Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Malattia del legionario: cosa devi sapere

La malattia del legionario è una forma di polmonite che può verificarsi quando una persona respira i batteri. La maggior parte dei casi è dovuta a una cattiva gestione dell’acqua.

Nel 2015, circa 6.000 persone hanno ricevuto una diagnosi di malattia del legionario, nota anche come malattia di Pontiac, negli Stati Uniti (Stati Uniti). Tuttavia, potrebbero esserci più casi che non vengono rilevati.

In 1 caso su 10, è fatale.

L’incidenza della malattia è aumentata di quasi quattro volte dal 2000 al 2014.

Dati rapidi sulla malattia del legionario:

Ecco alcuni punti chiave sulla malattia del legionario. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • La malattia del legionario è stata rilevata per la prima volta nel 1976 e colpisce circa 5.000 persone ogni anno negli Stati Uniti.
  • È una malattia simile alla polmonite che colpisce i polmoni e può essere fatale.
  • Succede quando le persone respirano goccioline d’acqua che portano i batteri.
  • Molti casi sono prevenibili, se i sistemi idrici, compresa l’aria condizionata, sono correttamente mantenuti.

Sintomi

La malattia del legionario è stata riconosciuta per la prima volta nel 1976 e nel 2015 sono stati confermati 6.000 casi negli Stati Uniti.

La malattia del legionario può essere difficile da diagnosticare all’inizio, perché i suoi segni e sintomi possono essere molto simili ad altre forme di polmonite.

Segni e sintomi di solito compaiono tra 2 e 10 giorni dopo l’infezione iniziale.

In genere includono:

  • una febbre alta, forse oltre 104 gradi Fahrenheit o 40 gradi Celsius
  • brividi
  • una tosse
  • dolori muscolari
  • mal di testa
  • confusione
  • agitazione

Alcuni pazienti possono avvertire solo dolori muscolari e un lieve mal di testa, e gli altri segni iniziano ad apparire 1-2 giorni dopo.

Quando compaiono sintomi più gravi, la febbre sarà alta. I dolori muscolari spesso peggiorano e il paziente inizia ad avere brividi.

Spesso i batteri entrano nei polmoni del paziente, causando una tosse persistente, mancanza di respiro e dolori al petto. All’inizio la tosse potrebbe essere secca, ma man mano che l’infezione progredisce, ci sarà del muco e forse del sangue.

Circa 1 paziente infetto su 3 sperimenterà nausea, vomito e diarrea. Quelli con sintomi gastrointestinali di solito hanno un appetito estremamente ridotto.

Ci può essere confusione e stato mentale alterato.

complicazioni

Può verificarsi un’insufficienza respiratoria, in cui il corpo non riceve abbastanza ossigeno dai polmoni per funzionare correttamente.

L’insufficienza renale è possibile a causa di un accumulo di liquidi e rifiuti nel sangue.

Lo shock settico può verificarsi se l’infezione raggiunge il sangue. Un improvviso calo della pressione sanguigna significa che sangue insufficiente raggiungerà gli organi vitali, inclusi il cervello ei reni.

Trasmissione

La malattia del legionario si presenta per lo più come casi singoli isolati, non collegati a nessun focolaio riconosciuto. Tuttavia, si verificano almeno 20 epidemie ogni anno.

Le epidemie sono più probabili in estate o all’inizio dell’autunno, ma possono verificarsi in qualsiasi momento dell’anno.

i batteri comunemente esistono nell’acqua. Si trovano nei fiumi e nei laghi e in alcune altre fonti d’acqua, generalmente in numero basso.

Occasionalmente, possono entrare nei sistemi di approvvigionamento idrico artificiale, ad esempio, attraverso i condensatori evaporativi associati al condizionamento dell’aria e al raffreddamento industriale. Possono apparire ovunque l’acqua viene fornita o utilizzata artificialmente.

Le persone catturano la malattia dei legionari inalando piccole gocce di acqua contaminata, ma non bevendola. Una persona infetta generalmente non può trasmettere l’infezione ad un’altra persona, sebbene sia possibile in rari casi.

La malattia dei legionari è più probabile in luoghi con complessi sistemi di approvvigionamento idrico, come ospedali, alberghi e edifici che soddisfano un numero elevato di persone.

Le cause

I batteri esistono nei fiumi, nei laghi e in altri luoghi con acqua dolce, ma i numeri sono solitamente bassi perché la temperatura dell’acqua in tali luoghi è troppo bassa perché i batteri si moltiplichino rapidamente.

L'aria condizionata e i sistemi idrici rappresentano un rischio per la malattia del legionario, se non sono completamente mantenuti.

Nei sistemi idrici artificiali, tuttavia, la temperatura dell’acqua potrebbe essere più elevata.

Le temperature tra 68 e 113 gradi Fahrenheit, o tra 20 e 45 gradi Celsius, possono essere ideali per moltiplicare rapidamente e diffondere i batteri.

Questo può infettare le parti principali del sistema idrico.

Un ambiente ideale fornisce anche il cibo giusto. Impurità come alghe, fanghi, ruggine e calcare sono tipi di cibo per questo tipo di batteri.

Alberghi, ospedali e grandi edifici possono fornire l’ambiente ideale, se dispongono di un sistema di condizionamento che utilizza l’acqua per il raffreddamento.

Altri tipi di sistemi idrici artificiali che possono potenzialmente essere contaminati includono fontane, vasche da bagno, docce, rubinetti, irrigatori per giardinaggio, centri benessere e umidificatori.

Fattori di rischio

Alcuni fattori di rischio possono rendere una persona più suscettibile alla malattia del legionario.

Età: è più probabile che colpisca persone di oltre 50 anni.

Condizioni di salute esistenti: le persone con problemi respiratori, inclusi i fumatori, i pazienti con malattia polmonare ostruttiva cronica (COPD) e quelli con cancro ai polmoni, sono a rischio più elevato.

Un sistema immunitario indebolito: i pazienti con diabete, malattie renali, leucemia e altri tumori e sottoposti a chemioterapia sono a maggior rischio, in quanto il loro sistema immunitario è compromesso.

Fattori di stile di vita: il consumo di alcol pesante aumenta il rischio e uno studio ha suggerito che l’uso di cannabis può aumentare la suscettibilità.

Un rapporto del CDC suggerisce che i neonati consegnati in una vasca da parto, o la nascita di acqua, possono essere a rischio di malattia del legionario.

Dal 2011 al 2015, c’è stato un solo caso di un bambino che ha contratto la malattia prima dell’età di 1 mese. Tuttavia, nei primi 4 mesi del 2016, due bambini sono stati trattati per la malattia del legionario ed entrambi sono nati in una vasca da parto in casa.

Diagnosi

Un medico prenderà in considerazione i segni e i sintomi e chiederà se il paziente ha recentemente trascorso del tempo in un grande edificio, come un hotel o un ospedale.

I test che possono aiutare a rilevare la malattia includono:

  • un test delle urine per rilevare gli antigeni, le proteine ​​speciali prodotte dal sistema immunitario per combattere i batteri
  • analisi del sangue
  • scansioni di immagini per controllare lo stato dei reni e dei polmoni

Una puntura lombare, o spinale, può rivelare se la malattia ha colpito il cervello.

Trattamento

I batteri della legionella sono responsabili della malattia del legionario.

Il trattamento prevede tipicamente antibiotici, somministrati per bocca o per via endovenosa tra 10 e 14 giorni.

Gli effetti avversi possono includere nausea, vertigini, mal di testa, perdita di appetito e dolori al petto.

Alcuni pazienti possono ricevere liquidi per via endovenosa per prevenire la disidratazione.

I pazienti più anziani e quelli con un sistema immunitario debole o un’altra condizione cronica, come il diabete, possono essere ricoverati in ospedale.

Se i polmoni sono gravemente colpiti, al paziente verrà somministrato ossigeno.

Prevenzione

I sistemi idrici devono essere adeguatamente mantenuti per prevenire la malattia dei legionari.

L’acqua deve essere mantenuta sotto i 20 gradi Celsius o 68 gradi Fahrenheit, o sopra i 60 gradi Celsius o 140 gradi Fahrenheit. Non si dovrebbe permettere che le impurità si accumulino nell’acqua.

Proprietari e gestori di edifici commerciali sono invitati a seguire le linee guida relative alla sicurezza dell’acqua.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) affermano che la maggior parte dei casi che si verificano potrebbero essere prevenuti attraverso una migliore gestione delle risorse idriche.

Osservano che tra il 2000 e il 2014 “quasi tutti i focolai sono stati causati da problemi prevenibili con una gestione idrica più efficace”.

Storia

La malattia dei legionari prende il nome dal primo focolaio riconosciuto, avvenuto durante una convenzione della Legione americana a Philadelphia, nel luglio 1976.

I batteri si diffondono attraverso il sistema di aria condizionata.

La prima persona morì il 27 luglio, 3 giorni dopo la fine della convenzione. Durante la settimana seguente, oltre 130 persone, per lo più di sesso maschile, furono ricoverate in ospedale e 25 di loro morirono.

Erano stati tutti alla stessa conferenza e tutti erano stati nello stesso albergo.

Nel gennaio 1977, la causa fu identificata come un batterio precedentemente sconosciuto, che venne poi chiamato. La malattia del legionario è anche nota come legionellosi.

Like this post? Please share to your friends: