Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Melanoma avanzato: sperimentazioni rivoluzionarie potrebbero trasformare il trattamento

I risultati di due studi clinici internazionali potrebbero trasformare il trattamento del melanoma avanzato, il tipo di cancro della pelle più letale. Ma al momento, i pazienti con melanoma il cui cancro si è diffuso devono affrontare un futuro incerto e spesso cupo.

il dottore esamina una talpa

Ma ora, gli esperti che riferiscono i risultati dello studio dicono che le terapie appena testate dovrebbero ridurre le probabilità che la malattia ricorra e migliorare la sopravvivenza per molti pazienti.

I ricercatori hanno recentemente presentato i risultati delle prove al Congresso della Società Europea di Oncologia Medica 2017, tenutosi a Madrid, in Spagna. Sono anche pubblicati nel.

Gli studi hanno già dimostrato che le immunoterapie e le terapie mirate possono trattare con successo pazienti affetti da melanoma il cui tumore ha raggiunto uno stadio avanzato (stadio IV) ma non può essere rimosso chirurgicamente.

Le immunotopie sono trattamenti che potenziano il sistema immunitario e terapie mirate mirano a specifici geni di malattia o proteine ​​ad essi associati.

Tuttavia, i due nuovi studi sono i primi al mondo a offrire ai pazienti affetti da melanoma l’opzione di trattamento in uno stadio precedente della malattia con l’obiettivo di prevenire la diffusione e la ricaduta.

“I risultati di questi studi clinici suggeriscono che siamo in grado di fermare la malattia, impedendole efficacemente di diffondere e salvare vite umane”, dice l’autrice prof. Georgina Long, presidente di oncologia medica e ricerca traslazionale presso l’Università di Sydney in Australia, che ha lavorato su entrambe le prove.

Melanoma metastatico molto più difficile da trattare

Il melanoma è prevalentemente un cancro della pelle, ma può anche presentarsi in altre parti del corpo, come gli occhi. Inizia nelle cellule chiamate melanociti, che producono melanina, il pigmento che dà alla pelle, ai capelli e agli occhi il loro colore. L’esposizione alla luce ultravioletta, ad esempio dal sole o dai lettini abbronzanti, è un importante fattore di rischio per il melanoma.

Sebbene sia meno comune di molti altri tipi di cancro della pelle, il melanoma è “più probabile che cresca e si diffonda”. La maggior parte delle morti per cancro deriva dalla metastasi, che è una fase patologica in cui le cellule tumorali del tumore originario sfuggono e danno luogo a tumori secondari più difficili da trattare in altre parti del corpo.

Negli Stati Uniti, il tasso di nuovi casi di melanoma è raddoppiato tra il 1982 e il 2011, un anno in cui più di 65.000 persone hanno scoperto di avere la malattia e più di 9.000 sono morte a causa di questo.

In Australia, dove il Prof. Long è anche direttore medico congiunto del Melanoma Institute Australia, il tasso di melanoma è uno dei più alti al mondo. Nel 2017, ci si aspetta che circa 14.000 persone nel paese siano diagnosticate con la malattia e più di 1.800 dovrebbero morire di esso.

Se rilevato precocemente, vi è una buona probabilità di curare il melanoma attraverso la rimozione chirurgica del tumore primario. Tuttavia, in circa il 10% dei casi, il tumore viene rilevato troppo tardi e ha già prodotto tumori secondari (metastasi).

Ai pazienti con melanoma ad alto rischio di recidiva vengono spesso somministrati farmaci per cercare di prevenire le metastasi dopo il trattamento iniziale del cancro, come dopo l’intervento chirurgico. I due studi hanno testato due diversi tipi di terapia adiuvante per il melanoma avanzato.

Prova COMBI-AD

Nello studio COMBI-AD, i ricercatori hanno testato una combinazione di due farmaci – dabrafenib e trametinib – contro un placebo come trattamento postoperatorio per pazienti con melanoma avanzato (stadio III), mutazioni nel gene BRAF e pensato ad alto rischio di ricorrenza.

I risultati hanno mostrato che rispetto a un placebo, la combinazione ha portato a “un rischio significativamente più basso di recidiva” e una migliore sopravvivenza. Inoltre non hanno mostrato nuovi effetti tossici dai farmaci usati in combinazione.

Lo studio in doppio cieco controllato con placebo ha assegnato in modo casuale i 870 pazienti a ricevere 12 mesi di una combinazione di dabrafenib (a una dose orale di 150 milligrammi due volte al giorno) e trametinib (a una dose orale di 2 milligrammi una volta al giorno), o due compresse placebo abbinate.

I risultati hanno mostrato che il 58% dei pazienti è sopravvissuto a una media di 2,8 anni senza ricadute, rispetto al 39% nel gruppo placebo – una riduzione del rischio del 53%.

Il gruppo di terapia di combinazione ha anche mostrato un miglioramento del tasso di sopravvivenza globale a 3 anni (ovvero una riduzione del rischio del 43%), “una sopravvivenza libera da metastasi a distanza migliorata e la libertà dalla ricaduta”.

CheckMate 238 trial

Nel trial CheckMate 238, il team ha scoperto che il farmaco nivolumab era più sicuro e più efficace nel trattamento di pazienti sottoposti a chirurgia per melanoma avanzato (stadio III e stadio IV) rispetto all’attuale standard di cura con ipilimumab. Ha anche scoperto che nivolumab ha prodotto “una sopravvivenza libera da recidiva significativamente più lunga”.

Entrambi i farmaci sono inibitori del checkpoint immunitario approvati per il trattamento del melanoma avanzato. Hanno come bersaglio un passaggio sulle cellule immunitarie per aumentare il loro attacco alle cellule tumorali.

Per il trial in doppio cieco, i ricercatori hanno reclutato 906 pazienti sottoposti a chirurgia per rimuovere completamente il melanoma di stadio III o stadio IV e sono stati considerati ad alto rischio di recidiva.

Sono stati assegnati in modo casuale a ricevere infusioni endovenose di 3 milligrammi di nivolumab per chilogrammo di peso corporeo ogni 2 settimane, o 10 milligrammi di ipilimumab per chilogrammo ogni 3 settimane per quattro dosi e poi ogni 12 settimane, per un massimo di 1 anno.

Il comitato di monitoraggio dello studio lo ha interrotto perché i risultati intermedi hanno dimostrato chiaramente il beneficio di nivolumab rispetto a ipilimumab. A 18 mesi, il tasso di sopravvivenza libera da recidiva con nivolumab era del 66,4%, mentre con ipilimumab era solo del 52,7%.

Investigatore principale Jeffrey S.Weber, vice direttore del Perlmutter Cancer Center presso la New York University School of Medicine, afferma che questi risultati mostrano che “nivolumab è più efficace nel trattamento di pazienti con melanoma di stadio III e IV, riducendo il rischio di recidiva di un terzo”.

Come conclude il prof. Long, “il nostro obiettivo finale di rendere il melanoma una malattia cronica piuttosto che terminale è ora molto più vicino alla realizzazione”.

“Risultati come questo cambieranno il modo in cui pratichiamo la medicina”.

Jeffrey S. Weber

Like this post? Please share to your friends: