Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Miscelazione di antibiotici comuni e di farmaci per la pressione sanguigna può essere pericoloso per i pazienti più anziani

Prendendo insieme antibiotici e farmaci per la pressione del sangue comunemente prescritti, la pressione sanguigna potrebbe ridursi lentamente e causare shock nei pazienti più anziani, così finiscono in ospedale, secondo un nuovo studio canadese.

L’autore senior Dr David Juurlink, scienziato presso il Sunnybrook Research Institute e l’Institute for Clinical Evaluative Sciences di Toronto, Ontario, e colleghi, ha scritto le loro scoperte nel numero online del 17 gennaio del CMAJ, Canadian MedicalAssociation Journal.

Hanno scoperto che i pazienti più anziani che assumevano bloccanti dei canali del calcio, una classe di farmaci usati per trattare l’ipertensione, che anche due dei due antibiotici macrolidi comunemente prescritti, eritromicina o claritromicina, erano a maggior rischio di essere ricoverati in ospedale con ipotensione o sangue molto basso pressione.

Un terzo antibiotico macrolide comunemente prescritto, l’azitromicina, sembrava non indurre una simile reazione e Juurlink e colleghi hanno raccomandato che:

“Quando clinicamente appropriato, [azitromicina] deve essere usato preferenzialmente nei pazienti che ricevono un calcio antagonista.”

Nelle loro informazioni di base, gli autori hanno scritto che gli antibiotici macrolidi (eritromicina, claritromicina e azitromicina) “sono tra gli antibiotici più ampiamente prescritti”, e solo in Canada, milioni di prescrizioni sono state fatte per questi anni.

I farmaci sono generalmente ben tollerati, hanno notato, ma erano a conoscenza di “importanti interazioni farmacologiche”, tra cui l’ipotesi che “la claritromicina e l’eritromicina possono potenziare i calcio-antagonisti inibendo il citocromo P450isoenzima 3A4”, tuttavia questa interazione è poco conosciuta.

Juurlink ha detto al cardiofrequenzimetro di Medscape che, sebbene l’interazione sia “perfettamente prevedibile basata sulla farmacologia dei farmaci, è stata precedentemente documentata solo in circa cinque casi clinici”.

Per saperne di più e valutare le conseguenze cliniche di questa interazione, Juurlink e colleghi hanno deciso di indagare sul rischio di ipotensione (pressione sanguigna molto bassa) o shock che ha portato i pazienti ad essere ricoverati in ospedale nei casi in cui avevano assunto il canale del calcio bloccanti e antibiotici macrolidi allo stesso tempo.

Hanno progettato il loro studio come uno “studio basato sulla popolazione, nidificato, caso-crossover” e hanno cercato le registrazioni mediche di circa un migliaio di ontari per i pazienti di età superiore a 65 anni che avevano ricevuto prescrizioni per bloccanti dei canali del calcio nei quindici anni tra il 1 ° aprile 1994 e 31 marzo 2009 e chi era stato ricoverato in ospedale per il trattamento di ipotensione o shock.

Uno studio caso-crossover è dove i partecipanti sono i propri controlli, e i ricercatori confrontano ciò che accade loro su periodi di tempo più diversi, l’intervallo di “rischio” e l’intervallo di “controllo”.

In questo caso, i ricercatori hanno utilizzato un approccio “analitico in coppia” per stimare il rischio di ipotensione o shock associato all’astensione di un calcio bloccante per contrastare l’esposizione di ciascun paziente a ciascun antibiotico macrolide (eritromicina, claritromicina orazitromicina) nei sette giorni precedenti ammissione (l’intervallo di “rischio”) e un altro periodo di sette giorni un mese prima (l’intervallo di “controllo”).

I risultati hanno mostrato che:

  • Durante i quindici anni, un totale di 7.100 pazienti sono stati ricoverati in ospedale a causa dell’ipotensione mentre ricevevano un calcio-antagonista.
  • Di questi, 176 era stato prescritto un antibiotico macrolide durante gli intervalli di rischio o di controllo.
  • Erythromycin, il più forte inibitore del citocromo P450 3A4, è stato trovato per aumentare il rischio di bassa pressione sanguigna quasi 6 volte, seguita da claritromicina, che ha aumentato il rischio quasi 4 volte (in base al rapporto di probabilità).
  • Al contrario, l’azitromicina, che non inibisce il citocromo P450 3A4, non era correlata ad un aumentato rischio di ipotensione.

I ricercatori hanno notato che hanno trovato risultati simili in una “analisi stratificata di pazienti che hanno ricevuto solo bloccanti dei canali diidropiridinecalcium”.

Hanno concluso che questi risultati mostrano che i pazienti più anziani su calcio-antagonisti che usano anche eritromicina o claritromicina sono ad aumentato rischio di finire in ospedale a causa di ipotensione o shock, ma che “la correlata azitromicina sembra sicura”.

“L’uso preferenziale di azitromicina deve essere presa in considerazione quando è richiesto un antibiotico macrolide per i pazienti che già ricevono il bloccante del canale dell’acido”, hanno aggiunto.

“Il rischio di ipotensione dopo la co-prescrizione di antibiotici macrolidi e bloccanti dei canali del calcio”.
Alissa J. Wright, Tara Gomes, Muhammad M. Mamdani, John R. Horn e David N. Juurlink.
CMAJ, pubblicato online prima della stampa 17 gennaio 2011
DOI: 10,1503 / cmaj.100702

Fonti aggiuntive: CMAJ (comunicato stampa, 17 gennaio 2011), heartwire (Lisa Nainggolan, “CCB / antibiotico macrolide aumenta il rischio di ipotensione”, 17 gennaio 2011).

Scritto da: Catharine Paddock, PhD

Like this post? Please share to your friends: