Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Malattie cardiache: “Solo una sigaretta al giorno” aumenta il rischio

Dopo aver effettuato una nuova revisione degli studi pubblicati, i ricercatori sollecitano i fumatori a smettere completamente di fumare piuttosto che a ridurre se vogliono ridurre significativamente il rischio di malattie cardiovascolari.

Una donna che fuma una sigaretta

Un rapporto sulla revisione – condotto da Allan Hackshaw, professore all’University College di Londra nel Regno Unito – rivela che anche se si fuma circa una sigaretta al giorno, il rischio di ictus e malattia coronarica è “molto maggiore del previsto”.

Lui e i suoi colleghi hanno calcolato che il rischio di fumare una sigaretta al giorno è di circa la metà di quello delle persone che fumano 20 al giorno. “

I risultati contestano l’opinione diffusa che fumare solo poche sigarette al giorno sia “relativamente sicuro”.

Invece, il rapporto conclude che: “Non esiste un livello sicuro di fumo per le malattie cardiovascolari”.

“La causa più evitabile di morte prematura”

“Il tabacco è l’unico farmaco legale che uccide molti dei suoi utenti se usato esattamente come previsto dai produttori”, dichiara l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Le ultime stime dell’OMS rivelano che oltre 7 milioni di persone in tutto il mondo muoiono ogni anno a causa del consumo di tabacco. Questa cifra include circa 890.000 morti per esposizione al fumo passivo.

Negli Stati Uniti, il fumo è la “causa più prevenibile di morte prematura”, secondo l’American Heart Association, che afferma che il fumo riduce “la tolleranza per l’attività fisica e aumenta la tendenza del sangue a coagularsi”.

Fumare aumenta il rischio di sviluppare molti problemi di salute persistenti, tra cui l’aterosclerosi, una condizione in cui depositi di grasso si accumulano nelle arterie, aumentando così il rischio di ictus e malattia coronarica. Di conseguenza, il rischio di malattie cardiache nei fumatori è doppio rispetto a quello dei non fumatori.

Rischio più alto per gli uomini, ancora più alto per le donne

Il Prof. Hackshaw e colleghi sono stati spinti a svolgere la loro revisione con singoli studi occasionali e una revisione di cinque studi riportati 20 anni fa che hanno scoperto che il rischio di malattia coronarica dal fumo di meno di cinque sigarette al giorno era più alto del previsto.

Quindi, per la loro revisione sistematica e meta-analisi, hanno utilizzato i dati di 141 studi pubblicati per calcolare il rischio di malattia coronarica e ictus per coloro che fumano una, cinque e 20 sigarette al giorno rispetto ai non fumatori.

Usando i dati di tutti gli studi, hanno calcolato che fumare una sigaretta al giorno è legato a un aumento del 48% del rischio di cardiopatia coronarica e al 25% di rischio di ictus negli uomini.

Tuttavia, quando utilizzavano solo dati provenienti da studi che avevano adattato i loro risultati per tenere conto dell’effetto di altri fattori che possono aumentare questi rischi, hanno scoperto che raggiungevano rispettivamente il 74% e il 30%.

L’analisi per le donne ha rivelato stime ancora più elevate del rischio associato al fumo di una sigaretta al giorno: il 57 per cento per la malattia coronarica e il 31 per cento per l’ictus.

Ancora una volta, analizzando solo gli studi che tenevano conto dei fattori di confondimento, questi dati sono saliti al 119% e al 46%, rispettivamente.

Fumare uno o due al giorno comporta un rischio elevato

I ricercatori hanno anche disegnato un confronto tra fumare alcuni e fumare 20 sigarette al giorno.

Hanno scoperto che rispetto al non fumare, fumare una sigaretta al giorno comporta il 40-50% del rischio di malattia coronarica e ictus associato a fumare 20 al giorno.

“Abbiamo dimostrato”, sostengono, “che una grande percentuale del rischio di malattia coronarica e di ictus deriva dal fumare solo un paio di sigarette al giorno”.

Suggeriscono che molte persone potrebbero essere sorprese da questi risultati. “Ma ci sono anche meccanismi biologici che aiutano a spiegare il rischio inaspettatamente alto associato a un basso livello di fumo”, aggiungono.

‘Solo la cessazione completa è protettiva’

“Ogni ipotesi che fumare di meno protegge da malattie cardiache o ictus è stata dissipata”, osserva Kenneth Johnson, professore a contratto presso l’Università di Ottawa in Canada.

In un editoriale collegato alla rivista, ne discute il significato per la salute pubblica e conclude, “solo la completa cessazione è protettiva e dovrebbe essere enfatizzata da tutte le misure e le politiche di prevenzione”.

Esorta i regolatori che si occupano di nuovi prodotti a rischio ridotto a prendere nota del fatto che “qualsiasi suggerimento di una grave riduzione della cardiopatia ischemica e dell’ictus dall’uso di questi prodotti è prematuro”.

“Il messaggio da portare a casa per i fumatori è che qualsiasi esposizione al fumo di sigaretta è troppo.”

Prof. Kenneth C. Johnson

Like this post? Please share to your friends: