Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Meglio dormire collegato con livelli di omega-3 più alti in un nuovo studio

Gli acidi grassi omega-3 sono più comunemente derivati ​​da oli di pesce, tra cui tonno e salmone, e sono stati collegati a numerosi benefici per la salute. Ma ora, un nuovo studio suggerisce che avere livelli più alti di DHA omega-3 è associato a un sonno migliore.

I ricercatori, dell’Università di Oxford nel Regno Unito, hanno pubblicato i risultati del loro studio nel.

Hanno condotto le loro ricerche su 362 bambini del Regno Unito di età compresa tra 7 e 9 anni, che non sono stati reclutati in base a problemi di sonno.

Secondo lo studio, i problemi di sonno nei bambini sono associati a problemi di salute e comportamentali e cognitivi, gli stessi problemi di salute associati a carenze di acidi grassi omega-3 a catena lunga.

Come tale, il team ha studiato se l’assunzione di integratori da 600 mg di DHA omega-3 avrebbe migliorato il sonno.

Per iniziare, il team ha avuto genitori e assistenti che valutano le abitudini del sonno dei loro figli durante una settimana tipica, che ha rivelato che il 40% dei bambini aveva problemi di sonno a livello clinico, compresa la resistenza al momento di coricarsi, l’ansia per il sonno e la veglia nel mezzo della notte .

I sensori del polso sono stati quindi montati su 43 dei bambini con problemi di sonno per monitorare i loro movimenti mentre dormivano per più di 5 notti. Inoltre, il team ha registrato livelli di acidi grassi polinsaturi omega-3 e omega-6 nei bambini, utilizzando campioni di sangue del polpastrello.

I bambini del gruppo omega-3 hanno avuto meno disturbi del sonno

Sebbene studi precedenti abbiano suggerito associazioni tra sonno povero e livelli di omega-3 a basso contenuto di sangue in neonati e bambini con problemi di comportamento o di apprendimento, i ricercatori affermano che questo è il primo studio per valutare i legami tra il sonno e lo stato degli acidi grassi nei bambini sani .

I risultati dello studio hanno rivelato che, rispetto ai bambini che hanno assunto il mais o il placebo di soia, i bambini che assumevano integratori giornalieri di omega 3 hanno avuto almeno 1 ora di sonno in più ogni notte.

Inoltre, hanno sperimentato sette episodi a piedi in meno a notte, rispetto al gruppo placebo.

Il team ha anche scoperto che un minor numero di problemi di sonno sono associati a rapporti più alti di DHA in relazione all’acido grasso arachidonico a catena lunga (AA) omega-6.

L’autore dello studio principale Prof. Paul Montgomery dice:

“Trovare problemi di sonno a livello clinico in 4 su 10 di questa popolazione generale è motivo di preoccupazione: da tempo si sa che varie sostanze prodotte nel corpo da acidi grassi omega-3 e omega-6 giocano un ruolo chiave nella regolazione del sonno “.

“Ad esempio,” aggiunge, “rapporti più bassi di DHA sono stati collegati con livelli più bassi di melatonina, e ciò si adatterebbe con la nostra scoperta che i problemi di sonno sono maggiori nei bambini con livelli più bassi di DHA nel sangue”.

Le limitazioni dello studio danno motivo di ulteriori ricerche

Tuttavia, il team dice che sono necessari ulteriori studi, dato il numero limitato di bambini coinvolti nello studio pilota, e hanno bisogno di utilizzare misure oggettive del sonno utilizzando un ulteriore monitoraggio con i sensori del polso.

Un altro limite dello studio non include la raccolta di una gamma più ampia di variabili demografiche associate ai risultati del sonno. Ad esempio, la circonferenza della vita avrebbe potuto essere presa in considerazione.

Inoltre, i bambini dello studio non sono stati selezionati per problemi di sonno, quindi i risultati non possono essere generalizzati per includere una “popolazione referenziata clinicamente”.

Tuttavia, l’uso di campioni di sangue del polpastrello ha permesso la misurazione oggettiva dello stato degli acidi grassi nel sangue, che è una forza definita dello studio.

I ricercatori concludono il loro studio osservando che “questo studio randomizzato suggerisce che il sonno dei bambini può essere migliorato con gli integratori di DHA e indica ancora un altro beneficio di livelli più alti di omega-3 nella dieta”.

recentemente riportato su uno studio che ha suggerito la scoperta di un interruttore del cervello che dice che è ora di dormire.

Like this post? Please share to your friends: