Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Malasanità medica: cosa comporta?

Malpractice medica si verifica quando un operatore sanitario o fornitore trascura di fornire un trattamento appropriato, omette di intraprendere un’azione appropriata, o fornisce un trattamento inferiore alla media che provoca danni, lesioni o morte a un paziente.

La negligenza o negligenza normalmente comporta un errore medico. Questo potrebbe essere nella diagnosi, nel dosaggio del farmaco, nella gestione della salute, nel trattamento o nel follow-up.

La legge sulla negligenza medica consente ai pazienti di recuperare il risarcimento da eventuali danni derivanti da trattamenti sub-standard.

Secondo il Medical Malpractice Center, negli Stati Uniti, ci sono tra 15.000 e 19.000 cause di malasanità contro medici ogni anno.

Le norme e i regolamenti relativi alle pratiche mediche scorrette possono differire da paese a paese.

Qual è la negligenza medica?

[errore medico]

Ci si aspetta che un ospedale, un medico o un altro operatore sanitario forniscano un determinato standard di cura.

Il professionista non è responsabile per tutti i danni che un paziente sperimenta.

Tuttavia, sono legalmente responsabili se il paziente subisce danni o lesioni in quanto il fornitore di servizi sanitari si discosta dalla qualità dell’assistenza normalmente prevista in situazioni simili.

Secondo gli avvocati degli illeciti negli Stati Uniti, per la mancata considerazione di casi di malasanità, devono essere coinvolti diversi fattori.

Questi sono:

Mancato rispetto di un adeguato standard di cura: la legge richiede che gli operatori sanitari rispettino determinati standard o che siano potenzialmente esposti a un’accusa di negligenza.

Un infortunio deriva da negligenza: se un paziente ritiene che il fornitore sia stato negligente, ma nessun danno o infortunio si verifica, non ci può essere alcun reclamo. Il paziente deve dimostrare che la negligenza ha causato lesioni o danni e che, senza la negligenza, non sarebbe successo.

La lesione deve avere conseguenze dannose: il paziente deve dimostrare che la lesione o il danno causato dalla negligenza medica ha provocato danni considerevoli.

Un danno considerevole potrebbe essere:

  • sofferenza
  • difficoltà durature
  • dolore costante
  • notevole perdita di reddito
  • invalidità

Bal (2009) afferma che, per considerare un caso di negligenza, deve essere vero quanto segue:

Il paziente ferito deve dimostrare che il medico ha agito negligentemente nel prestare cure e che tale negligenza ha provocato lesioni. Per fare ciò, devono essere provati quattro elementi legali: (1) un dovere professionale dovuto al paziente; (2) violazione di tale dovere; (3) danno causato dalla violazione; e (4) danni risultanti. Questo include non fare nulla quando avrebbero dovuto fare qualcosa. Questo può essere considerato un atto di omissione o negligenza.

Insoddisfazione per l’esito del trattamento non implica malpractice. È solo negligenza quando c’è negligenza e lesioni e la negligenza causa il danno o la ferita.

Tipi di errore e malcostume

Esempi di casi in cui un errore o negligenza potrebbe portare a una causa includono:

  • diagnosi errata o mancata diagnosi
  • chirurgia non necessaria o errata
  • scarica prematura
  • mancato ordine di test appropriati o di agire sui risultati
  • non seguire
  • prescrivere il dosaggio sbagliato o il farmaco sbagliato
  • lasciare le cose all’interno del corpo del paziente dopo l’intervento chirurgico
  • operando sulla parte sbagliata del corpo
  • il paziente ha dolore persistente dopo l’intervento chirurgico
  • infezioni potenzialmente fatali acquisite in ospedale
  • ulcere da pressione o piaghe da decubito

Altri gravi incidenti in passato hanno incluso incendi negli ospedali e pazienti che si sono suicidati mentre erano sotto la responsabilità del personale sanitario.

Una squadra dell’Università dell’Illinois ha riferito che i fluidificanti del sangue rappresentano circa il 7% di tutti gli errori di terapia nei pazienti ospedalizzati.

I fluidificanti del sangue possono ridurre il rischio di ictus e infarto impedendo ai coaguli di svilupparsi nelle vene e nelle arterie, ma a dosi più elevate possono anche aumentare il rischio di sanguinamento.

Nel 2013, i risultati pubblicati indicano che la principale causa di malasanità era diagnosi errata o diagnosi ritardata.

Nel 2016, gli scienziati di Johns Hopkins hanno suggerito che gli errori medici dovrebbero essere la terza causa di morte negli Stati Uniti, dopo le malattie cardiache e il cancro.

Tuttavia, non è chiaro esattamente quante morti derivino da negligenza.

Le misure che hanno ridotto l’incidenza delle infrazioni da parte degli ospedali includono la definizione di linee guida per le migliori pratiche e un’attuazione duratura delle norme sull’igiene delle mani.

Consenso informato

Se il paziente non dà il consenso informato a una procedura medica, il medico o il medico può essere ritenuto responsabile se la procedura comporta danni o lesioni, anche se è stata effettuata perfettamente.

Se un chirurgo non informa il paziente che una procedura comporta il 30% di rischio di perdere un arto, e il paziente perde un arto, il medico sarà responsabile, anche se l’operazione è stata eseguita perfettamente. Questo perché il paziente può aver scelto di non andare avanti se fosse stato informato dei rischi.

Che cosa comporta un caso di malasanità?

[medico preoccupato dopo casi di malasanità]

La querelante è la persona che si lamenta. Questo può essere il paziente, una persona legalmente designata che agisce per conto del paziente, o se il paziente muore, l’esecutore o l’amministratore del patrimonio del paziente.

In termini legali, l’attore è la persona che porta una causa contro un’altra in un tribunale, la persona che avvia la causa, colui che sta facendo causa.

Il convenuto è il partito che è stato citato in giudizio. In un caso di negligenza medica è il fornitore di assistenza sanitaria. Questo potrebbe essere un medico, un’infermiera, un terapista o qualsiasi fornitore di servizi medici. Anche coloro che erano “a seguito di ordini” possono essere ritenuti responsabili di atti di negligenza.

La parte prevalente è la parte che vince la causa, sia la querelante che l’imputato.Se il convenuto vince il caso, l’attore ha perso e non riceverà alcun compenso.

La parte perdente è la parte che perde il caso.

Il fact-finder è il giudice o la giuria.

Elementi essenziali per un caso

La querelante deve dimostrare che esistevano quattro elementi per avere successo in una richiesta di negligenza medica:

  • Un dovere era dovuto dal fornitore di assistenza sanitaria o dall’ospedale
  • Un dovere è stato violato, perché il fornitore di assistenza sanitaria o l’ospedale non erano conformi allo standard di cura previsto
  • La violazione ha provocato un infortunio ed era strettamente legata alla ferita
  • Un danno considerevole è risultato per il paziente, sia fisico, emotivo o finanziario

Il processo

In primo luogo, l’attore o il suo rappresentante legale deve presentare una causa in un tribunale.

[modulo di malasanità]

Prima dell’inizio del processo, l’attore e il convenuto devono condividere le informazioni attraverso la scoperta. Questo può includere richieste di documenti, deposizioni e interrogatori.

Le parti possono stabilirsi in via stragiudiziale, se vengono a un accordo. In questo caso, il caso non andrà in giudizio. Se non sono d’accordo, il caso procederà al processo.

L’attore deve dimostrare in modo convincente che il convenuto è stato negligente.

Nella maggior parte delle prove, sia il convenuto che la querelante presenteranno degli esperti per spiegare quale standard di cura è stato richiesto.

Il fact-finder deve quindi prendere in considerazione tutte le prove e decidere quale parte è la più credibile.

Un verdetto verrà dato dal fact-finder per la parte prevalente. In altre parole, il giudice deciderà chi vincerà. Se è la querelante, il giudice deciderà in merito ai danni.

La parte perdente potrebbe chiedere un nuovo processo.

In alcuni tribunali, se il querelante vuole un accordo più ampio, possono spostarsi per additur, il che significa chiedere una valutazione dei danni e assegnare un importo maggiore.

Se il convenuto è insoddisfatto di un ampio giudizio, possono essere trasferiti in remittitur, il che significa che chiedono al tribunale di ridurre l’ammontare dei danni.

Ciascuna delle parti può richiedere un ricorso dal giudizio.

Che tipo di danni può ottenere la querelante?

L’attore può ricevere danni compensativi e punitivi.

I danni compensativi possono includere danni economici, inclusa la perdita di capacità di guadagno, le spese per la cura della vita e le spese mediche. Di solito vengono valutate le perdite passate e future.

I danni compensativi possono includere anche danni non economici, che valutano la lesione stessa, i danni psicologici e fisici, come la perdita della vista o delle gambe, il dolore estremo e il disagio emotivo.

I danni punitivi vengono assegnati solo se il convenuto è riconosciuto colpevole di cattiva condotta intenzionale o dolosa. I danni punitivi sono una forma di punizione. È una compensazione oltre ai danni effettivi.

Le cause legali sono costose, lunghe e stressanti. Chiunque stia pensando di iniziare una causa dovrebbe valutare i possibili pro e contro prima di agire.

Se la lesione è minore, il paziente può spendere di più per la causa che i soldi eventualmente recuperati.

Like this post? Please share to your friends: