Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Lo studio rivela quale depressione, l’ansia appare nel cervello

Le persone con depressione e ansia sociale hanno alcune anomalie strutturali comuni e specifiche nel loro cervello che possono essere individuate nelle scansioni di imaging.

Una donna triste seduta vicino alla finestra

Questo è stato il risultato principale di uno studio dell’Università Sichuan di Chengdu in Cina, che si tiene questa settimana all’incontro annuale della Radiological Society of North America a Chicago, IL.

I ricercatori – il Dr. Youjin Zhao e il co-autore Dr. Su Lui – sono giunti alle loro conclusioni dopo aver esaminato scansioni cerebrali ad alta risoluzione con risonanza magnetica (MRI) di 37 persone con disturbo depressivo maggiore (MDD), 24 con disturbo d’ansia sociale ( SAD) e 41 persone in buona salute (i controlli).

Hanno cercato differenze nella materia grigia del cervello, concentrandosi specificamente sullo spessore della corteccia cerebrale, uno spesso strato esterno di tessuto che è densamente pieno di neuroni e si occupa della maggior parte del processo di elaborazione del cervello.

La MDD, comunemente chiamata depressione, è una grave malattia medica caratterizzata da persistente tristezza e irritabilità. È una delle principali cause di malattia e lesioni in tutto il mondo.

La depressione fa sì che le persone perdano interesse per le cose che erano solite godere e trovare appaganti; in alcuni casi, la malattia è così grave che può essere una lotta enorme solo per alzarsi dal letto. Danneggia non solo le persone colpite ma anche le loro famiglie, amici e comunità.

Negli Stati Uniti, la depressione è un problema significativo di salute pubblica che colpisce più di 16 milioni di persone in qualsiasi momento e costa alla nazione circa 210 miliardi di dollari all’anno.

Depressione e ansia spesso si verificano insieme

SAD è un’intensa paura o ansia di essere giudicati o respinti in una situazione sociale. I sintomi possono essere così debilitanti che la vita normale diventa molto difficile.

Le persone con SAD fanno fatica a trovare e mantenere amici e partner. Ci sono circa 15 milioni di adulti con SAD negli Stati Uniti.

Non è insolito per le persone con diagnosi di depressione avere anche un disturbo d’ansia, e viceversa. Quasi la metà delle persone con diagnosi di depressione hanno anche un disturbo d’ansia.

Il Dr. Zhao spiega che MDD e SAD hanno anche alcuni sintomi clinici in comune che potrebbero suggerire di condividere alcuni meccanismi cerebrali. Tuttavia, osserva che pochi studi hanno cercato somiglianze o differenze nella struttura del cervello delle persone affette da MDD e DAU.

Nel loro studio, hanno scoperto che i pazienti con MDD e SAD avevano alterazioni simili e diverse nello spessore delle parti della corteccia. Alcune delle alterazioni relative a un ispessimento, mentre altri a un diradamento, della regione interessata.

Ad esempio, entrambe le condizioni hanno mostrato differenze nelle “reti di salienza e di attenzione dorsale” rispetto ai controlli sani. Queste due reti comprendono regioni cerebrali che aiutano a decidere su cosa prestare attenzione e concentrarsi sulla ricchezza di stimoli che ci circonda.

Un’altra area della corteccia, la corteccia insulare, una regione che è importante per la percezione e l’auto-consapevolezza, sembra anche essere più spessa sia nei pazienti MDD che nei pazienti SAD confrontati con i controlli.

Cosa significano i risultati?

I ricercatori dicono che non è chiaro cosa significano le loro scoperte. Per esempio, un’altra area della corteccia che sembra essere più spessa nei pazienti con MDD e SAD è la corteccia cingolata anteriore, che è collegata all’emozione.

È possibile, afferma il dott. Zhao, “che uno spessore corticale maggiore possa riflettere un meccanismo compensatorio correlato all’infiammazione o ad altri aspetti della fisiopatologia”.

Ma potrebbe esserci un altro motivo, spiega: “Lo spessore cingolato maggiore del cingolo anteriore potrebbe essere il risultato sia degli sforzi continui di coping che dei tentativi di regolazione emotiva dei pazienti con MDD e SAD”.

I ricercatori hanno anche scoperto che i pazienti con SAD presentavano differenze strutturali nel loro “circuito della paura” e che i pazienti con MDD presentavano differenze nella regione che contiene la “rete di riconoscimento visivo”.

Le modifiche alla rete di riconoscimento visivo potrebbero spiegare perché le persone con MDD a volte hanno difficoltà con attenzione selettiva e memoria di lavoro, dice il dottor Zhao.

“La rete di riconoscimento visivo è coinvolta nell’elaborazione emotiva del volto, che è cruciale per il funzionamento sociale: la depressione è stata associata ad alterazioni strutturali in queste regioni”.

Prof. Paolo Fiorina

I ricercatori osservano che i loro risultati offrono un punto di partenza per ulteriori ricerche, con gruppi più ampi di pazienti e controlli sani, insieme a “analisi dell’apprendimento automatico”, per scoprire di più su come l’MRI strutturale potrebbe aiutare a diagnosticare e aiutare a decidere i trattamenti per MDD e TRISTE.

Like this post? Please share to your friends: