Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Lo studio mostra la comunicazione “mente-a-mente” negli esseri umani

In uno studio che per la prima volta stabilisce la fattibilità della comunicazione diretta cervello-cervello, un gruppo internazionale di ricercatori ha dimostrato con successo che è possibile inviare un pensiero non invasivo da una persona a un’altra 5.000 miglia di distanza, senza che entrambi abbiano parlare o scrivere.

Infatti, in un articolo sul lavoro pubblicato, gli autori sostengono che ciò che lo studio mostra dovrebbe probabilmente essere definito trasmissione “mind-to-mind” in contrapposizione a “brain-to-brain”, perché “sia l’origine che la destinazione di la comunicazione implicava la consapevolezza dei soggetti “.

Nell’equivalente brain-to-brain di “instant messaging”, lo studio mostra come il team internazionale di neuroscienziati e ingegneri di robotica ha utilizzato varie “neurotecnologie” per inviare messaggi via Internet tra il cuoio capelluto intatto di due soggetti umani oltre 5.000 miglia a parte – uno in India e l’altro in Francia.

Il team ha incluso membri del Beth Medical Deaconess Medical Center (BIDMC), un insegnante di insegnamento della Harvard Medical School (HMC) a Boston, MA, Starlab Barcelona in Spagna e Axilum Robotics a Strasburgo, in Francia.

Brain-to-brain su Internet senza parlare o digitare

Il co-autore Alvaro Pascual-Leone, direttore del Centro per la stimolazione cerebrale non invasiva di Berenson-Allen al BIDMC e il professore di Neurologia di HMC, spiega come volevano scoprire se era possibile inviare messaggi tra due persone leggendo l’attività cerebrale da una altro, e per farlo a grande distanza, utilizzando i percorsi di comunicazione esistenti:

“Uno di questi percorsi è, ovviamente, Internet, quindi la nostra domanda è diventata – potremmo sviluppare un esperimento che aggirerebbe la parte parlante o dattilografica di Internet e stabilirà una comunicazione diretta cervello-cervello tra soggetti distanti l’uno dall’altro in India e la Francia? “

E hanno dimostrato che la risposta alla loro domanda era “Sì”.

Il team ha scelto di trasmettere pensieri dall’India alla Francia utilizzando due tecnologie del cervello collegate da un’interfaccia computer-cervello via Internet: elettroencefalogramma (EEG) e stimolazione magnetica transcranica guidata da robot e immagine guidata (TMS).

illustrazione di persone con cervelli collegati

Precedenti studi hanno già dimostrato che una persona può avere un pensiero cosciente sul movimento di un braccio o di una gamba e che il pensiero può essere trasmesso tramite interazione cervello-computer basata su EEG a un computer che lo passa a un robot che muove un arto o controlla una sedia a rotelle .

Ma questo nuovo studio prende una fase ulteriore aggiungendo un secondo cervello umano all’altro capo del sistema di comunicazione.

I ricercatori hanno reclutato quattro volontari sani – di età compresa tra i 28 e i 50 anni – per prendere parte a un numero di esperimenti. Uno era il mittente – con sede in India, e gli altri tre erano destinatari dei messaggi e dovevano capirli – erano basati in Francia.

L’EEG raccolse i “pensieri” nel mittente – il saluto “hola” (che significa “ciao” in catalano o spagnolo) o “ciao” (“ciao” o “addio” in italiano) – che furono poi assegnati al cervello- interfaccia per computer da inviare come codice binario via e-mail dall’India alla Francia. In Francia, l’interfaccia acomputer-cervello traduceva i pensieri in segnali che passavano attraverso il cuoio capelluto dei thereceivers come stimolazioni cerebrali non invasive con l’aiuto del TMS robotizzato.

I ricevitori hanno sperimentato le stimolazioni cerebrali come “fosfeni” – lampi di luce sulla periferia della loro visione. I flash apparivano in sequenze numeriche che i ricevitori potevano decodificare nei messaggi.

Verso la comunicazione mente-a-mente senza usare linguaggio o gesti?

Il team ha condotto esperimenti simili tra Spagna e Francia. I risultati finali hanno mostrato un tasso di errore di solo il 15%, con un tasso di errore del 5% sul lato mittente e un tasso di errore dell’11% sul lato ricevente.

Il prof. Pascual-Leone dice grazie alle neuro-tecnologie di precisione avanzate, vale a dire l’EEG wireless alla fine dell’invio e il TMS robotizzato alla fine ricevente, trasmettevano i pensieri direttamente e non-invasivamente da una persona all’altra, senza che loro dovessero parlare o scrivere e aggiunge:

“Questo è di per sé un notevole passo in avanti nella comunicazione umana, ma essere in grado di farlo attraverso l’adiacenza di migliaia di miglia è una prova di principio estremamente importante per lo sviluppo delle comunicazioni cervello-a-cervello”.

Il team ritiene che i risultati siano un passo importante verso l’esplorazione della possibilità di comunicare da mente a mente senza l’uso del linguaggio o dei gesti.

La stimolazione magnetica transcranica (TMS) è un metodo relativamente nuovo di stimolazione senza dolore delle cellule cerebrali. Nel 2011, i ricercatori hanno descritto in due studi come hanno scoperto l’attività di diversi tipi di cellule cerebrali cambiati con diversi TMSpattern.

Like this post? Please share to your friends: