your friends: