Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Mangiare peperoncino rosso caldo può aiutarci a vivere più a lungo

Una nuova ricerca porta buone notizie per gli amanti dei cibi piccanti, dopo aver scoperto che mangiare peperoncino rosso caldo potrebbe aiutare a prolungare la durata della vita.

[Due peperoncini rossi]

Uno studio condotto su oltre 16.000 persone negli Stati Uniti ha rivelato che le persone che hanno consumato peperoncino rosso avevano un rischio inferiore di morte per tutte le cause su una media di 18 anni rispetto a quelli che non mangiavano il cibo piccante.

I coautori dello studio Mustafa Chopan e Benjamin Littenberg, entrambi dell’università del Vermont College of Medicine, hanno recentemente riportato le loro scoperte sulla rivista.

I peperoncini sono i frutti della pianta, che appartiene alla famiglia della belladonna. Ci sono molti tipi di peperoncino, che hanno diversi livelli di calore.

Nei peperoncini piccanti, come jalapeños, il sapore ardente proviene da un composto chiamato capsaicina. Gli studi hanno suggerito che questo composto può offrire una ricchezza di benefici per la salute.

Un recente studio riportato, ad esempio, ha scoperto che la capsaicina potrebbe avere il potenziale per fermare il cancro al seno, mentre uno studio precedente collegava il composto a un rischio ridotto di cancro del colon-retto.

Secondo Chopan e Littenberg, solo uno studio precedente – pubblicato nel 2015 – ha studiato come il consumo di cibi piccanti come i peperoncini piccanti possa avere un impatto sul rischio di morte. Ha trovato un legame tra il consumo regolare di tali alimenti e la riduzione della mortalità per tutte le cause e per causa specifica.

Il nuovo studio supporta questa associazione, dopo aver scoperto che le persone che mangiano peperoncini piccanti potrebbero avere una vita più lunga.

Il rischio di mortalità per tutte le cause è del 13% inferiore con l’assunzione di peperoncino rosso

Chopan e Littenberg hanno raggiunto i loro risultati analizzando i dati di 16.179 adulti di età pari o superiore a 18 anni che hanno partecipato al National Health and Nutritional Examination Survey III tra il 1988 e il 1994.

Al punto di indagine, il consumo da parte dei partecipanti di peperoncino rosso caldo nell’ultimo mese è stato valutato utilizzando un questionario sulla frequenza degli alimenti.

La mortalità per tutte le cause e la causa specifica dei partecipanti è stata monitorata su un periodo di follow-up mediano di 18,9 anni utilizzando l’indice di morte nazionale. Durante il follow-up, si sono verificati 4.946 decessi.

Rispetto ai partecipanti che non consumavano peperoncino rosso caldo, quelli che lo hanno trovato erano a un rischio ridotto del 13 per cento di mortalità per tutte le cause.

A causa del numero relativamente basso di morti in questo studio, Chopan e Littenberg affermano che i loro dati su come l’assunzione di peperoncino rosso potrebbe avere un impatto sulle specifiche cause di morte è limitata.

Tuttavia, i dati disponibili hanno suggerito che il consumo di peperoncino rosso piccante era fortemente associato a un ridotto rischio di morte per malattie vascolari, come malattie cardiache e ictus.

Mentre i ricercatori non sono in grado di individuare i meccanismi precisi con cui i peperoncini rossi potrebbero prolungare la durata della vita, il team dice che è probabile fino alla capsaicina, che attività canali di potenziale transitorio (TRP).

“L’attivazione del TRP vanilloide tipo 1 (TRPV1) sembra stimolare i meccanismi cellulari contro l’obesità, alterando i mediatori del catabolismo lipidico e della termogenesi”, spiegano i ricercatori. “La protezione contro l’obesità porta a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, metaboliche e polmonari.”

“La capsaicina può anche difendersi dalle malattie cardiache tramite una modulazione mediata dal TRP del flusso sanguigno coronarico”, aggiungono.

La nuova ricerca “rafforza la generalizzabilità” dei risultati precedenti

Nel complesso, il team afferma che questi ultimi risultati supportano quelli dello studio del 2015, che collegano l’assunzione di cibo piccante a un ridotto rischio di morte mostrando “una significativa diminuzione della mortalità associata al consumo di peperoncino rosso piccante”.

Tuttavia, Chopan e Littenberg osservano che lo studio precedente era condotto solo in adulti cinesi, quindi la nuova ricerca “rafforza la generalizzabilità” di tali risultati.

Il team conclude che:

“Data la natura osservazionale di entrambe le indagini, la causalità può solo essere suggerita, non confermata.Ulteriori studi dovrebbero mirare a studiare i benefici di altre spezie e gli effetti differenziali di alcuni sottotipi di peperoncino.Questa prova può portare a nuove intuizioni nelle relazioni tra dieta e salute, raccomandazioni dietetiche aggiornate e lo sviluppo di nuove terapie “.

Scopri come mangiare cereali integrali potrebbe aumentare la durata della vita.

Like this post? Please share to your friends: