Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Malaria: sintomi, trattamento e prevenzione

La malaria è una malattia ematica trasmessa dalle zanzare in pericolo di vita causata da un parassita Plasmodium.

Viene trasmesso agli esseri umani attraverso il morso della zanzara.

Una volta che una zanzara infetta morde un essere umano, i parassiti si moltiplicano nel fegato dell’ospite prima di infettare e distruggere i globuli rossi.

In alcuni luoghi, la malaria può essere trattata e controllata con una diagnosi precoce. Tuttavia, in alcuni paesi mancano le risorse per farlo efficacemente.

Attualmente, nessun vaccino è autorizzato per l’uso negli Stati Uniti o globalmente, sebbene uno sia disponibile in Europa.

La malaria è stata eliminata dagli Stati Uniti nei primi anni ’50, ma ogni anno si verificano ancora tra 1.500 e 2.000 casi, soprattutto in quelli che hanno viaggiato di recente in aree endemiche di malaria.

Fatti veloci sulla malaria:

Ecco alcuni punti chiave sulla malaria. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • La malaria è tipicamente diffusa dalle zanzare.
  • I sintomi assomigliano a quelli dell’influenza, ma, senza trattamento, gli effetti a volte possono essere a lungo termine e fatali.
  • Viaggiatori, escursionisti e campeggiatori possono proteggersi con farmaci, disinfestazione, vestiti e reti.

Cos’è la malaria?

La malaria è trasmessa dalla zanzara Anopheles.

Oltre 100 tipi di parassita Plasmodium possono infettare una varietà di specie. Si replicano a ritmi diversi e ciò influenza la rapidità con cui i sintomi si intensificano e la gravità della malattia.

Cinque tipi di parassita Plasmodium possono infettare gli umani. Si trovano in diverse parti del mondo. Alcuni causano un tipo più grave di malaria rispetto ad altri.

Sintomi

I sintomi della malaria possono essere classificati in due categorie: malaria semplice e grave.

Malaria senza complicazioni

Questo viene diagnosticato quando i sintomi sono presenti, ma non ci sono segni per indicare una grave infezione o disfunzione degli organi vitali.

Questa forma può diventare grave malaria se non trattata, o se l’ospite ha scarsa o nessuna immunità.

I sintomi della malaria non complicata durano in genere da 6 a 10 ore e ricorrono ogni secondo giorno. Alcuni ceppi del parassita possono avere un ciclo più lungo o causare sintomi misti.

Poiché i sintomi sono simili a quelli dell’influenza, potrebbero non essere diagnosticati o diagnosticati erroneamente in aree in cui la malaria è meno comune.

Nella malaria non complicata, i sintomi progrediscono come segue, attraverso fasi fredde, calde e sudate:

  • una sensazione di freddo con brividi
  • febbre, mal di testa e vomito
  • a volte si verificano convulsioni nei giovani con la malattia
  • sudore, seguito da un ritorno alla temperatura normale, con stanchezza

Nelle aree in cui la malaria è comune, molti pazienti riconoscono i sintomi come malaria e si trattano senza visitare un medico.

Grave malaria

Nella malaria grave, le evidenze cliniche o di laboratorio mostrano segni di disfunzione degli organi vitali.

I sintomi della malaria grave includono:

  • febbre e brividi
  • coscienza alterata
  • prostrazione, o l’adozione di una posizione prona
  • più convulsioni
  • respiro profondo e difficoltà respiratoria
  • sanguinamento anormale e segni di anemia
  • ittero clinico ed evidenza di disfunzione d’organo vitale

La grave malaria può essere fatale senza trattamento.

Le cause

La malaria si verifica quando un morso della zanzara femmina infetta il corpo con il Plasmodium. Solo la zanzara può trasmettere la malaria.

Lo sviluppo positivo del parassita all’interno della zanzara dipende da diversi fattori, il più importante è l’umidità e le temperature ambientali.

Quando una zanzara infetta morde un ospite umano, il parassita entra nel flusso sanguigno e giace dormiente nel fegato.

L’ospite non avrà sintomi per una media di 10,5 giorni, ma il parassita della malaria inizierà a moltiplicarsi durante questo periodo.

I nuovi parassiti della malaria vengono poi rilasciati nel flusso sanguigno, dove infettano i globuli rossi e si moltiplicano ulteriormente. Alcuni parassiti della malaria rimangono nel fegato e non vengono rilasciati fino a più tardi, con conseguente recidiva.

Una zanzara non infetta si infetta quando si nutre di un individuo infetto. Questo riavvia il ciclo.

Diagnosi

La diagnosi precoce è fondamentale per il recupero di un paziente.

Chiunque mostri segni di malaria dovrebbe essere testato immediatamente.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) consiglia vivamente di confermare il parassita attraverso test di laboratorio microscopici o mediante un test diagnostico rapido (RDT), a seconda delle strutture disponibili.

Nessuna combinazione di sintomi può distinguere in modo affidabile la malaria da altre cause, quindi un test parassitologico è di vitale importanza per identificare e gestire la malattia.

In alcune aree malaria-endemiche, come l’Africa subsahariana, la gravità della malattia può causare una lieve immunità in gran parte della popolazione locale.

Di conseguenza, alcune persone portano i parassiti nel loro flusso sanguigno, ma non si ammalano.

Trattamento

Il trattamento mira a eliminare il parassita Plasmodium dal flusso sanguigno del paziente.

Quelli senza sintomi possono essere trattati per l’infezione per ridurre il rischio di trasmissione della malattia nella popolazione circostante.

La terapia combinata a base di artemisinina (ACT) è raccomandata dall’OMS per il trattamento della malaria non complicata.

L’Artemisinina è derivata dalla pianta, meglio conosciuta come l’assenzio dolce. È noto per la sua capacità di ridurre rapidamente la concentrazione di parassiti Plasmodium nel sangue.

L’ACT è l’artemisinina combinata con un farmaco associato. Il ruolo dell’artemisinina è quello di ridurre il numero di parassiti entro i primi 3 giorni di infezione, mentre i farmaci partner eliminano il resto.

L’ampliamento dell’accesso al trattamento ACT in tutto il mondo ha contribuito a ridurre l’impatto della malaria, ma la malattia sta diventando sempre più resistente agli effetti dell’ACT.

Nei luoghi in cui la malaria è resistente all’ACT, il trattamento deve contenere un farmaco partner efficace.

L’OMS ha avvertito che nessuna alternativa all’artemisinina sarà probabilmente disponibile per diversi anni.

Prevenzione

Ci sono diversi modi per tenere a bada la malaria.

Vaccinazione

Sono in corso ricerche per sviluppare vaccini globali sicuri ed efficaci per la malaria, con un vaccino già autorizzato per l’uso in Europa. Nessun vaccino è ancora autorizzato negli Stati Uniti.

È essenziale consultare il medico per i sospetti sintomi della malaria il prima possibile.

Prevenzione: consigli per i viaggiatori

I viaggiatori nei luoghi in cui la malaria è prevalente dovrebbero prendere precauzioni, ad esempio utilizzando zanzariere.

Mentre la malaria non è endemica negli Stati Uniti, viaggiare in molti paesi in tutto il mondo comporta un rischio.

I viaggiatori sono invitati a:

  • scoprire qual è il rischio di malaria nel paese e nella città o regione che stanno visitando
  • chiedere al proprio medico quali farmaci dovrebbero usare per prevenire l’infezione in quella regione
  • ottenere farmaci antimalarici prima di uscire di casa, per evitare il rischio di acquistare farmaci contraffatti quando sono lontani
  • considerare il rischio per i viaggiatori individuali, compresi i bambini, gli anziani, le donne incinte e le condizioni mediche esistenti di qualsiasi viaggiatore
  • assicurarsi che abbiano accesso a strumenti preventivi, molti dei quali sono disponibili per l’acquisto online. Questi includono repellenti per insetti, insetticidi, reti da letto pretrattate e abbigliamento appropriato
  • essere consapevoli dei sintomi della malaria

In situazioni di emergenza, le autorità sanitarie locali in alcuni paesi possono effettuare “annebbiamenti” o irrorare aree con pesticidi simili a quelle utilizzate negli spray per uso domestico.

L’OMS sottolinea che questi non sono dannosi per le persone, poiché la concentrazione di pesticidi è abbastanza forte da uccidere le zanzare.

Mentre sono via, i viaggiatori dovrebbero, ove possibile, evitare situazioni che aumentano il rischio di essere morsi dalle zanzare. Le precauzioni includono prendere una stanza con aria condizionata, non fare il campeggio con acqua stagnante e indossare vestiti che coprono il corpo nei momenti in cui le zanzare hanno più probabilità di essere in giro.

Per un anno dopo il ritorno a casa, il viaggiatore potrebbe essere soggetto a sintomi di malaria. Donare sangue potrebbe anche non essere possibile per un po ‘di tempo.

Abbiamo scelto gli articoli collegati in base alla qualità dei prodotti ed elencato i pro e i contro di ciascuno per aiutarti a determinare quale funzionerà meglio per te. Collaboriamo con alcune delle aziende che vendono questi prodotti, il che significa che Healthline UK e i nostri partner potrebbero ricevere una parte dei ricavi se si effettua un acquisto utilizzando un link (s) di cui sopra.

Like this post? Please share to your friends: