Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Mastite e cosa fare al riguardo

La mastite è un’infezione nel tessuto di una o di entrambe le ghiandole mammarie all’interno del seno. Di solito colpisce le donne che producono latte e allattano al seno.

C’è spesso un punto dolente e dolente all’interno del seno. Ciò può derivare da un condotto del latte bloccato o perché i batteri entrano nel seno attraverso una rottura della pelle.

La mastite che si verifica durante l’allattamento al seno è nota anche come mastite per l’allattamento. Si pensa che colpisca circa il 10 percento di tutte le madri che allattano. Tuttavia, i risultati dello studio variano in modo significativo, da una percentuale molto piccola di casi fino al 33%.

Si sviluppa spesso durante i primi 3 mesi dopo il parto, ma può verificarsi fino a 2 anni dopo.

Alcune madri scambiano per sbaglio i loro bambini quando sviluppano la mastite. Nella maggior parte dei casi, l’allattamento al seno dovrebbe continuare durante la mastite. La mastite di solito colpisce solo un seno.

A volte, può colpire le donne che non allattano, ma non è comune. In casi molto rari, può colpire gli uomini.

Fatti veloci sulla mastite

Ecco alcuni punti chiave sulla mastite. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • La mastite colpisce raramente più di un seno alla volta.
  • In casi molto rari, la mastite può colpire i maschi.
  • La mastite spesso inizia con un dotto di latte bloccato.
  • I sintomi possono includere brividi, stanchezza e un seno gonfio.

Sintomi

Segni o sintomi possono svilupparsi rapidamente. Possono includere:

  • un’area del seno che diventa rossa e gonfia
  • l’area interessata del seno si fa male quando viene toccata
  • l’area interessata si sente calda quando viene toccata
  • una sensazione di bruciore al seno che può sempre essere presente o solo durante l’allattamento
  • sintomi influenzali

Possono essere presenti i seguenti sintomi:

  • ansia e sentimento stressati
  • brividi e brividi
  • temperatura corporea elevata
  • fatica
  • dolori e dolori generali
  • una sensazione di malessere

Trattamento

[Allattamento al seno bambino]

La prima linea di trattamento sono i rimedi di auto-aiuto, come ad esempio la garanzia che il seno venga drenato correttamente durante i pasti.

Un medico può prescrivere antibiotici per trattare l’infezione. Raccomanderanno inoltre le tecniche per trattare il dotto ostruito, se questa è la causa.

Alcuni studi suggeriscono che gli antibiotici non aiutano e potrebbero non essere appropriati durante l’allattamento. Prima di provare i rimedi non medicinali.

Se si verificano complicazioni e la condizione sta progredendo rapidamente e sembra destinata a diventare più grave, può essere raccomandata l’ospedalizzazione e il trattamento antibiotico.

Chiedi al medico di trattare i sintomi del dolore e della febbre con acetaminofene o Tylenol.

Se la mastite non migliora, l’individuo dovrebbe vedere di nuovo un dottore.

Le cause

La mastite durante l’allattamento di solito deriva da un dotto ostruito o ostruito. Il blocco causa la stasi del latte, quando il latte che viene prodotto non esce durante l’alimentazione e rimane nel seno.

Questo può accadere se il bambino:

  • non si attacca al seno correttamente
  • ha difficoltà a succhiare il latte dal seno
  • allatta raramente

I condotti del latte possono anche bloccarsi a causa della pressione sul seno causata da indumenti stretti, per esempio.

Spesso, le madri posizionano ogni giorno un dito nello stesso punto per spostare il seno fuori dalla direzione del naso del bambino. Questo in seguito diventa un condotto ostruito.

Qualunque cosa che impedisca al latte di essere correttamente espressa, di solito provoca la stasi del latte, e questo spesso porta a blocchi del dotto del latte.

I batteri generalmente non prosperano nel latte umano fresco. Tuttavia, se i dotti del latte sono bloccati e il latte ristagna, l’infezione è più probabile.

I batteri sulla superficie della pelle possono entrare nel seno attraverso piccole crepe o rotture.

Mastite quando non si allatta

Le donne che non allattano, in altre parole, non producono latte e non allattano, possono sviluppare la mastite.

Questo non è comune e viene definito mastite periduttale. Coloro che sviluppano mastiti infettive non allattanti tendono ad essere fumatori regolari e tra i 20 ei 30 anni.

Gli esperti ritengono che il fumo possa danneggiare i dotti lattiferi, rendendoli più suscettibili alle infezioni.

Mastite dopo il piercing al capezzolo

Se il piercing al capezzolo viene eseguito in studi di piercing non professionali e non registrati, ciò può aumentare il rischio di mastite.

Rimedi casalinghi

Le seguenti tecniche di auto-cura possono spesso risolvere un dotto ostruito durante l’allattamento al seno:

  • Bevi molti liquidi e riposati a sufficienza.
  • Allattare frequentemente o esprimere il latte se l’alimentazione non è possibile.
  • Inizia una poppata con il seno colpito, per assicurarti che sia drenato più regolarmente.
  • Dopo una poppata, esprimi delicatamente il latte rimanente.
  • Verificare con un operatore sanitario se il bambino si attacca correttamente al seno.
  • Prova diverse posizioni di alimentazione, per trovare quello che più efficacemente prosciuga il seno.
  • Cambia spesso le posizioni.
  • Riscaldare il seno con un impacco riscaldato prima di una poppata, poiché a volte può essere più facile per il bambino estrarre il latte.
  • Applicare impacchi freddi dopo l’alimentazione per lenire il disagio, ad esempio sacchetti di piselli congelati.
  • Usa le tecniche di carezza per aiutare con il flusso del latte e massaggia il condotto ostruito durante i mangimi.
  • Indossare abiti larghi.
  • Punta il mento del bambino verso il condotto ostruito per facilitare il miglior drenaggio.
  • Metti un panno imbevuto di acqua tiepida sul seno per alleviare il dolore.

Se i problemi persistono, una serie di gruppi di supporto può aiutare. Offrono consulenza da consulenti in allattamento certificati. La United States Lactation Consultant Association (USLCA) può aiutare.

Gli incontri locali della Leche League offrono la possibilità di incontrare altre mamme.

Prevenzione

Guardare i dotti ostruiti in futuro è importante dopo la guarigione, perché i condotti e le mastiti ostruite tendono a ripetersi.

È possibile adottare misure per prevenire lo sviluppo di mastite quando si avverte un dotto ostruito.

  • Allattare frequentemente, specialmente quando il seno è pieno.
  • Se possibile, usa solo l’allattamento per nutrire il bambino per circa 6 mesi.
  • Scoprilo presto se il bambino si attacca correttamente.
  • Non staccare il bambino durante l’alimentazione, ma attendere che si rilassino e lascino andare.
  • Evitare reggiseni stretti e altri indumenti.
  • Variare le posizioni di allattamento al seno.
  • Quando è il momento di svezzare, ridurre gradualmente i mangimi, non improvvisamente.
  • Controllare ogni giorno sotto la doccia per eventuali grumi in via di sviluppo dietro i capezzoli.
  • Resta in una doccia calda e lascia correre il seno colpito.
  • Applicare il calore prima di alimentarlo e massaggiare il condotto.
  • Applicare una leggera pressione sul seno se lo sfregamento della pelle è doloroso.
  • Pompare dopo l’alimentazione per ridurre l’ingorgo fino a quando la mastite non è guarita.
  • Se appare una vescica, come un puntino bianco sul capezzolo, applicare calore e provare a grattare delicatamente quel poro di capezzolo aperto.
  • Parla con un operatore sanitario di un integratore di lecitina, in quanto ciò potrebbe impedire il ripetersi.

Quando il condotto viene rilasciato, il latte può uscire in fretta, ma il sollievo sarà immediato. Se un condotto è stato tappato per un po ‘, il latte potrebbe uscire più spesso, più come un pezzo di formaggio.

Il latte stesso non sarà contaminato. Non è una buona idea smettere di allattare quando c’è un dotto ostruito, poiché questo può portare a ingorgo e mastite.

Il riposo è importante perché aiuta a migliorare la funzione immunitaria, in modo che possa combattere meglio qualsiasi infezione in erba.

È importante discutere al più presto eventuali problemi di allattamento con un professionista della salute, al fine di prevenire lo sviluppo di problemi.

Diagnosi

Donna sottoposta a visita senologica

La mastite è abbastanza facile da diagnosticare. Un medico eseguirà un esame fisico e chiederà informazioni sui sintomi.

Quando i sintomi sono gravi o se la donna non risponde al trattamento, il medico può prendere un piccolo campione di latte materno per i test.

Questo sarà:

  • determinare se c’è un’infezione batterica
  • identificare il tipo di batteri per aiutare il medico a selezionare il trattamento migliore

Se si sospetta la presenza di un problema di allattamento al seno, alla donna può essere chiesto di dimostrare come allatta al seno.

È importante che la madre non si senta accusata o giudicata. L’allattamento al seno richiede spesso la pratica per perfezionare.

Il carcinoma mammario infiammatorio, una forma rara di cancro al seno, può anche presentare sintomi simili di arrossamento e gonfiore. In alcuni rari casi, può essere intrapresa una biopsia per escludere il cancro al seno.

complicazioni

La mastite non trattata può a volte portare a complicazioni.

  • Ricorrenza: se la mastite si è verificata una volta, è più probabile che accada di nuovo. La recidiva spesso deriva da un trattamento tardivo o inadeguato.
  • Ascesso: senza un trattamento adeguato, nel seno può svilupparsi una collezione di pus o ascessi. Questo di solito ha bisogno di drenaggio chirurgico.
  • Setticemia o sepsi: si tratta di condizioni potenzialmente letali che possono risultare in caso di infezione non trattata.

Dolore, febbre, infiammazione e qualsiasi difficoltà persistente con l’allattamento dovrebbero essere discussi con un medico.

Like this post? Please share to your friends: