Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Miosite ossificante: sintomi e trattamento

La miosite ossificante è una condizione in cui il tessuto osseo si forma all’interno del muscolo o di altri tessuti molli dopo una lesione. Tende a svilupparsi in giovani adulti e atleti che hanno maggiori probabilità di subire lesioni traumatiche.

Il più delle volte, la miosite ossificante si verifica nei grandi muscoli delle braccia o delle gambe.

Le cause

Un infortunio sportivo può causare miosite ossificante

La miosite ossificante di solito si verifica quando una persona ha subito una singola lesione traumatica, come il sostenimento di un colpo durante il gioco del calcio o del calcio che provoca un livido muscolare profondo.

Può anche accadere quando c’è una lesione ripetitiva nella stessa area, come nelle cosce dei cavalieri a cavallo. Molto raramente, la miosite ossificante può verificarsi dopo un forte sforzo muscolare.

Indipendentemente dalla causa, la miosite ossificante si verifica quando il corpo fa un errore nel processo di guarigione. Le cellule muscolari, note anche come fibroblasti, vengono accidentalmente sostituite da cellule ossee immature nel sito della lesione.

Alla fine, questo può causare un nodulo duro o urto a sviluppare all’interno del muscolo. Questo è un processo graduale e inizia a poche settimane dalla lesione iniziale.

Può essere difficile prevedere chi otterrà la miosite ossificante, ma la condizione è più diffusa nei giovani adulti e negli atleti attivi.

La miosite ossificante si verifica nelle persone che partecipano allo sport a tutti i livelli, da quelli che giocano solo per divertimento agli atleti altamente competitivi o professionisti.

Inoltre, le persone che sono paralizzate dalla vita in giù hanno maggiori probabilità di sviluppare miosite ossificante, anche se non hanno una ferita specifica.

Sintomi

A differenza di altri tipici ceppi muscolari o lesioni, le persone con miosite ossificante possono notare che il loro dolore peggiora nel tempo invece di migliorare.

Qualcuno con questa condizione può anche notare cambiamenti nel muscolo interessato, tra cui:

  • calore
  • gonfiore
  • un grumo o urto
  • gamma ridotta di movimento

Diagnosi

La risonanza magnetica delle gambe può aiutare a diagnosticare la miosite ossificante

Prima di diagnosticare la miosite ossificante, un medico chiederà cosa è successo, quanto tempo fa è successo, i sintomi e quali misure ha preso una persona per gestire il dolore o la ferita.

Se sono trascorse almeno 2-3 settimane dall’avvio del dolore o di altri sintomi, il medico può ordinare alcuni test di imaging per cercare evidenza di crescita ossea nei tessuti molli.

I tipi di test che il medico può utilizzare includono:

  • Raggi X: può essere difficile diagnosticare la miosite ossificante nelle prime fasi con una semplice radiografia. La maggior parte dei raggi X non mostra alcuna anomalia nelle prime 2-3 settimane dopo l’infortunio, ma mostrerà cambiamenti dopo 3-4 settimane.
  • Ultrasuoni: gli ultrasuoni usano le onde sonore per guardare i tessuti molli. Sono un test diagnostico precoce che può essere utilizzato per cercare i cambiamenti associati alla miosite ossificante. L’ecografia dipende dalla capacità della persona che legge le scansioni, quindi molti medici spesso non la raccomandano come primo test.
  • Scansione di tomografia computerizzata (TC): i medici possono generalmente vedere lo sviluppo precoce del tessuto osseo nei tessuti molli. Tuttavia, non è affidabile al 100% e se un medico sospetta che qualcuno abbia miosite ossificante, può eseguire ulteriori test per effettuare la diagnosi.
  • Risonanza magnetica (MRI): una risonanza magnetica è un metodo preferito per osservare le crescite dei tessuti molli. Un medico può ancora ordinare ulteriori test per confrontare e confermare una diagnosi.

Una biopsia della crescita può anche essere presa e valutata in un laboratorio.

A volte, i primi test diagnostici possono confondere la miosite ossificante con alcuni tipi di tumori dei tessuti molli. Di conseguenza, il medico può ordinare ulteriori test per confermare la diagnosi.

Trattamento

La miosite ossificante di solito si risolve da sola. Prendere antidolorifici, come naprossene o ibuprofene, può aiutare ad alleviare il disagio.

Altre cose che una persona può fare a casa includono:

  • riposando l’area
  • icing la ferita
  • elevando l’area interessata
  • stiramento delicato
  • avvolgere il muscolo interessato con una benda elastica per ridurre il gonfiore

Dopo le prime 48-72 ore, una persona può iniziare la terapia fisica per aumentare la forza nel muscolo.

La terapia dovrebbe iniziare con una serie di esercizi di movimento assistito – questo comporta lo spostamento delle articolazioni lentamente e delicatamente in tutte le direzioni per vedere fino a che punto andranno – e gradualmente progredire in pieno esercizio dinamico mentre il muscolo riprende forza.

Se gli antidolorifici, la terapia fisica e altre misure di assistenza domiciliare non sono efficaci nel trattamento della miosite ossificante, potrebbe essere necessaria la rimozione chirurgica della crescita.

La chirurgia viene solitamente utilizzata solo nei casi con:

  • dolore intenso
  • escrescenze che interferiscono con nervi, articolazioni o vasi sanguigni vicini
  • scarsa gamma di movimento che rende difficile svolgere attività quotidiane

Il medico o il chirurgo possono raccomandare di ritardare l’intervento chirurgico per un periodo per ridurre il rischio che si ripresenti la miosite ossificante.

Prevenzione

Un impacco di ghiaccio può aiutare a trattare la miosite ossificante.

Mentre può essere difficile prevedere chi otterrà la miosite ossificante, è importante trattare ogni infortunio prontamente usando il R.I.C.E. metodo. Questo è:

  • riposo
  • Ghiaccio
  • Compressione
  • Elevazione

Un atleta che subisce un infortunio può aver bisogno di lasciare il gioco o l’evento, specialmente se vi sono gonfiore o lividi significativi.

Lo stretching delicato e la gamma di esercizi di movimento sono essenziali anche dopo un infortunio; la miosite ossificante ha maggiori probabilità di colpire un muscolo che non viene utilizzato.

Se i sintomi non si risolvono da soli o con un’adeguata assistenza domiciliare, è importante consultare un medico.

prospettiva

La prospettiva per qualcuno con miosite ossificante è buona. La condizione di solito si risolve con l’assistenza domiciliare, anche se alcune persone avranno rigidità o disagio fino a un anno dopo la lesione iniziale.

È importante riposare dopo un infortunio e seguire un piano di trattamento consigliato da un medico o un fisioterapista.

Qualcuno con miosite ossificante dovrebbe assicurarsi di seguire tutte le istruzioni su attività, stretching e altri esercizi per assicurarsi che non feriscano ulteriormente l’arto.

Like this post? Please share to your friends: