Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Morti di malattie non trasmissibili in aumento a livello globale, in particolare nelle nazioni in via di sviluppo

Le malattie non trasmissibili, che possono seriamente compromettere lo sviluppo sociale ed economico di un paese, stanno progressivamente uccidendo più persone in tutto il mondo, secondo un nuovo rapporto pubblicato dall’Organizzazione mondiale della sanità. Esempi di malattie non trasmissibili includono il diabete, l’Alzheimer, il cancro, l’osteoporosi, la malattia polmonare cronica, l’ictus e le malattie cardiache. Quasi i quattro quinti di tutti i decessi causati da malattie non trasmissibili si verificano nei paesi in via di sviluppo.

Le malattie non trasmissibili, note anche come NCD, sono malattie o condizioni mediche non infettive. Di solito durano a lungo e progrediscono lentamente. Molte sono malattie croniche. Tuttavia, alcune malattie croniche non sono non trasmissibili perché sono infettive, come l’HIV / AIDS.

La direttrice generale dell’OMS, Dr Margaret Chan, ha dichiarato:

“L’aumento delle malattie croniche non trasmissibili rappresenta un’enorme sfida: per alcuni paesi non è esagerato descrivere la situazione come un disastro imminente, un disastro per la salute, per la società e soprattutto per le economie nazionali.

Le malattie croniche non trasmissibili danno un colpo di due colpi allo sviluppo. Provocano miliardi di dollari in perdite di reddito nazionale e spingono milioni di persone al di sotto della soglia di povertà, ogni anno. “
Le misure esistenti, se attuate con più forza, potrebbero prevenire milioni di morti ogni anno. Esempi includono controlli anti-tabacco più severi, promozione di abitudini alimentari più salutari, esercizio fisico, riduzione dell’uso dannoso dell’alcool, miglioramento dell’accesso alle cure mediche essenziali e promozione dell’azione delle autorità sanitarie contro le malattie non trasmissibili.

Il rapporto, intitolato Global Status Report on NCDs, include statistiche, fatti ed esperienze necessari per portare avanti una risposta più efficace alla crescente minaccia che le malattie croniche non trasmissibili pongono, a livello nazionale, regionale e globale. Gli autori spiegano che si tratta di una base da cui possono essere tracciate le future statistiche sulle NCD e le risposte dei paesi. Include raccomandazioni per ogni nazione e si concentra in particolare sui paesi a basso e medio reddito, dove l’impatto delle NCD è enorme.

Le morti annuali non trasmissibili per malattia sono stimate in totale:

  • 17 milioni di malattie cardiovascolari
  • 7 milioni di cancro
  • 4,2 milioni di malattie respiratorie
  • 1,3 milioni dal diabete
  • I quattro precedenti costituiscono l’80% di tutti i decessi causati da malattie non trasmissibili. Sono tutti legati all’abuso di alcool, al fumo, alla mancanza di esercizio fisico e alle abitudini alimentari non salutari.

Il problema non è limitato ai paesi ricchi

Il dott. Ala Alwan, direttore generale dell’OMS per le malattie non trasmissibili e la salute mentale, ha dichiarato:

“Circa il 30% delle persone che muoiono di NCD nei paesi a basso e medio reddito hanno un’età inferiore a 60 anni e sono nel loro periodo di vita più produttivo.Tali morti premature sono tanto più tragiche perché sono in gran parte prevenibili. perdita, non solo a livello individuale, ma anche profondamente influenzare la famiglia e la forza lavoro di un paese.

Per i milioni che lottano contro la povertà, ne consegue un circolo vizioso. La povertà contribuisce alle malattie non trasmissibili e alle malattie non trasmissibili contribuisce alla povertà. A meno che l’epidemia di malattie non trasmissibili sia affrontata in modo aggressivo, l’obiettivo globale di ridurre la povertà sarà difficile da raggiungere “.
In un comunicato, l’OMS ha scritto che:

“NCD hanno ucciso il 63% delle persone che sono morte in tutto il mondo nel 2008. Questo equivale a 36 milioni e quasi l’80% di queste morti NCD – equivalenti a 29 milioni di persone – si è verificato nei paesi a basso e medio reddito, dissipando il mito che tali condizioni sono principalmente un problema di società benestanti: senza l’azione, l’epidemia di NCD è progettata per uccidere 52 milioni di persone ogni anno entro il 2030. “
Il rapporto include stime dell’epidemia di NCD e dei loro fattori di rischio in ogni paese, dettagli su ciò che impedisce a diversi paesi di reagire in modo efficace, come controllare i costi di assistenza sanitaria in fuga e strategie che potrebbero ridurre significativamente il numero di morti.

Le misure per ridurre il numero di morti includono:

  • Aumentare la tassa sul tabacco
  • Bandire la pubblicità dei prodotti del tabacco
  • Introduzione alla legislazione per vietare il fumo nei luoghi pubblici
  • Abbassare i livelli di sale negli alimenti
  • Curbing marketing inappropriato di cibi che fanno male per te
  • Vietare la pubblicità di alcol rivolta ai bambini
  • Controlli sull’uso dannoso dell’alcol

L’OMS spiega che questa relazione fa parte del piano d’azione 2008-2013, “per l’attuazione della strategia globale dell’OMS sulla prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili”, che è stata approvata dall’Assemblea mondiale della sanità 2008. Spiega come i paesi possono migliorare la sorveglianza delle malattie, ottenere che le loro autorità sanitarie intraprendano azioni efficaci contro le malattie non trasmissibili e come proteggere le nazioni in via di sviluppo dall’enorme numero di queste epidemie di NCD.

I fattori di rischio che aumentano la probabilità di molte malattie non trasmissibili includono:

  • Lo sfondo dell’individuo – le sue posizioni sociali ed economiche, note come determinanti sociali della salute
  • L’ambiente della persona, come l’esposizione all’inquinamento atmosferico
  • Età – La metà di tutte le morti NCD si verifica tra le persone di almeno 70 anni
  • Genetica
  • Inattività fisica
  • Sesso
  • fumo
  • Dieta malsana

“Rapporto sullo stato globale delle NCD”
Redattori: Organizzazione mondiale della sanità, Pagine: 176, Data di pubblicazione: aprile 2011 Lingue: inglese, ISBN: 978 92 4 156422 9

Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: