Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Malattia della cistifellea: cosa è necessario sapere

La cistifellea è un piccolo organo che si trova sotto il fegato. Memorizza la bile e la rilascia nell’intestino tenue durante la digestione. La bile è un liquido giallastro prodotto dal fegato che aiuta l’organismo a scomporre il grasso ea eliminare i rifiuti.

Ci sono una serie di problemi che possono influenzare la cistifellea. Questo articolo esamina i tipi di malattia della colecisti, come vengono diagnosticati, le opzioni di trattamento e suggerimenti di prevenzione.

Tipi di malattia della colecisti

Ecco alcune condizioni comuni che possono influire sulla cistifellea:

Calcoli biliari

La forma più comune di malattia della colecisti è i calcoli biliari. I calcoli biliari sono piccole pietre formate nella cistifellea costituita da colesterolo che si è solidificata.

Calcoli biliari e un barattolo.

I calcoli biliari passano spesso inosservati e non causano alcun problema. Tuttavia, se sono grandi, possono rimanere intrappolati in un’apertura o “condotto” all’interno della cistifellea. Ciò può provocare un improvviso dolore nella parte superiore del corpo chiamata colica biliare.

La colica biliare tende ad accendersi dopo aver mangiato cibi che contengono molto grasso, anche se può verificarsi in altri momenti del giorno o della notte. Il dolore che si avverte nella parte superiore del busto è continuo e accompagnato da una sensazione di nausea ea volte sudorazione pesante.

Il dolore non è migliorato andando in bagno, vomitando o facendo passare il vento. Un episodio può durare da 1 a 5 ore, ed è possibile non averne un altro per diverse settimane o mesi.

Una diagnosi viene fatta dopo l’esame fisico di un medico. Gli ultrasuoni possono essere utilizzati per rilevare i calcoli biliari e, per i sintomi di lunga durata, possono anche essere eseguiti esami del sangue.

colecistite

Un blocco più severo di calcoli biliari all’interno di un dotto biliare può produrre gonfiore nella cistifellea. Questa condizione si chiama colecistite e, se non trattata, può portare a gravi complicazioni.

Esistono due tipi di colecistite: acuta e cronica.

Colecistite acuta

Ciò si presenta come un dolore improvviso e intenso con nausea, vomito e febbre. Il dolore può durare da 6 a 12 ore o più a lungo. Un episodio di colecistite acuta di solito si risolve entro una settimana. In caso contrario, potrebbe essere un segno di qualcosa di più serio.

Secondo il 95% dei casi di colecistite acuta sono causati da calcoli biliari. Tuttavia, la colecistite acuta può essere il risultato di condizioni che non sono legate ai calcoli biliari.

C’è una forma di colecistite acuta che si verifica senza calcoli biliari. Può comparire dopo un intervento chirurgico maggiore o malattie gravi o essere il risultato di un’infezione o di un sistema immunitario debole. Le persone con questa forma di colecistite diventano molto malate. L’infiammazione può diventare così grave da provocare la rottura della cistifellea.

Colecistite cronica

Immagine del fegato, della cistifellea e del pancreas.

La colecistite cronica è il risultato di un’infiammazione a lungo termine nella cistifellea. È causato da calcoli biliari o da precedenti episodi di colecistite acuta.

Qualcuno con questo tipo di colecistite sperimenterà ripetuti episodi di dolore alla parte superiore del corpo e infiammazione improvvisa. Avranno anche meno dolore rispetto a quelli con colecistite acuta e raramente avranno la febbre.

Colecistite può avere una serie di gravi complicanze. Questi includono:

  • Infezione alla cistifellea: se la colecistite è causata da un accumulo di bile, la bile può essere infettata.
  • Morte di tessuto della cistifellea: se non trattata, la colecistite può causare la morte del tessuto della cistifellea. Il tessuto morto può provocare una cistifellea lacerata o scoppiata.
  • Cistifellea lacerata: una lacrima nella cistifellea può anche essere causata da gonfiore o infezione della cistifellea.

Entrambe le forme di colecistite possono avere conseguenze potenzialmente letali se non trattate, e quindi una diagnosi precoce è essenziale.

Diagnosi della malattia della colecisti

Un medico farà una diagnosi dai sintomi descritti dal paziente e da un esame fisico. Gli ultrasuoni possono essere utilizzati per rilevare calcoli biliari, fluido intorno alla cistifellea e pareti ispessite.

Per i sintomi persistenti possono essere eseguiti anche esami del sangue. I test di imaging vengono effettuati quando la colecistite acuta è difficile da diagnosticare o i medici sospettano la colecistite senza calcoli biliari.

Trattamento della malattia della colecisti

Le persone con una forma di colecistite necessitano di cure ospedaliere. L’obiettivo è controllare i sintomi e ridurre l’infiammazione nella cistifellea. Ciò comporta il digiuno per alleviare lo stress su una cistifellea infiammata.

I liquidi vengono introdotti nelle vene per evitare la disidratazione.

Un medico può anche prescrivere antibiotici per combattere l’infezione e farmaci antidolorifici per alleviare il dolore dell’infiammazione. È probabile che i sintomi migliorino entro un paio di giorni.

Chirurgia

Immagine del pancreas nel corpo maschile.

Nei casi più complicati, può essere necessario un intervento chirurgico. La chirurgia per rimuovere la cistifellea è chiamata colecistectomia ed è una procedura comune. Nella maggior parte dei casi, il paziente sarà in grado di tornare a casa lo stesso giorno.

Nella colecistite cronica, la rimozione della colecisti di solito avviene una volta che un episodio si è calmato.

La chirurgia può essere richiesta entro 48 ore se:

  • Il paziente ha colecistite acuta e la chirurgia non rappresenta un rischio
  • Il paziente è vecchio o ha il diabete
  • Un medico sospetta una complicazione come un ascesso o cancrena
  • Il paziente ha colecistite con calcoli biliari

Se la chirurgia è troppo rischiosa a causa di altri problemi di salute come il cuore, i polmoni o le condizioni renali, può essere rimandata fino a quando il trattamento per tali condizioni è sotto controllo.

Prevenire la malattia della cistifellea

Prevenire i calcoli biliari riduce il rischio di colecistite e può essere fatto da:

  • Mantenere un peso sano attraverso una dieta appropriata e mantenersi in forma
  • Evitare la rapida perdita di peso
  • Mangiare una dieta sana a basso contenuto di grassi e ricca di fibre

Dieta prima e dopo l’intervento chirurgico

Una dieta a basso contenuto di grassi è spesso raccomandata diverse settimane prima dell’intervento.La maggior parte delle persone non ha bisogno di seguire una dieta speciale in seguito e di solito può iniziare a mangiare normalmente dopo poche ore. È meglio, tuttavia, iniziare a mangiare piccoli pasti.

Alcuni effetti collaterali della chirurgia sono indigestione, gonfiore, flatulenza e diarrea. Questi possono essere alleviati evitando bevande contenenti caffeina e cibi piccanti o grassi. L’assunzione di fibre dovrebbe essere aumentata gradualmente.

In generale, mangiare una dieta equilibrata è importante per mantenersi in salute. The British Liver Trust consiglia di mangiare molta frutta, verdura e cibi ricchi di fibre come pane integrale e pasta. Raccomandano inoltre di evitare cibi salati e di seguire una dieta a basso contenuto di grassi ea basso contenuto di colesterolo.

Vivere senza cistifellea

Poiché la cistifellea non è un organo essenziale, una persona può condurre una vita normale senza una. La bile continuerà a trovare la via dell’intestino tenue attraverso altri dotti nel fegato anziché essere immagazzinata nella cistifellea.

Altri problemi che interessano i dotti biliari

Ci sono altre malattie che colpiscono il dotto biliare:

Cirrosi biliare primitiva (PBC)

Questa condizione comporta l’infiammazione dei dotti biliari nel fegato con aumento delle cicatrici. Inizia con un’infiammazione che blocca il flusso di bile dal fegato. La bile rimane intrappolata nelle cellule del fegato causando infiammazione.

Nel corso del tempo, l’infiammazione provoca la cicatrizzazione del fegato, portando a cirrosi e insufficienza epatica.

Colangite sclerosante primitiva (PSC)

Le cicatrici dovute all’infiammazione causano il restringimento e il blocco dei dotti biliari, portando infine alla cirrosi. Di conseguenza, i sali biliari che aiutano l’organismo ad assorbire i grassi non vengono espulsi normalmente.

PSC è simile a PBC. La differenza è che PSC colpisce i dotti biliari fuori dal fegato e quelli nel fegato. La causa è sconosciuta ma è probabile che sia dovuta al sistema immunitario che attacca il corpo.

Tumori del dotto biliare e della cistifellea

Il cancro dei dotti biliari o della cistifellea è raro. Essere più anziani o avere PSC aumenta il rischio di sviluppare questo cancro.

Pancreatite e tumori pancreatici

La pancreatite è l’infiammazione del pancreas. La condizione può essere causata da calcoli biliari, alcune infezioni virali, enzimi digestivi, alcol e alcuni farmaci.

Molti tumori pancreatici possono bloccare i dotti biliari attraverso i quali la bile lascia il fegato.

Impatto di altre condizioni sulla cistifellea

Altre condizioni che possono influenzare la cistifellea sono:

  • Alcune malattie intestinali come il morbo di Crohn, che influiscono sul normale assorbimento dei nutrienti
  • Diabete, che può anche aumentare il rischio di calcoli biliari
  • Sovrappeso e obesità mettono a dura prova il corpo e aumentano anche la quantità di colesterolo nella bile, che può causare la formazione di calcoli biliari
Like this post? Please share to your friends: