Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Marijuana: potrebbe rallentare la progressione della malattia di Parkinson?

La malattia di Parkinson è la seconda malattia neurologica più comune negli Stati Uniti, causando tremori, lentezza nei movimenti, instabilità posturale e compromissione dell’equilibrio e della coordinazione. Ma i risultati di una nuova revisione suggeriscono che i sintomi della condizione potrebbero essere migliorati con la marijuana.

[marijuana medica]

La revisione è stata condotta dal Prof. Zvi Loewy, del Touro College of Pharmacy di New York, NY. È pubblicato sulla rivista.

I ricercatori osservano che la marijuana medica è stata approvata in vari stati degli Stati Uniti per trattare i sintomi di cancro, HIV / AIDS, glaucoma, dolore cronico, convulsioni, cachessia e sclerosi multipla.

Recentemente, un altro studio ha suggerito che il tetraidrocannabinolo (THC) – il composto attivo nella marijuana – ha ridotto i livelli di beta-amiloide nelle cellule nervose, una proteina considerata un segno distintivo del morbo di Alzheimer.

Negli Stati Uniti, il morbo di Parkinson (PD) colpisce circa 1 milione di persone. È progressivo, il che significa che peggiora nel tempo e si verifica quando il cervello di una persona smette di produrre dopamina.

La dopamina è un neurotrasmettitore che svolge un ruolo chiave nel movimento così come nelle funzioni cognitive e psicologiche.

Non esiste attualmente una cura per la malattia; i trattamenti portano con sé diverse limitazioni e non rallentano la progressione del PD.

“La marijuana dovrebbe essere studiata per alleviare il dolore del PD”

I ricercatori di questo recente studio affermano che recenti ricerche hanno indicato che il sistema endocannabinoide svolge un ruolo importante nel PD. In dettaglio, i componenti di questo sistema “sono altamente espressi nel circuito neurale dei gangli della base, che fa parte di un complesso sistema neuronale”, dicono.

Fatti veloci su PD

  • Il morbo di Parkinson colpisce di solito persone di età superiore ai 60 anni
  • I quattro sintomi principali sono tremore, rigidità, lentezza di movimento e instabilità posturale
  • Non esiste attualmente una cura per la condizione.

Scopri di più su Parkinson

Il sistema neuronale menzionato organizza attività da alcune regioni corticali attive nel controllo del movimento.

“Quando abbiamo iniziato a fare questa revisione”, dice il prof. Loewy, “le terapie là fuori erano fondamentalmente per i sintomi motori, ma il Parkinson ha anche sintomi non motori che incidono notevolmente sulla qualità della vita di una persona”.

Per scavare più a fondo, lui e il suo team hanno condotto un’accurata analisi della letteratura sugli studi sulla marijuana.

La scoperta più convincente è stata che i componenti chimici della marijuana producono benefici sulla scia di diversi sintomi della PD.

Ad esempio, il prof. Loewy osserva che la marijuana è stata trovata per alleviare il dolore in altre malattie, aggiungendo che dovrebbe essere studiato per alleviare il dolore nelle persone con PD. Il dolore colpisce quasi il 50% delle persone con questa condizione, notano i ricercatori.

Ma perché la marijuana è particolarmente promettente per il PD? Secondo il team, i composti cannabinoidi della marijuana si legano ai recettori della dopamina per ridurre gli effetti della ridotta dopamina nel cervello.

“In sostanza, i composti sostituiscono i normali composti che sono influenzati negativamente dal morbo di Parkinson”, dice il professor Loewy.

Prevenire il danno neuronale potrebbe rallentare la progressione della malattia

Ma il grande risultato della loro revisione si concentra sugli effetti anti-infiammatori e antiossidanti della marijuana, che possono prevenire il danno neuronale.

I ricercatori dicono che l’infiammazione può danneggiare i neuroni che producono dopamina – la cui mancanza contribuisce a problemi di movimento nel Parkinson. Come tali, dicono che prevenire il danno dei neuroni potrebbe rallentare la progressione della PD.

Osservano che è necessario disporre di farmaci più sicuri per trattare la PD, aggiungendo che la cannabis “può fornire un’alternativa valida o un’aggiunta all’attuale trattamento della malattia di Parkinson”.

Tuttavia, come con qualsiasi sostanza, ci sono rischi da prendere in considerazione. Recenti ricerche hanno scoperto alcuni aspetti negativi dell’uso di marijuana, tra cui perdita di memoria, aumento del rischio di osteoporosi e compromissione della funzione dei vasi sanguigni.

Inoltre, uno studio pubblicato nell’aprile di quest’anno ha suggerito che l’uso di marijuana potrebbe ridurre la dopamina nel cervello, quindi dovrebbe essere preso in considerazione il modo in cui questo potrebbe influenzare la PD.

I ricercatori di questo recente studio concludono che “sono necessari ulteriori studi per fornire maggiori dati sull’efficacia, la sicurezza, la farmacocinetica e le interazioni tra i cannabinoidi”.

Leggi di una nuova droga di Parkinson che viene annunciata come una svolta.

Like this post? Please share to your friends: