Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Marijuana: buona o cattiva?

Secondo il National Institutes of Health, le persone hanno usato marijuana o cannabis per curare i loro disturbi per almeno 3.000 anni. Tuttavia, la Food and Drug Administration non ha ritenuto la marijuana sicura o efficace nel trattamento di qualsiasi condizione medica.

un uomo con una foglia di marijuana

Questa tensione, tra la convinzione diffusa che la marijuana sia un trattamento efficace per un vasto assortimento di disturbi e una mancanza di conoscenza scientifica sui suoi effetti, è stata in qualche modo esacerbata negli ultimi tempi da una spinta verso la legalizzazione.

Ventinove stati più il District of Columbia hanno reso la marijuana disponibile per scopi medici e, in alcuni stati, ricreativi.

Un recente studio pubblicato sulla rivista ha anche scoperto che l’uso della marijuana sta aumentando notevolmente negli Stati Uniti, anche se questo aumento potrebbe non essere collegato alla legalizzazione della marijuana negli Stati partecipanti. Ciononostante, questo aumento di utilizzo sta suscitando grandi preoccupazioni per la salute pubblica.

In questo articolo, esaminiamo le prove scientifiche che soppesano i benefici medici della marijuana contro i rischi associati alla salute nel tentativo di rispondere a questa semplice domanda: la marijuana è buona o cattiva?

Quali sono i benefici medici della marijuana?

Nel corso degli anni, la ricerca ha prodotto risultati che suggeriscono che la marijuana può essere di beneficio nel trattamento di alcune condizioni. Questi sono elencati di seguito.

Dolore cronico

L’anno scorso, una vasta rassegna delle National Academies of Sciences, Ingegneria e Medicina ha valutato oltre 10.000 studi scientifici sui benefici medici e sugli effetti avversi della marijuana.

Un’area che il rapporto ha esaminato da vicino era l’uso della marijuana medica per curare il dolore cronico. Il dolore cronico è una delle principali cause di disabilità e colpisce più di 25 milioni di adulti negli Stati Uniti.

La revisione ha rilevato che la marijuana, o prodotti contenenti cannabinoidi – che sono gli ingredienti attivi nella marijuana, o altri composti che agiscono sugli stessi recettori del cervello come marijuana – sono efficaci nell’alleviare il dolore cronico.

Alcolismo e tossicodipendenza

Un’altra revisione completa delle prove, pubblicata lo scorso anno sulla rivista, ha rivelato che l’uso di marijuana può aiutare le persone con dipendenza da alcool o oppioidi a combattere le loro dipendenze.

Ma questa scoperta potrebbe essere controversa; la rivista National Academies of Sciences suggerisce che l’uso di marijuana effettivamente aumenta il rischio di abuso e di dipendenza da altre sostanze.

Inoltre, più qualcuno usa marijuana, più è probabile che si sviluppi un problema con l’uso di marijuana. Anche gli individui che hanno iniziato ad usare il farmaco in giovane età sono a maggior rischio di sviluppare un problema con l’uso di marijuana.

Depressione, disturbo da stress post-traumatico e ansia sociale

La recensione pubblicata ha valutato tutta la letteratura scientifica pubblicata che ha studiato l’uso della marijuana per trattare i sintomi della malattia mentale.

un uomo che si sente depresso

I suoi autori hanno trovato alcune prove a sostegno dell’uso della marijuana per alleviare la depressione e i sintomi del disturbo da stress post-traumatico.

Detto questo, avvertono che la marijuana non è un trattamento appropriato per alcune altre condizioni di salute mentale, come il disturbo bipolare e la psicosi.

La revisione indica che ci sono alcune prove che suggeriscono che la marijuana potrebbe alleviare i sintomi di ansia sociale, ma ancora una volta, questo è contraddetto dalla rivista National Academies of Sciences, Ingegneria e Medicina, che ha invece rilevato che gli utenti regolari di marijuana potrebbero essere aumento del rischio di ansia sociale.

Cancro

L’evidenza suggerisce che i cannabinoidi orali sono efficaci contro la nausea e il vomito causati dalla chemioterapia, e alcuni piccoli studi hanno scoperto che la marijuana affumicata può anche aiutare ad alleviare questi sintomi.

Alcuni studi sulle cellule tumorali suggeriscono che i cannabinoidi possono rallentare la crescita o uccidere alcuni tipi di cancro. Tuttavia, i primi studi che hanno testato questa ipotesi negli esseri umani hanno rivelato che sebbene i cannabinoidi siano un trattamento sicuro, non sono efficaci nel controllare o curare il cancro.

Sclerosi multipla

L’uso a breve termine di cannabinoidi orali può migliorare i sintomi di spasticità tra le persone con sclerosi multipla, ma gli effetti positivi sono stati trovati modesti.

Epilessia

Un altro studio pubblicato nel 2017 ha scoperto che un composto di marijuana chiamato cannabidiolo può essere efficace nell’alleviare le convulsioni tra i bambini con la sindrome di Dravet, che è una rara forma di epilessia.

Le convulsioni della sindrome di Dravet sono prolungate, ripetitive e potenzialmente letali. Infatti, 1 su 5 bambini con sindrome di Dravet non raggiungono l’età di 20 anni.

Nello studio, 120 bambini e adolescenti con la sindrome di Dravet, tutti di età compresa tra 2 e 18 anni, sono stati assegnati in modo casuale a ricevere una soluzione orale di cannabidiolo o un placebo per 14 settimane, insieme ai loro farmaci abituali.

Scansioni MRI del cervello

I ricercatori hanno scoperto che i bambini che hanno ricevuto la soluzione di cannabidiolo sono passati da circa 12 attacchi al mese a una media di sei crisi al mese. Tre bambini che hanno ricevuto cannabidiolo non hanno avuto alcun episodio di crisi.

I bambini che hanno ricevuto il placebo hanno anche visto una riduzione dei sequestri, ma questo è stato lieve – il loro numero medio di convulsioni è sceso da 15 ogni mese prima dello studio a 14 sequestri al mese durante lo studio.

I ricercatori affermano che questa riduzione del 39 per cento nell’occorrenza di convulsioni fornisce una forte evidenza che il composto può aiutare le persone che vivono con la sindrome di Dravet e che il loro studio ha i primi dati scientifici rigorosi a dimostrarlo.

Tuttavia, lo studio ha anche riscontrato un alto tasso di effetti collaterali legati al cannabidiolo.Più di 9 su 10 bambini trattati con cannabidiolo hanno avuto effetti collaterali – più comunemente vomito, affaticamento e febbre.

Quali sono i rischi per la salute della marijuana?

All’altro estremo dello spettro c’è la pletora di studi che hanno trovato associazioni negative tra l’uso della marijuana e la salute. Sono elencati di seguito.

Problemi di salute mentale

Si ritiene che l’uso quotidiano di marijuana aggravi i sintomi esistenti del disturbo bipolare tra le persone che hanno questo problema di salute mentale. Tuttavia, il rapporto delle National Academies of Sciences, Engineering e Medicine suggerisce che tra le persone senza storia della malattia, ci sono solo prove limitate di un legame tra l’uso di marijuana e lo sviluppo del disturbo bipolare.

Una prova moderata suggerisce che i consumatori regolari di marijuana hanno maggiori probabilità di sperimentare pensieri suicidi, e vi è un lieve aumento del rischio di depressione tra gli utenti di marijuana.

È probabile che l’uso di marijuana aumenti il ​​rischio di psicosi, inclusa la schizofrenia. Ma una scoperta curiosa tra le persone con schizofrenia e altre psicosi è che una storia di uso della marijuana è legata a prestazioni migliorate nei test che valutano l’apprendimento e la memoria.

Cancro ai testicoli

Sebbene non vi siano prove che suggeriscano alcun legame tra l’uso di marijuana e un aumento del rischio per la maggior parte dei tumori, le National Academies of Sciences hanno trovato alcune prove per suggerire un aumento del rischio per il sottotipo seminoma a crescita lenta del cancro ai testicoli.

Malattia respiratoria

Il regolare consumo di marijuana è legato ad un aumentato rischio di tosse cronica, ma “non è chiaro” se fumare marijuana peggiora la funzionalità polmonare o aumenta il rischio di malattia polmonare ostruttiva cronica o di asma.

Uno studio del 2014 che ha esplorato la relazione tra uso di marijuana e malattie polmonari ha suggerito che era plausibile che fumare marijuana potesse contribuire al cancro del polmone, anche se è stato difficile collegare in modo definitivo i due.

Gli autori di questo studio – pubblicati sulla rivista – concludono:

“Esistono prove inequivocabili del fatto che il fumo regolare o regolare della marijuana non è innocuo. Un’attenzione nei confronti del consumo regolare di marijuana è prudente.”

“L’uso medicinale della marijuana è probabilmente non dannoso per i polmoni a basse dosi cumulative”, aggiungono, “ma il limite di dose deve essere definito. L’uso ricreativo non è lo stesso dell’uso medicinale e dovrebbe essere scoraggiato.”

Quindi, la marijuana è buona o cattiva per la tua salute?

Ci sono prove che dimostrano sia i danni che i benefici per la salute della marijuana. Eppure, nonostante l’emergere negli ultimi due anni di recensioni molto complete e aggiornate degli studi scientifici che valutano i benefici e i danni del farmaco, è chiaro che sono necessarie ulteriori ricerche per determinare appieno le implicazioni sulla salute pubblica dell’aumento della marijuana uso.

marijuana

Molti scienziati e organismi sanitari – tra cui l’American Cancer Society (ACS) – sostengono la necessità di ulteriori ricerche scientifiche sull’uso di marijuana e cannabinoidi per il trattamento di condizioni mediche.

Tuttavia, c’è un ostacolo a questo: la marijuana è classificata come sostanza controllata dal Programma I dalla Drug Enforcement Administration, che dissuade lo studio della marijuana e dei cannabinoidi attraverso la sua imposizione di condizioni rigorose sui ricercatori che lavorano in quest’area.

Se vi capita di vivere in uno stato in cui l’uso medico della marijuana è legale, voi e il vostro medico avrete bisogno di considerare attentamente questi fattori e il loro rapporto con la vostra storia di malattia e salute prima di usare questo farmaco.

Per esempio, mentre ci sono alcune prove a supporto dell’uso per la marijuana per alleviare il dolore, dovresti certamente evitare la marijuana se hai una storia di problemi di salute mentale.

Ricorda di parlare sempre con il medico prima di assumere un nuovo farmaco.

Like this post? Please share to your friends: