Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Molti si cimentano con PTSD dopo una diagnosi di cancro

Molte persone diagnosticate con una forma di cancro sperimentano anche disturbi da stress post-traumatico, e per alcuni, questo persiste e talvolta peggiora con il tempo, anche dopo il successo del trattamento del cancro.

donna che guarda fuori dalla finestra

Il disturbo da stress post-traumatico (PTSD) è una condizione psicologica che si sviluppa all’indomani di un evento particolarmente doloroso. La condizione può essere debilitante per molti; può portare all’elusione di luoghi e contesti che ricordano il trauma e può comportare l’isolamento sociale e strategie di coping negative, come l’abuso di sostanze.

Potrebbe non sorprendere, quindi, che molte persone con diagnosi di cancro sviluppino anche PTSD. Questo non solo perché le notizie arrivano sempre come uno shock, ma anche perché l’aggressività del trattamento stesso è spesso traumatica, come hanno confermato gli studi.

Una nuova ricerca dell’Università Nazionale Malese di Bangi mostra ora che un gran numero di persone che hanno sperimentato il cancro sviluppano il DPTS e possono continuare a convivere con questa condizione anche dopo un trattamento oncologico di successo. Per alcuni, i sintomi del PTSD peggiorano ancora con il tempo, spiegano gli autori.

L’autore principale Caryn Mei Hsien Chan, Ph.D. e colleghi hanno pubblicato le loro scoperte in un articolo sul diario.

La diagnosi del cancro spesso seguita da PTSD

Chan e il team hanno lavorato con 469 adulti a cui erano stati diagnosticati diversi tipi di cancro. Questi sono stati tutti reclutati entro 1 mese dalla loro diagnosi, presso la stessa clinica di riferimento oncologica.

Sono stati valutati per i sintomi di PTSD prima dopo 6 mesi dalla diagnosi del cancro e poi nuovamente dopo 4 anni.

Il team ha scoperto che circa un quinto dei partecipanti allo studio era affetto da PTSD entro pochi mesi dalla diagnosi del cancro e molte di queste persone hanno continuato a presentare sintomi di PTSD dopo 4 anni.

Sei mesi dopo le diagnosi di cancro dei partecipanti, Chan e colleghi hanno rilevato un’incidenza del PTSD del 21,7%. L’incidenza è scesa al 6,1% al follow-up a 4 anni, ma circa un terzo delle persone precedentemente diagnosticate con PTSD ha manifestato sintomi persistenti o addirittura in peggioramento della condizione a questo punto.

Pertanto, i ricercatori suggeriscono che i professionisti del settore sanitario dovrebbero esaminare tempestivamente pazienti affetti da cancro per segni di PTSD e assicurarsi che ricevano il supporto e il trattamento di cui hanno bisogno.

“Molti malati di cancro credono di aver bisogno di adottare una” mentalità da guerriero “e rimangono positivi e ottimisti dalla diagnosi attraverso il trattamento per avere una migliore possibilità di sconfiggere il cancro.Per questi pazienti, cercare aiuto per i problemi emotivi che affrontano è simile ad ammettere debolezza.”

Caryn Mei Hsien Chan, Ph.D.

“Deve esserci una maggiore consapevolezza”, aggiunge, “che non c’è nulla di male nell’ottenere aiuto per gestire lo sconvolgimento emotivo – in particolare depressione, ansia e PTSD – post-cancro”.

Una delle ragioni per cui alcuni potrebbero continuare a convivere con il DPTS anche dopo il successo del trattamento del cancro è che potrebbero temere un ritorno della malattia, dice Chan.

Possono anche essere evitante le strutture ospedaliere in generale, e potrebbero non riuscire a cercare cure per malattie o condizioni non correlate perché ciò potrebbe innescare memorie traumatiche sul cancro e sulla terapia del cancro.

Hanno anche notato che le persone con diagnosi di cancro al seno, in particolare, erano più esposte al DPTS. Queste persone erano 3,7 volte meno probabilità di essere diagnosticata con questa condizione entro 6 mesi dalla ricezione della diagnosi del cancro. Tuttavia, questo non era il caso al follow-up di 4 anni.

Questo risultato può essere dovuto al fatto che tutti i partecipanti hanno frequentato lo stesso centro di riferimento oncologico, che offre un programma di sostegno rivolto a persone con diagnosi di tumore al seno.

I risultati complessivi dello studio, sottolineano i ricercatori, indicano la severa necessità di offrire supporto psicologico dalla diagnosi iniziale del cancro attraverso l’intero processo di trattamento del cancro.

“Abbiamo bisogno di una valutazione psicologica e di servizi di supporto per i pazienti con tumore in una fase iniziale e al follow-up continuo perché il benessere psicologico e la salute mentale – e per estensione, la qualità della vita – sono tanto importanti quanto la salute fisica”, esorta Chan .

Like this post? Please share to your friends: