Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Micro commozioni possono alterare il cervello dei giocatori di football

Un nuovo studio rivela che i giocatori degli sport di contatto hanno differenze nella loro attività cerebrale rispetto alle persone che praticano sport senza contatto. Gli autori si chiedono se la colpa sia di piccole commozioni cerebrali.

Giocatori di football pronti a fare sport

C’è stata una spinta significativa, negli ultimi anni, a spingere la questione della commozione cerebrale nella parte anteriore della mente delle persone.

È ormai risaputo che qualcuno che è in stato di commozione non deve tornare nel campo di gioco e dovrebbe avere cura di riposare.

Lo studio di cui stiamo discutendo oggi si riferisce a un fenomeno più comune, ma molto meno compreso: impatti subconcussivi, noti anche come micro-concussioni.

Gli autori dello studio definiscono micro-concussioni come “impatti sul cranio, compresi quelli che non producono una commozione cerebrale acuta, ma che tuttavia causano segni e sintomi clinici”.

In una stagione calcistica del college, un giocatore potrebbe raccogliere oltre 1.000 micro commozioni cerebrali. E, mentre la ricerca si intensifica, gli scienziati sono sempre più preoccupati che possano avere un significativo effetto cumulativo.

Ad oggi, tuttavia, non sono state fatte conclusioni concrete riguardo alle regioni cerebrali specifiche che sono affette da micro-concussioni. Gli autori del nuovo studio riassumono la confusione.

“Alcuni studi trovano un effetto sulla cognizione, mentre altri non trovano alcun effetto: l’effetto del concatenamento dei colpi in equilibrio”, scrivono, “è anche inconcludente con alcuni che riportano un effetto positivo e altri che non riportano alcun effetto”.

Altri hanno cercato cambiamenti nell’anatomia del cervello, alcuni concentrandosi sulle differenze nella materia bianca e altri sulla materia grigia.

La storia qui è simile. Come spiegano gli autori dello studio, “Ancora una volta, tuttavia, questi studi non forniscono un chiaro consenso”.

Riapertura di piccole commozioni cerebrali

Un ricercatore dedito ad andare a fondo di questa domanda è l’autore dello studio principale Nicholas Port, della Indiana University Bloomington.

Si proponeva di esplorare se esistessero o meno differenze misurabili nell’attività cerebrale tra le persone che praticavano sport di contatto e coloro che erano coinvolti in sport senza contatto. Le sue scoperte sono ora pubblicate sulla rivista.

Per iniziare, i ricercatori hanno effettuato scansioni cerebrali di 21 giocatori di calcio e 19 corridori di cross country utilizzando la tecnologia MRI funzionale. Questo tipo di imaging rileva i cambiamenti nel flusso sanguigno correlati all’attività nelle regioni del cervello.

Hanno scelto i giocatori di calcio a causa del loro alto rischio di ripetuti colpi alla testa e di corridori perché sono a rischio molto basso di ferite alla testa. Nessuno dei calciatori ha subito una commozione cerebrale nella stagione precedente.

Il team ha anche analizzato il cervello di 11 atleti non universitari di un background socioeconomico simile da utilizzare come gruppo di controllo.

In particolare, Port e i suoi colleghi erano interessati ai centri visivi del cervello. Dice: “Ci siamo concentrati su queste regioni del cervello perché i medici e gli allenatori incontrano regolarmente ampi deficit nella capacità dei giocatori di tracciare agevolmente un punto in movimento con gli occhi dopo aver subito una commozione cerebrale acuta”.

E, quando sono state analizzate le scansioni cerebrali, sono state osservate differenze misurabili tra i tre gruppi. Coloro che hanno giocato a calcio hanno mostrato molta più attività nelle loro regioni visive rispetto al gruppo di controllo o ai corridori di fondo.

Traendo le conclusioni

Sebbene siano state osservate differenze, la prossima sfida è come interpretare i risultati. L’aumento dell’attività visiva tra i calciatori a causa di una vita di ferite alla testa lievi o perché svolgono uno sport visivamente impegnativo?

Come spiega Port, “Tutti, dai musicisti ai tassisti, hanno differenze nelle attività cerebrali legate alle loro abilità specifiche”.

In questa fase, sebbene i risultati siano interessanti, non c’è modo di spiegare perché sono state trovate queste differenze. In futuro, Port ritiene che la risposta potrebbe provenire da accelerometri indossabili.

Sebbene questa tecnologia sia già disponibile, è costosa e ingombrante. Man mano che l’equipaggiamento migliora e i giocatori possono giocare in modo più naturale mentre lo indossano, è possibile raccogliere dati migliori.

In questo modo, il numero di colpi alla testa può essere monitorato in tempo reale e confrontato con deficit cognitivi e cambiamenti nel cervello in un secondo momento.

Nel complesso, tuttavia, lo studio aggiunge solo alla pila di risultati inconcludenti. Sebbene siano state osservate delle differenze, i centri visivi dei calciatori erano più affollati – in questa fase è impossibile interpretare in modo accurato.

Like this post? Please share to your friends: