Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Lo studio rivela come la schizofrenia colpisce il cervello

Gli scienziati hanno scoperto come la schizofrenia e l’uso di farmaci anti-psicotici possano influenzare il tessuto cerebrale rivedendo i dati progressivi dalle scansioni cerebrali, secondo uno studio pubblicato nel.

Ricercatori dell’Università dell’Iowa, guidati dalla professoressa di psichiatria Nancy Andreasen, hanno analizzato 202 scansioni MRI di pazienti che soffrono di disturbi mentali.

Tutti i pazienti hanno esaminato le loro scansioni dal loro primo episodio schizofrenico e a intervalli regolari di 6 mesi fino a un periodo di 15 anni.

I ricercatori affermano che come dati di follow-up clinici sono stati ottenuti ogni 6 mesi, sono stati in grado di calcolare le misure del numero di recidive e della durata e di metterli in relazione con le misure strutturali di risonanza magnetica.

Notano che poiché l’intensità di trattamento più alta è stata precedentemente collegata a volumi di tessuto cerebrale più piccoli, questo effetto di conteggio è stato misurato in termini di anni-dose.

Mancanza di tessuto cerebrale nei pazienti schizofrenici

Le scansioni del primo episodio dei pazienti hanno rivelato che avevano meno tessuto cerebrale, rispetto a individui sani senza il disturbo.

I ricercatori dicono che questa scoperta suggerisce che qualcosa sta influenzando il cervello di quelli con schizofrenia prima che dimostrino sintomi evidenti delle condizioni.

Il Prof. Andreasen spiega:

“Ci sono diversi studi, inclusi i miei, che mostrano che le persone con schizofrenia hanno dimensioni craniche inferiori alla media.

Poiché lo sviluppo del cranio è completato nei primi anni di vita, potrebbero esserci alcuni aspetti del primo sviluppo – forse cose come le complicazioni della gravidanza o l’esposizione a virus – che in media sono le persone affette da schizofrenia. “

Le scansioni cerebrali hanno anche dimostrato che coloro che soffrono di schizofrenia hanno dimostrato la più alta perdita di tessuto nei primi 2 anni dopo il loro primo episodio, dopo di che ha rallentato significativamente.

Il Prof. Andreasen afferma che questo risultato può aiutare i medici a identificare i periodi di tempo più efficaci per prevenire la perdita di tessuto nei pazienti schizofrenici, nonché altri effetti causati dal disturbo.

I farmaci anti-psicotici “portano a una maggiore perdita di tessuto cerebrale”

Quando si è trattato di monitorare l’effetto dei farmaci anti-psicotici sui pazienti schizofrenici, i ricercatori sono rimasti delusi dai loro risultati.

I risultati hanno mostrato che maggiore è il dosaggio del farmaco antipsicotico nei pazienti, maggiore è stata la perdita di tessuto cerebrale.

Il prof. Andreasen dice:

“Questo è stato un risultato molto sconvolgente. Abbiamo passato un paio di anni ad analizzare i dati più o meno sperando di aver commesso un errore, ma alla fine è stato un risultato solido che non sarebbe andato via, quindi abbiamo deciso di vai avanti e pubblicalo.

L’impatto è doloroso perché psichiatri, pazienti e familiari non sanno come interpretare questo risultato. “Dovremmo smettere di usare farmaci antipsicotici? Dovremmo usare meno? ‘”

Inoltre, analizzando il modo in cui le recidive hanno interessato il tessuto cerebrale, le scansioni hanno dimostrato che ricadute più lunghe erano legate alla perdita di tessuto cerebrale. I ricercatori dicono che questo potrebbe cambiare il modo in cui i farmaci anti-psicotici sono usati per trattare la schizofrenia.

Come la schizofrenia colpisce il cervello
Le scansioni MRI hanno aiutato il Prof. Andreasen e il suo team a vedere come i farmaci anti-psicotici influenzano il cervello. Fonte: Università dello Iowa

Il prof. Andreasen dice che molti anni fa c’erano molte persone cronicamente ospedalizzate a causa della schizofrenia. Ma ora la maggior parte dei malati del disturbo si trova nella comunità, e questo è il risultato di farmaci anti-psicotici.

“Ma il trattamento antipsicotico ha un impatto negativo sul cervello, quindi dobbiamo far sapere che dovrebbero essere usati con molta cura”, osserva.

“Perché anche se hanno meno effetti collaterali di alcuni degli altri farmaci che usiamo, non sono certamente senza problemi e possono avere conseguenze per tutta la vita per la salute e la felicità delle persone e delle famiglie che serviamo”.

recentemente riferito su uno studio che ha rivelato la scoperta di 13 indizi genetici che potrebbero aiutare a spiegare la causa della schizofrenia.

Like this post? Please share to your friends: