Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Mangiare formaggio ogni giorno può aiutare a proteggere la salute del cuore

Se sei un amante del formaggio, accoglierai i risultati di questo nuovo studio a braccia aperte. I ricercatori suggeriscono che mangiare circa 40 grammi (o 1,41 once) di formaggio ogni giorno potrebbe aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache e ictus.

formaggio su un tagliere

Questi nuovi risultati provengono da un’analisi di 15 studi osservazionali che hanno esaminato gli effetti dell’assunzione di formaggio sul rischio di malattia cardiovascolare (CVD).

Co-autrice dello studio Li-Qiang Qin – che lavora nel Dipartimento di Nutrizione e Igiene Alimentare della Scuola di Salute Pubblica dell’Università di Soochow in Cina – e colleghi riportano i loro risultati nel.

Il formaggio è senza dubbio uno dei nostri cibi preferiti. Nel 2015, la popolazione degli Stati Uniti ha consumato l’equivalente di 37,1 chili di formaggio a persona, con Cheddar e mozzarella come le scelte più popolari.

Mentre il formaggio contiene alcuni nutrienti che sono benefici per la salute – come il calcio, lo zinco e le vitamine A e B-12 – è anche ricco di grassi saturi, che possono aumentare i livelli di colesterolo e aumentare il rischio di malattie cardiache e ictus.

Il nuovo studio, tuttavia, suggerisce che questo popolare prodotto caseario potrebbe avere l’effetto opposto sulla salute cardiovascolare.

Rischio CVD ridotto fino al 18 percento

Per il loro studio, Qin e colleghi hanno condotto una meta-analisi di 15 studi osservazionali che hanno esaminato il modo in cui il consumo di formaggio influenzava il rischio totale di CVD, così come i rischi di malattia coronarica (CHD) e ictus.

In totale, gli studi hanno incluso oltre 200.000 partecipanti e gli effetti dell’assunzione di formaggio sono stati monitorati per oltre 10 anni. La maggior parte degli studi includeva soggetti che erano liberi da CVD al basale dello studio.

L’analisi ha rivelato che le persone che consumavano regolarmente il formaggio avevano meno del 18 percento di probabilità in meno di sviluppare CVD, fino al 14 percento in meno di probabilità di sviluppare CHD e fino al 10 percento in meno di probabilità di avere un ictus, rispetto a quelli che avevano un formaggio basso assunzione.

Gli scienziati riferiscono che questi effetti erano più forti tra i partecipanti che consumavano circa 40 grammi, o 1,41 once, di formaggio ogni giorno. In conclusione, scrivono:

“Questa meta-analisi di studi prospettici suggerisce un’associazione inversa non lineare tra consumo di formaggio e rischio di CVD”.

Siiprudente

I risultati del team si basano su quelli di un’analisi osservativa ampiamente pubblicizzata, pubblicata all’inizio di quest’anno, che collegava il formaggio e altri prodotti caseari a un ridotto rischio di mortalità cardiovascolare e di tutte le cause.

Ma non rifornirti ancora del Cheddar; entrambi gli studi hanno i loro limiti. È importante notare che sono osservazionali, quindi non dimostrano un’associazione causale tra l’assunzione di formaggio e una migliore salute cardiovascolare.

Inoltre, entrambi gli studi hanno legami con l’industria lattiero-casearia; lo studio precedente ha ricevuto finanziamenti dalla Global Dairy Platform, Dairy Research Institute e Dairy Australia, mentre l’ultimo studio è stato condotto con i ricercatori del gruppo Yili, un’azienda lattiero-casearia con sede in Cina.

Tuttavia, è difficile stabilire se queste associazioni abbiano avuto qualche influenza sui risultati dello studio.

Fino a quando ulteriori studi confermano tali risultati, è importante ricordare che il formaggio è ricco di grassi saturi, che possono essere dannosi per la salute del cuore in quantità elevate.

L’American Heart Association (AHA) raccomanda che circa il 5-6 percento delle nostre calorie giornaliere provengano da grassi saturi e passino ai latticini a basso contenuto di grassi per rimanere entro questo limite.

Like this post? Please share to your friends: