Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Lo studio rivela perché le statine aumentano il rischio di diabete e offre una soluzione

Le statine sono farmaci che abbassano il colesterolo nel corpo interferendo con la produzione di colesterolo nel fegato. Anche se abbassano il colesterolo cattivo e aumentano il colesterolo buono, un effetto collaterale è che aumentano il rischio di diabete. Ora, i ricercatori hanno scoperto il motivo e offrono un modo per sopprimere questo effetto collaterale.

Una delle droghe più utilizzate al mondo, le statine sono state acclamate dalla comunità medica per la loro capacità di prevenire le malattie cardiache.

Tuttavia, i ricercatori, che hanno pubblicato le loro scoperte sulla rivista, erano confusi sul motivo per cui il diabete era legato all’uso di statine.

“Recentemente, un maggiore rischio di diabete è stato aggiunto all’etichetta di avvertimento per l’uso di statine”, dice l’autore principale Jonathan Schertzer, assistente professore di Biochimica e Scienze biomediche, e Canadian Diabetes Association Scholar.

“Questo ci ha lasciato perplessi”, continua, “perché se stai migliorando il tuo profilo metabolico con le statine dovresti effettivamente diminuire l’incidenza del diabete con questi farmaci, ma è successo il contrario”.

Secondo il team, circa 13 milioni di persone potrebbero essere prescritte a un farmaco statine ad un certo punto della loro vita.

Nel gennaio di quest’anno, la Food and Drug Administration (FDA) ha pubblicato un aggiornamento del consumatore che illustra alcuni dei rischi associati all’assunzione di statine, che comprendeva un aumento del rischio di aumento dei livelli di zucchero nel sangue e lo sviluppo del diabete di tipo 2.

A quel tempo, la dottoressa Amy G. Egan, vicedirettrice per la sicurezza nella Divisione di Metabolismo ed Endocrinologia della FDA, disse:

“Chiaramente pensiamo che i benefici cardiaci delle statine superino questo piccolo aumento di rischio, ma cosa significa per i pazienti che assumono statine e gli operatori sanitari che li prescrivono è che i livelli di zucchero nel sangue possono dover essere valutati dopo l’istituzione della terapia con statine”.

Ma fino a quando il Prof. Schertzer e il suo team hanno condotto le loro ultime ricerche, il percorso che collega statine al diabete era sconosciuto.

Gliburide assunto con le statine ha soppresso la risposta immunitaria

Dopo un’indagine approfondita, il team di ricerca ha scoperto che le statine “attivavano una risposta immunitaria molto specifica, che impediva all’insulina di svolgere correttamente il suo lavoro”, afferma il prof. Schertzer.

Dopo aver “collegato i punti”, lui e il suo team hanno scoperto che prendere un altro farmaco – chiamato gliburide – insieme alle statine sopprimeva questa risposta immunitaria.

pillole

Questa scoperta potrebbe portare allo sviluppo di nuovi obiettivi per questa via immunitaria che non interferiscono con gli effetti positivi delle statine, dicono.

Per la ricerca futura, il Prof. Schertzer e colleghi vogliono capire come le statine possano far progredire il diabete comprendendo come funzionano i farmaci nel pancreas, un organo che secerne l’insulina. Altri effetti collaterali includono dolore muscolare e rottura muscolare, e il team spera di capire se il percorso immunitario è coinvolto in tali effetti collaterali.

“È prematuro dire che cambieremo questo farmaco”, dice il prof. Schertzer, “ma ora che capiamo un modo in cui può causare questo effetto collaterale, possiamo sviluppare nuove strategie per minimizzare gli effetti collaterali”.

Aggiunge che potrebbero persino usare prodotti naturali o strategie di nutrizione per contrastare questi effetti collaterali.

Poiché le statine sono così ampiamente prescritte, i ricercatori sostengono che comprendere come essi possano provocare effetti avversi potrebbe portare a miglioramenti vitali del farmaco, che potrebbero infine colpire una larga parte della popolazione.

Il prof. Schertzer conclude notando:

“Con la nuova etichetta di avvertimento federale sul rischio di diabete con l’uso di statine, la gente sta dibattendo pesantemente sui suoi pro e contro.Pensiamo che questa sia la conversazione sbagliata. Le statine sono una grande droga per molte persone. su è come migliorarli, e stiamo iniziando a capire la biologia di base delle statine, così possiamo fare proprio questo. “

recentemente riportato su uno studio che ha suggerito che i pazienti con malattie terminali traggano beneficio dall’arresto delle statine. I ricercatori di tale studio hanno affermato che i pazienti in fasi avanzate di cancro o altre malattie terminali possono prolungare la propria vita interrompendo l’uso del farmaco.

Like this post? Please share to your friends: