Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Modi naturali per trattare la fibrillazione atriale

Le camere superiori del cuore normalmente battono in un ritmo regolare e coordinato con le camere inferiori del cuore. Nella fibrillazione atriale, le camere superiori del cuore possono vibrare fuori dal ritmo.

Il risultato è un ritmo cardiaco irregolare che può causare sintomi quali mancanza di respiro, debolezza, palpitazioni cardiache e talvolta un soffio al cuore. La condizione può anche portare allo sviluppo di coaguli di sangue nelle camere superiori, che possono causare un ictus.

I trattamenti di fibrillazione atriale (A-fib) possono variare in base ai sintomi che le persone sperimentano. Mentre è importante che le persone seguano i consigli di un medico in merito ai trattamenti con fibula, potrebbero anche scegliere di integrare i trattamenti medici con quelli naturali.

Trattamenti naturali

Agopuntura

Anche se i trattamenti naturali spesso non sono ampiamente studiati, ci sono diversi trattamenti e attività che possono aiutare a ridurre i sintomi e gli effetti di A-fib.

Questi possono includere l’agopuntura, lo yoga, dormire abbastanza e ridurre o minimizzare lo stress.

Alcuni trigger per A-fib includono:

  • fatica
  • inquinamento dell’aria
  • caffeina
  • alcune droghe da banco, da prescrizione e ricreative

Agopuntura

L’agopuntura, un approccio di medicina tradizionale cinese, può aiutare quelli con A-fib a controllare le loro pulsazioni cardiache, secondo uno studio pubblicato sulla rivista.

L’agopuntura comporta l’applicazione di piccoli aghi su punti specifici del corpo per promuovere il flusso di energia. Il punto di agopuntura è legato al controllo dei problemi del ritmo cardiaco, ma sono ancora necessarie ulteriori ricerche.

Yoga

Lo yoga è la pratica della respirazione profonda, della meditazione e delle posture del corpo. Una pratica regolare di yoga per 1 ora, 3 giorni alla settimana ha dimostrato di ridurre la quantità di episodi di fibrillazione atriale, secondo uno studio.

Mentre il modo esatto in cui lo yoga riduce l’incidenza di A-fib non è noto, i ricercatori suggeriscono che lo yoga potrebbe ridurre lo stress e l’infiammazione che danneggia il cuore e ridurre la frequenza cardiaca a riposo di una persona.

Erbe e integratori

Una delle erbe naturali segnalate per ridurre A-fib e i suoi sintomi è l’estratto di erbe cinese Wenxin Keli (WXKL).

In una revisione degli studi attuali riguardanti WXKL e i suoi effetti proposti, gli autori hanno scoperto che l’assunzione dell’erba potrebbe avere i seguenti effetti:

  • ridurre i cambiamenti al cuore che possono verificarsi a causa di A-fib
  • migliorare il mantenimento del ritmo regolare
  • hanno benefici simili come il beta-bloccante sotalolo nel mantenere regolari i ritmi cardiaci
  • ridurre i sintomi associati alla fibrillazione atriale, come oppressione toracica, palpitazioni e difficoltà a dormire

Tuttavia, i ricercatori hanno notato che non ci sono una quantità significativa di studi o raccomandazioni riguardo a un dosaggio per WXKL.

Un altro studio ha studiato gli effetti delle erbe della medicina tradizionale cinese (TCM) rispetto ai farmaci soggetti a prescrizione medica nel trattamento della fibrillazione atriale.

erbe della medicina tradizionale cinese

Alla conclusione dello studio, i ricercatori hanno fatto le seguenti conclusioni:

  • Gli utenti TCM avevano un rischio ridotto di ictus (1,93%) rispetto agli utenti non TCM (12,59%).
  • Gli utenti TCM di età pari o inferiore a 65 anni hanno sperimentato i maggiori benefici di riduzione dell’ictus.
  • Quelli più vecchi di 65 anni non hanno avuto un rischio significativo di ictus ridotto.

Tuttavia, è importante notare che un’erba cinese chiamata Dan Shen può interagire in modo dannoso con il warfarin, un anticoagulante che i medici prescrivono spesso alle persone con fibrillazione atriale.

I ricercatori hanno notato che c’erano molti limiti allo studio. Ad esempio, non hanno monitorato nessuno dei fattori di stile di vita dei partecipanti che potrebbero aver influito sul loro rischio. I partecipanti potrebbero anche aver usato altri medicinali a base di erbe di cui i ricercatori non erano a conoscenza.

Altre erbe e integratori che possono aiutare a trattare AFib, secondo il, includono:

  • crespino (berbero)
  • china
  • biancospino
  • motherwort
  • acidi grassi omega-3
  • shensongyangxin

Sostanze da evitare

Le abitudini di vita e il consumo di determinati cibi e bevande possono potenzialmente innescare episodi di fibrillazione atriale. Una tale abitudine è fumare. Altri esempi includono:

  • Bere alcolici eccessivamente: non più di 1 o 2 bevande alcoliche per un uomo al giorno e non più di 1 bevanda al giorno per le donne. Le persone di età superiore ai 65 anni non dovrebbero avere più di 1 bevanda alcolica al giorno. I bevitori di alcolici da moderati a pesanti avevano 1,35 volte più probabilità di avere A-fib rispetto ai non bevitori.
  • Consumare quantità eccessive di caffeina. Circa 400 milligrammi di caffeina rappresentano un limite massimo sicuro per gli adulti su base giornaliera. Questo è più o meno lo stesso di quattro tazze di caffè fermentate.
  • Prendendo medicine per la tosse e il raffreddore che contengono stimolanti, come lo sciroppo per la tosse dextromorphan o prometazina-codeina.
  • Mangiare più di quattro porzioni di pesce “scuro” a settimana. Secondo uno studio, mangiare più di 4 porzioni di pesce scuro, come salmone, pesce spada, pesce azzurro, sgombro e sardine può effettivamente aumentare il rischio di A-fib.

Alcune persone sono più sensibili ai farmaci e agli additivi rispetto ad altri. Se una persona nota che mangiare un certo cibo o bevanda aumenta l’incidenza dei ritmi cardiaci irregolari, dovrebbe parlare con il proprio medico.

Consigli sullo stile di vita

Molte persone con A-fib hanno una condizione chiamata apnea del sonno. La forma più comune è l’apnea ostruttiva del sonno, che fa sì che una persona smetta di respirare per brevi periodi mentre è addormentata.

L’apnea notturna può indebolire il cuore perché il cuore deve iniziare a lavorare di più per compensare l’ossigeno perduto quando una persona smette di respirare.

I sintomi che suggeriscono che una persona potrebbe sperimentare l’apnea notturna includono:

  • sentendosi dire che russavano
  • svegliarsi di notte con il russare o la respirazione irregolare
  • avere eccessiva sonnolenza diurna

Chiunque abbia questi sintomi dovrebbe consultare il proprio medico o uno specialista in medicina del sonno.

Nel complesso, uno stile di vita sano tende a promuovere la salute del cuore. Di conseguenza, una persona può sperimentare una ridotta incidenza di fibrillazione atriale o ridurre il rischio di peggioramento dei sintomi.

Alcool e caffè

Esempi di abitudini salutistiche da seguire includono:

  • mangiare una dieta sana piena di frutta, verdura e cereali integrali
  • esercitarsi regolarmente
  • gestire l’ipertensione attraverso entrambi i farmaci e trattamenti naturali, se lo si desidera
  • evitare l’assunzione eccessiva di alcol e caffeina
  • gestione di condizioni a lungo termine che potrebbero contribuire a peggiorare l’A-fib

Le condizioni a lungo termine che potrebbero contribuire alla fibrillazione atriale includono l’ipertensione, l’apnea notturna, le malattie della tiroide, il diabete e la malattia polmonare cronica.

Secondo l’American Heart Association, una persona con A-fib ha cinque volte più probabilità di avere un ictus rispetto a qualcuno che non ha una storia di malattie cardiache. Lavorando per prevenire complicazioni cardiache, una persona può vivere una vita più sana con A-fib.

Like this post? Please share to your friends: