Neurosi e nevroticismo: qual è la differenza?

La parola nevrosi fu originariamente coniata nel XVIII secolo per etichettare una serie di disturbi psicologici che di solito non potevano essere collegati a una causa fisica. È spesso confuso per il nevroticismo, un tratto della personalità.

Non esiste un’unica definizione di nevrosi. La nevrosi era, fino a poco tempo fa, un disturbo psicologico diagnosticabile che interferisce con la qualità della vita senza disturbare la percezione della realtà da parte dell’individuo.

Alcuni psicologi e psichiatri usano il termine nevrosi per riferirsi a sintomi e comportamenti ansiosi. Altri medici usano il termine per descrivere uno spettro di malattie mentali al di fuori dei disturbi psicotici. Gli psicoanalisti, come Sigmund Freud e Carl Jung, descrivono il processo del pensiero stesso usando il termine nevrosi.

Nel 1980, la terza pubblicazione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali della American Psychiatric Association (DSM-III) rimosse il termine nevrosi.

Questo articolo discuterà di come il nevroticismo differisca dalle nevrosi e dai disturbi della personalità, così come come riconoscere i segni di un disturbo d’ansia simile alle nevrosi. Fornirà anche alcuni suggerimenti su come gestire alcuni degli effetti psicologici del nevroticismo.

Fatti veloci su nevrosi e nevroticismo

  • “Neurosi” è un termine usato in molti modi diversi relativi a processi psicologici anormali.
  • Il nevroticismo è stato usato per descrivere un tratto della personalità che non pregiudica la funzione quotidiana.
  • Il nevroticismo è uno dei tratti della personalità di Big Five trovati nei test della personalità in una vasta gamma di culture.
  • La nevrosi non viene più utilizzata come diagnosi e le nevrosi vengono ora diagnosticate come disturbi depressivi o ansiosi.
  • Anche se in disuso, la diagnosi di nevrosi è importante per capire come vengono trattati i disturbi psicologici oggi.

Cos’è il nevroticismo?

Signora ansiosa confortata da un amico

Il nevroticismo è una tendenza a lungo termine di essere in uno stato emotivo negativo o ansioso. Non è una condizione medica ma un tratto di personalità. Le persone spesso confondono questo con la nevrosi.

Il nevroticismo è uno dei tratti che compongono il modello di personalità a cinque fattori accanto alla stravolgimento, alla piacevolezza, alla coscienziosità e all’apertura. Questo modello viene utilizzato nelle valutazioni e nei test della personalità in una vasta gamma di culture.

Le persone con nevroticismo tendono ad avere stati d’animo più depressi e soffrono di sensi di colpa, invidia, rabbia e ansia più frequentemente e più severamente di altri individui.

Possono essere particolarmente sensibili allo stress ambientale. Le persone con nevrosi possono vedere le situazioni quotidiane come minacciose e importanti. Le frustrazioni che possono essere sperimentate da altri come banali possono diventare problematiche e portare alla disperazione.

Un individuo con nevroticismo può essere impacciato e timido. Possono tendere ad interiorizzare fobie e altri tratti nevrotici, come ansia, panico, aggressività, negatività e depressione. Il nevroticismo è uno stato emotivo continuo definito da queste reazioni e sentimenti negativi.

Malgrado non siano qualificate come diagnosi, gli psicologi e gli psichiatri non liquidano una personalità che mostra una pesante inclinazione verso il nevroticismo come non importante per il benessere mentale. Il dott. Benjamin B. Lahey, del dipartimento di studi sulla salute dell’Università di Chicago e di psichiatria e neuroscienze comportamentali, ha dichiarato in un manoscritto del 2009:

“Sebbene non sia molto apprezzato, vi sono prove crescenti del fatto che il nevroticismo è un tratto psicologico di profondo significato per la salute pubblica.Il nevroticismo è un correlato solido e un predittore di molti disturbi mentali e fisici, tra cui la comorbilità e la frequenza del servizio di salute mentale e generale uso.”

Mentre il nevroticismo non è una diagnosi, o anche una preoccupazione in una personalità altrimenti ben bilanciata, l’averla può alimentarsi in diversi problemi di salute mentale e fisica.

Neuroticismo o nevrosi?

La nevrosi è complessa e la ricerca offre più di una spiegazione. Tuttavia, è diverso dal nevroticismo.

In termini di base, la nevrosi è un disturbo che coinvolge pensieri o ansia ossessivi, mentre il nevroticismo è un tratto della personalità che non ha lo stesso impatto negativo sulla vita di ogni giorno come una condizione ansiosa. Nei moderni testi non medici, i due sono spesso usati con lo stesso significato, ma questo è inaccurato.

Il termine “nevrosi” è usato raramente dagli psicologi moderni, poiché lo considerano obsoleto e vago.

Caratteristiche della nevrosi

Gli scienziati non sono d’accordo su ciò che costituisce la nevrosi, anche se ci sono tratti comuni che sono stati esplorati nel corso dei secoli.

Instabilità emotiva: secondo Hans Jürgen Eysenck (1916-1997), uno psicologo tedesco-britannico, la nevrosi è definita dall’instabilità emotiva.

Un affetto generale del sistema nervoso: la neurosi fu usata per la prima volta dal dott. William Kullen, scozzese, nel 1769. Sostenne che il termine si riferiva a “disturbi del senso e del movimento” causati da “un affetto generale del sistema nervoso”. Per il Dr. Kullen, questo include il coma e l’epilessia.

Nessuna interferenza con il pensiero razionale o la capacità di funzionare: più recentemente, la nevrosi si riferisce a disturbi mentali che non interferiscono con il pensiero razionale o la capacità di funzionamento dell’individuo, anche se possono causare angoscia.

Causato da un’esperienza spiacevole: secondo Sigmund Freud (1856-1939), un famoso neurologo austriaco che ha fondato la disciplina della psicoanalisi, la nevrosi è una strategia di coping causata da emozioni rimosse senza successo da esperienze passate.

Queste emozioni travolgono o interferiscono con l’esperienza attuale. Ha dato l’esempio di una paura travolgente di cani che potrebbe essere il risultato di un attacco di cane in precedenza nella vita.

Un conflitto tra due eventi psichici: Carl Gustav Jung (1875-1961) fu uno psichiatra svizzero che fondò la psicologia analitica.Credeva che una nevrosi fosse uno scontro di eventi consci e inconsci nella mente.

Queste posizioni sulla nevrosi confermano che è vista come un disturbo, ed è normalmente discussa con lo scopo di trovare la causa e il trattamento della condizione. Mentre un test della personalità può confermare che una persona ha nevroticismo, non è una malattia o condizione e non può essere “trattata”.

Neuroticismo o psicosi?

Anche la psicosi è diversa dal nevroticismo, anche se alcuni hanno suggerito che potrebbe diventare una caratteristica del nevroticismo.

La psicosi induce una persona a percepire o interpretare ciò che vede e sperimenta in un modo diverso rispetto a quelli che li circondano. Interferisce con la loro capacità di funzionare in un contesto sociale.

I sintomi della psicosi includono allucinazioni e delusioni.

La psicosi può essere un sintomo di schizofrenia, disturbo bipolare, grave depressione o un tumore al cervello.

Può anche essere attivato dall’abuso di alcune sostanze, come alcol e droghe, illegali o prescritte.

Negli ultimi anni, gli scienziati hanno messo in dubbio la distinzione tra nevrosi e psicosi, poiché la psicosi può svilupparsi dalla nevrosi.

Nel 2002, i ricercatori hanno esaminato i dati per circa 4.000 persone e hanno concluso che “il nevroticismo aumenta il rischio di sviluppo di sintomi psicotici”.

tipi

spazi aperti di agorafobia

Esistono diversi tipi di nevrosi. Ecco alcuni esempi.

  • Nevrosi ansiosa: ansia e preoccupazione estreme caratterizzano questo tipo di nevrosi, così come attacchi di panico e sintomi fisici come tremori e sudorazione.
  • Neurosi depressiva: consiste in una profonda e continua tristezza, spesso associata a un interesse perdente in attività che un tempo davano piacere.
  • Neurosi ossessivo-compulsiva: questa condizione comporta la ripetizione di pensieri, comportamenti o atti mentali intrusivi. Sia la ripetizione che la privazione di questi segnali possono causare angoscia.
  • Neurosi da guerra o da combattimento: ora noto come disturbo da stress post-traumatico (PTSD), questo comporta uno stress eccessivo e l’incapacità di funzionare nella vita di tutti i giorni dopo aver vissuto eventi profondamente traumatici.

La nevrosi è stata spesso utilizzata per descrivere malattie in cui il sistema nervoso non funziona correttamente e nessuna lesione mostra di spiegare la disfunzione.

Diagnosi

La nevrosi non è attualmente diagnosticata dagli operatori sanitari.

Gli psicologi e gli psichiatri ora pongono sintomi che assomigliano a quelli della nevrosi nella categoria dei disturbi depressivi o dell’ansia. Tuttavia, alcuni psicoanalisti usano ancora il termine.

Il nevroticismo, d’altra parte, può essere identificato e valutato dai test di personalità.

Quando si esegue un test della personalità, un individuo può ottenere punteggi bassi, medi o alti per il nevroticismo. Le persone con punteggi bassi sono più stabili dal punto di vista emotivo e riescono a gestire lo stress con maggiore successo rispetto a quelli con punteggi più alti.

Trattamento

psicologo che parla al paziente

La nevrosi verrebbe trattata con cure psicologiche standard. Le condizioni che ora vengono diagnosticate in modo diverso, come il disturbo depressivo, sarebbero state trattate con gli stessi metodi usati oggi quando la nevrosi veniva utilizzata come diagnosi attiva

Il trattamento può includere la psicoterapia, i farmaci psicoattivi e gli esercizi di rilassamento, come la respirazione profonda.

Altri metodi includono la terapia cognitivo comportamentale, che regola i meccanismi psicologici difettosi che rispondono all’ambiente per reagire come dovrebbero. Terapie creative, come l’arteterapia o la musicoterapia, sono state usate anche per affrontare disturbi mentali simili alle nevrosi.

Porta via

Psicologi e psichiatri hanno cercato di etichettare le nevrosi per secoli senza concordare una definizione.

Sebbene non sia più utilizzato, la diagnosi delle nevrosi è stato un primo passo importante per comprendere e trattare i disturbi psicologici di oggi.

Il nevroticismo non è un problema medico e le sue associazioni negative sono fuorvianti. È un tratto di personalità universale ed è sano come parte di un profilo di personalità equilibrato.

Like this post? Please share to your friends: