Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Misfiring nel sistema di controllo del cervello collegato al DOC

Per i 2,2 milioni di adulti americani affetti da disturbo ossessivo-compulsivo, la necessità di eseguire ripetutamente routine e rituali causa angoscia, intralciando la vita di tutti i giorni. Ora, i ricercatori dell’Università di Cambridge nel Regno Unito affermano che le compulsioni dal disturbo possono derivare da un cattivo funzionamento del sistema di controllo del cervello.

Il cervello

Pubblicano i loro risultati nel.

Secondo il National Institutes of Mental Health (NIMH), gli individui con disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) hanno frequenti pensieri sconvolgenti che cercano di controllare ripetendo certi rituali o comportamenti.

Anche se le persone sane hanno dei rituali – compreso il controllo per vedere che la stufa è spenta prima di uscire di casa – le persone con disturbo ossessivo compulsivo eseguono ossessivamente i loro rituali, anche se interferiscono con la vita quotidiana.

“Mentre alcune abitudini possono semplificarci la vita, come automatizzare l’atto di preparare il caffè del mattino, altre spingono troppo lontano e possono assumere il controllo delle nostre vite in un modo molto più insidioso, plasmando le nostre preferenze, credenze e nel caso del DOC , anche le nostre paure “, osserva il Prof. Trevor Robbins, autore di uno studio del Dipartimento di Psicologia di Cambridge.

Lui e la dottoressa Claire Gillan hanno guidato un team di ricercatori per indagare sull’idea che le compulsioni nel disturbo ossessivo compulsivo derivino da un “sistema di abitudini iperattive”.

Per fare ciò, hanno scansionato il cervello di 37 pazienti affetti da DOC e quelli di 33 controlli sani che non hanno avuto il disturbo poiché hanno eseguito un’attività comportamentale che esercitava pressione su un pedale per evitare lievi scosse elettriche al polso.

Lo studio aggiunge alla prova che il sistema di abitudini del cervello coinvolto nelle compulsioni OCD

Precedenti ricerche hanno stabilito che il nucleo caudato – una regione del cervello che deve funzionare correttamente per noi per controllare le nostre abitudini – è iperattivo quando i sintomi del DOC vengono stimolati nei pazienti.

Fatti veloci su OCD

  • OCD a volte funziona in famiglie
  • Il disturbo colpisce uomini e donne allo stesso modo e di solito compare nell’infanzia o nella prima età adulta
  • Un terzo degli adulti affetti da DOC presenta sintomi come bambini.

Ulteriori informazioni su OCD

Nel loro ultimo studio, i ricercatori hanno osservato che i pazienti con DOC non erano in grado di fermare le abitudini di pressione del pedale come i controlli, e questo era legato all’attività cerebrale iperattiva nel caudato.

Il team afferma che la loro scoperta che le abitudini dei pazienti OCD hanno spinto l’iperattività nel caudato aggiunge la prova dell’idea che le compulsioni del disturbo ossessivo compulsivo potrebbero essere causate dal sistema di abitudini nel cervello.

Ma queste scoperte non sono semplicemente specifiche del DOC; possono estendersi ad altre aree della psichiatria. “Non è solo il disturbo ossessivo-compulsivo, ci sono una serie di comportamenti umani che sono ora considerati esempi di compulsività, tra cui abuso di droghe e alcol e abbuffate”, afferma Dr Gillan.

Spiega che tutti questi comportamenti implicano la “perdita del controllo top-down”, probabilmente derivante da problemi di comunicazione tra le regioni del cervello che controllano l’abitudine e quelle che controllano il comportamento volontario – come la corteccia prefrontale. “Dato che i comportamenti compulsivi diventano più radicati nel tempo, le nostre intenzioni giocano sempre meno un ruolo in quello che effettivamente facciamo”, dice.

Il Prof. Robbins aggiunge che condizioni come il disturbo ossessivo compulsivo e altri disturbi compulsivi “sono tra le più difficili da trattare, sia per terapia cognitiva comportamentale che per uso di droghe”.

La prof.ssa Barbara Sahakian, un’altra autrice dello studio, conclude:

“Questo studio sottolinea l’importanza di trattare il disturbo ossessivo-compulsivo precocemente ed efficacemente prima che il comportamento disfunzionale diventi radicato e difficile da trattare. Ora ci concentreremo sulle implicazioni del nostro lavoro per le future strategie terapeutiche per questi disturbi compulsivi”.

A settembre 2014, è stata riportata una nuova linea guida clinica che raccomandava la stimolazione cerebrale profonda per i casi di DOC che non rispondono ai farmaci.

Like this post? Please share to your friends: