Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Mesotelioma: cause, sintomi e prospettive

Il mesotelioma è un tumore aggressivo delle cellule mesoteliali. Queste cellule esistono nel rivestimento che copre la superficie esterna degli organi del corpo.

Il mesotelioma si verifica più spesso nella pleura o nel rivestimento dei polmoni. Tuttavia, il cancro può anche attaccare i rivestimenti del cuore e dell’addome. La causa principale è l’esposizione all’amianto.

Non esiste una cura, ma la terapia palliativa può migliorare la qualità della vita di un paziente.

Nel 2015, il tasso di mortalità per il mesotelioma negli Stati Uniti (Stati Uniti) era di 10,93 per milione di persone. Solo il 9% di quelli con diagnosi di mesotelioma vive più a lungo di 5 anni.

Fatti veloci sul mesotelioma:

Ecco alcuni punti chiave sul mesotelioma. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • Il mesotelioma è una forma aggressiva di cancro che colpisce più comunemente i polmoni.
  • È più probabile che derivi dall’esposizione all’amianto, che può essere stato fino a 30 anni prima che compaiano i sintomi.
  • Non esiste una cura e il trattamento si concentra sull’alleviare i sintomi e migliorare la qualità della vita.

Cos’è il mesotelioma?

L'esposizione all'amianto è la causa principale del mesotelioma. I sintomi possono richiedere 30 anni per apparire.

I tumori si verificano quando c’è una divisione incontrollata di cellule mutate. Il mesotelioma è una forma aggressiva di cancro, il che significa che progredisce e si diffonde rapidamente.

Ci sono tre tipi:

  • Il mesotelioma pleurico è la forma più comune. Colpisce la pleura o il rivestimento intorno ai polmoni.
  • Il mesotelioma peritoneale è la seconda forma più comune. Attacca il rivestimento dell’addome, chiamato peritoneo.
  • Il mesotelioma pericardico è la forma più rara. Colpisce lo strato protettivo del cuore.

Il cinquantacinque per cento di quelli con mesotelioma sopravvive per 6 mesi dopo la diagnosi e il 33 per cento sopravvive per un anno.

Sintomi

Possono essere necessari fino a 30 anni per mostrare i sintomi dopo l’esposizione a particelle di amianto e polvere. La diagnosi spesso si verifica quando la malattia è già avanzata. Il risultato dipende da quanto tempo può essere diagnosticata la neoplasia.

Segni e sintomi variano a seconda della posizione del tumore nel corpo.

Il mesotelioma pleurico può essere indicato da:

  • mancanza di respiro
  • tosse, spesso dolorosa
  • perdita di peso inaspettata e inspiegabile
  • dolore sotto la gabbia toracica
  • grumi rilevabili sotto la pelle nella zona del petto
  • mal di schiena lombare
  • disagio nel lato del petto
  • esaurimento
  • sudorazione
  • febbre
  • difficoltà a deglutire

Il mesotelioma peritoneale può coinvolgere:

  • perdita di peso inspiegabile
  • dolore addominale
  • gonfiore nell’addome
  • grumi nell’addome
  • nausea e vomito

Il mesotelioma pericardico causa:

  • bassa pressione sanguigna
  • mancanza di respiro
  • ritenzione di liquidi, o edema, spesso nelle gambe
  • palpitazioni
  • estrema fatica dopo uno sforzo leggero
  • dolore al petto

Le cause

Il mesotelioma è direttamente collegato all’esposizione a una combinazione di sei minerali costituiti da fibre lunghe e sottili chiamate amianto.

L’amianto è un gruppo di minerali che si trovano naturalmente. Esistono come fibre o pacchi. Queste fibre possono essere trovate nel suolo o nelle rocce ed esistono in molte parti del mondo in modo naturale. L’amianto è fatto di silicio, ossigeno e alcuni altri elementi.

L’amianto è utilizzato in una gamma di prodotti, in particolare materiali da costruzione, compresi rivestimenti, piastrelle per pavimenti, materiali per soffitti e tegole. La sua presenza si trova anche nei prodotti di attrito, come le parti dei freni, nonché tessuti resistenti al calore, imballaggi, rivestimenti e guarnizioni.

In passato veniva spesso utilizzato per isolare prodotti e edifici e renderli insonorizzati o ignifughi.

Quando i prodotti di amianto sono installati, riparati o demoliti, le fibre possono essere disperse nell’aria. Possono quindi essere inalati o ingeriti e rimanere permanentemente nei polmoni, per decenni in alcuni casi. Anche altri organi possono essere colpiti.

Il mesotelioma può svilupparsi da queste fibre.

Chi è a rischio?

La probabilità di sviluppare il mesotelioma è direttamente proporzionale alla durata dell’esposizione all’amianto e a quanto una persona ha inalato. Le persone in posti di lavoro ad alta esposizione, come nei cantieri, acciaierie o centrali elettriche, hanno il più alto rischio di sviluppare la malattia.

Anche i familiari che non sono mai entrati in un ambiente ricco di amianto possono essere esposti. I lavoratori esposti all’amianto possono accidentalmente trasportare le fibre a casa nei loro indumenti e essere inalati dagli altri membri della famiglia.

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha affermato che nel 2005 circa 125 milioni di persone sono state esposte all’amianto durante il lavoro, nonostante i loro datori di lavoro abbiano saputo del legame con il cancro e altre malattie polmonari per oltre sei decenni. La maggior parte dell’esposizione legata al lavoro oggi si verifica nei paesi in via di sviluppo.

In casi molto più rari, il mesotelioma può essere collegato a:

  • irradiazione
  • inalazione di silicati fibrosi come erionite, zeolite e biossido di torio intrapleurico

Diagnosi

Il mesotelioma viene spesso diagnosticato in uno stadio più avanzato del cancro.

Il medico chiederà informazioni sull’anamnesi personale e familiare e condurrà un esame fisico. Chiederanno anche di occupazioni precedenti se si sospetta il mesotelioma, per valutare qualsiasi potenziale esposizione all’amianto.

Se si sospetta il mesotelioma, verranno utilizzate scansioni di immagini come una radiografia o una tomografia computerizzata (TC) per facilitare la diagnosi.

Biopsia

Una biopsia può confermare la diagnosi. Il tipo di biopsia dipende da dove si trovano i sintomi.

Nel torace o nella zona addominale: il medico utilizzerà un’aspirazione a ago sottile. Un piccolo ago viene inserito nell’addome e nel torace per rimuovere e testare alcuni liquidi o parti di tessuto.

Solo nella zona del torace: il medico eseguirà una toracoscopia. Un toracoscopio viene inserito attraverso una piccola incisione tra le costole del paziente. Un toracoscopio è un tubo con una piccola telecamera all’estremità, progettato per esaminare la cavità toracica.Il chirurgo rimuove quindi un pezzo di tessuto.

toracotomia

In una toracotomia, il chirurgo apre il torace tra le costole per vedere l’area bersaglio e verificare la presenza di segni di cancro. Alcuni tessuti possono essere rimossi per i test in laboratorio.

Laparoscopia o laparotomia

Se ci sono sintomi nella zona addominale, il medico può eseguire una laparoscopia o laparotomia per esaminare l’area e prelevare campioni di tessuto per il test.

Una laparoscopia comporta l’inserimento di un laparoscopio in una piccola incisione nella parete addominale. Il laparoscopio ha una piccola macchina fotografica, come il toracoscopio. I campioni possono essere presi.

Se sono necessarie ulteriori informazioni, può essere richiesta una laparotomia. Il chirurgo apre e esamina l’addome. I campioni di tessuto possono essere rimossi e inviati al laboratorio.

Un patologo può esaminare i campioni di tessuto o di fluido attraverso un microscopio, vedere se c’è malignità, quali tipi di cellule sono coinvolte e quanto è avanzato il cancro.

Se il chirurgo progetta di rimuovere tutto o parte di un polmone, possono essere eseguiti test di funzionalità polmonare per valutare l’efficacia dei polmoni, prima dell’intervento chirurgico. Questo mostrerà se è sicuro effettuare un intervento chirurgico.

messa in scena

La diagnosi confermerà se il cancro è presente e in che misura si è diffuso. Lo stadio del tumore verrà assegnato tra la fase 1 e la fase 4.

Mesotelioma di stadio 1 il tumore è ancora localizzato all’interno del rivestimento intorno al polmone. Non si è diffuso. Allo stadio 4, si è diffuso agli organi lontani e intorno al petto.

Trattamento

Il trattamento dipenderà da diversi fattori, tra cui:

  • la posizione del cancro
  • il palcoscenico del cancro
  • la salute generale e l’età del paziente

Il mesotelioma viene solitamente individuato dopo un periodo di progressione ed è spesso aggressivo. Per questo motivo, meno della metà dei pazienti sopravviverà per un anno dopo la diagnosi.

I tumori altamente avanzati non possono più essere rimossi chirurgicamente. L’unica opzione rimasta in molti casi è cercare di controllare il cancro, rallentarlo e massimizzare il comfort per il paziente.

Il trattamento in una fase avanzata può a volte causare gravi effetti collaterali, quindi la gestione del dolore e l’ottimizzazione della qualità della vita possono essere l’opzione migliore.

Il medico, il paziente e i familiari dovrebbero discutere a fondo la varietà delle opzioni di trattamento.

Opzioni per il trattamento

Le opzioni includono:

Chirurgia: il chirurgo rimuove i tumori con una procedura invasiva. Normalmente, questo è appropriato solo durante le prime fasi. La rimozione totale o parziale del tumore può rallentare la crescita del tumore e alleviare i sintomi. A volte il chirurgo rimuove il polmone e il tessuto circostante, seguito dalla radioterapia.

Una pleurectomia o peritonectomia rimuove il rivestimento intorno ai polmoni o alla cavità addominale, per alleviare i sintomi. Un tumore che non può essere rimosso completamente può essere debellato o ridotto di dimensioni. Un catetere o un tubo, può essere installato per alleviare il liquido sui polmoni.

Pleurodesi: farmaci come tetraciclina o bleomicina sono inseriti tra la pleura. Questo infiamma la pleura, riportandoli indietro e bloccando il potenziale accumulo di liquidi nello spazio.

Chemioterapia: se i tumori non possono essere rimossi chirurgicamente, la chemioterapia può essere utilizzata per ridurli e rallentare i loro progressi. La chemioterapia neoadiuvante può essere applicata prima dell’intervento chirurgico per rendere più facile la rimozione di un tumore. La chemioterapia adiuvante viene utilizzata dopo l’intervento chirurgico per prevenire la recidiva.

Radioterapia: può essere usata per ridurre la gravità dei sintomi in quelli con mesotelioma pleurico. A volte viene usato per prevenire la metastasi dopo una biopsia o un intervento chirurgico.

Le cellule tumorali possono essere lasciate indietro dopo l’intervento chirurgico e continuano a ricorrere alla chemioterapia o la radioterapia a volte può ridurre questo rischio.

prospettiva

In generale, la prognosi per i pazienti con mesotelioma non è incoraggiante. Il mesotelioma maligno è un tipo di cancro estremamente aggressivo. Ha anche un lungo periodo di latenza, quindi la diagnosi si verifica spesso quando il cancro è già avanzato.

Il paziente deve considerare che ci sono delle eccezioni e sono in corso ricerche su nuovi trattamenti e possibilità di gestione dei sintomi.

Like this post? Please share to your friends: