Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Marijuana e malattie mentali: bassi livelli di dopamina possono avere un ruolo

Una nuova recensione offre ulteriori informazioni su come l’uso a lungo termine della marijuana potrebbe avere un impatto negativo sulla salute mentale, dopo aver trovato “prove sostanziali” che il farmaco altera il sistema di ricompensa del cervello per aumentare le emozioni negative e diminuire la motivazione.

[Marijuana che crea un'immagine del cervello umano]

Lo studio dice che ci sono prove sufficienti per suggerire che la marijuana, o cannabis, riduce i livelli di dopamina nel cervello – un neurotrasmettitore che svolge un ruolo chiave nell’apprendimento, movimento, motivazione, emozione e ricompensa.

Bassi livelli di dopamina sono stati associati a cambiamenti di umore, affaticamento, depressione e mancanza di motivazione; il deficit di dopamina è presente in un certo numero di condizioni neurologiche, tra cui il morbo di Parkinson e il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD).

Il capo dello studio Prof. Oliver Howes, del Centro di Scienze Cliniche del Medical Research Council (MRC) dell’Imperial College di Londra nel Regno Unito, e il team hanno recentemente pubblicato i loro risultati sulla rivista.

Secondo il National Survey on Drug Use and Health del 2014, ci sono circa 22,2 milioni di consumatori di marijuana negli Stati Uniti, rendendola la droga illecita più comunemente usata nel paese.

L’uso a lungo termine della marijuana è stato collegato a una serie di condizioni di salute mentale, tra cui la schizofrenia, l’ansia e la depressione, ma i meccanismi alla base di questa associazione non sono stati chiari.

Data l’accresciuta legalizzazione della marijuana a scopi terapeutici e ricreativi, i ricercatori sono desiderosi di saperne di più su come la droga colpisce il cervello.

Per questo ultimo studio, il Prof. Howes e il team hanno condotto una revisione di numerosi studi che hanno indagato su come il composto psicoattivo primario nella marijuana – il tetraidrocannabinolo (THC) – colpisce il cervello.

L’esposizione al THC ha effetti a lungo termine sul sistema dopaminergico

Secondo i ricercatori, vi è ora “prove sostanziali” in studi su animali e sull’uomo che l’esposizione a lungo termine al THC porta ad una diminuzione dei livelli di dopamina.

“Le prove disponibili indicano che l’esposizione al THC produce effetti complessi, diversi e potenzialmente a lungo termine sul sistema dopaminico”, spiegano gli autori. “Questi includono aumento del rilascio di dopamina e del rilascio di nervi in ​​risposta al THC acuto e blunting dopaminergico associati all’uso a lungo termine.”

Il team crede che questo effetto possa spiegare perché le persone che praticano l’uso a lungo termine della marijuana sono a maggior rischio di problemi di salute mentale.

In modelli animali, la ricerca attuale mostra che l’uso di marijuana inizialmente aumenta i livelli di dopamina, alimentando un senso di ricompensa, che il team dice possa offrire una spiegazione del perché alcuni utenti diventano dipendenti dal farmaco.

Tuttavia, gli autori indicano alcune limitazioni in quest’area. “Fondamentalmente, gli studi sugli animali sono troppo brevi e non forniscono la cannabis ripetutamente o in combinazione con altre sostanze”, osserva il prof. Howes.

Affrontare le lacune nella ricerca sulla marijuana

I ricercatori hanno anche notato alcune altre lacune nella ricerca, come gli studi che valutano cosa succede al sistema dopamina quando viene interrotto l’uso di marijuana.

Per di più, il team osserva che è importante saperne di più su come l’uso di marijuana influenzi lo sviluppo del cervello, poiché alcune donne potrebbero usare il farmaco all’inizio della gravidanza, prima di rendersi conto che si aspettano.

“Dato il crescente uso di cannabis, in particolare nei giovani e nelle donne che potrebbero essere incinte, sono necessari studi sugli animali per comprendere gli effetti dell’uso a lungo termine della cannabis sul cervello in via di sviluppo in modo controllato che non è possibile negli studi sull’uomo”. dice il prof. Howes.

“Questi studi devono anche utilizzare tecniche che possono essere tradotte in studi sull’uomo e per rappresentare meglio i modelli di utilizzo umano.”

Mentre ulteriori indagini sugli effetti della marijuana sono chiaramente giustificate, i ricercatori ritengono che il loro studio attuale aiuti ad ampliare la nostra comprensione.

“I modelli mutevoli del consumo di cannabis, compresi i” cannavaping “e i prodotti commestibili, significano che è fondamentale comprendere gli effetti a lungo termine della cannabis sul cervello.

Questa nuova ricerca aiuta a spiegare come alcune persone diventano dipendenti dalla cannabis, mostrando che uno dei suoi componenti principali, chiamato THC, altera un delicato equilibrio di sostanze chimiche del cervello. “

Co-autore Dr. Michael Bloomfield, Clinical Sciences Center, Imperial College London

Leggi di uno studio che getta luce su come la marijuana provoca perdita di memoria.

Like this post? Please share to your friends: