Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Nonostante le preoccupazioni, la vasectomia e il cancro alla prostata non sono collegati

Il dibattito durato tre decenni sul legame tra vasectomia e cancro potrebbe finalmente terminare: una meta-analisi che ha esaminato più di 3 milioni di partecipanti non trova alcuna relazione.

Infermiera che tiene il modello della prostata

Avere una vasectomia è un metodo contraccettivo efficace a lungo termine. È relativamente più sicuro, più veloce e più economico dell’equivalente femminile: legatura delle tube.

Globalmente, si stima che 33 milioni di donne sposate tra i 15 ei 49 anni contano sulla vasectomia del marito per contraccezione.

Questa cifra rappresenta solo il 3% della popolazione sposata. Nonostante l’efficacia e la sicurezza della procedura, molte coppie non optano per una vasectomia.

Parte del motivo potrebbe essere un dibattito di 30 anni che circonda il suo potenziale legame con il cancro alla prostata.

I timori per vasectomia sono oggetto di accesi dibattiti

Alla fine degli anni ’80 cominciarono a emergere resoconti di una relazione tra questa semplice procedura e un aumentato rischio di cancro alla prostata. Un certo numero di gruppi di ricerca ha studiato e molti studi sono stati pubblicati su entrambi i lati dell’argomento.

Quindi, nel tentativo di dare un senso ai dati che stanno dietro alla discussione, sono state eseguite e rilasciate meta-analisi, ma anche queste non sono riuscite a porre il dibattito a riposo, e la giuria è rimasta bene e veramente fuori.

Nonostante non ci sia alcuna spiegazione medica plausibile su come queste due cose possano essere correlate, l’argomento continua.

Nell’ultimo tentativo di porre fine a questa discussione una volta per tutte, diversi ricercatori hanno effettuato la più ampia revisione sistematica della letteratura e la meta-analisi fino ad oggi.

Il documento, pubblicato di recente, conteneva i dati di 3 milioni di pazienti in 53 studi.

Secondo gli autori, hanno prestato “particolare attenzione allo studio della qualità” e hanno stabilito “di stabilire se esiste un’associazione tra vasectomia e cancro alla prostata, cancro alla prostata ad alto rischio, cancro alla prostata avanzato e cancro alla prostata letale”.

Preoccupazioni per il riposo?

Una volta completata l’analisi, le conclusioni dei ricercatori sono state chiare. Dicono che la “revisione non ha trovato alcuna associazione tra vasectomia e cancro alla prostata di stadio avanzato, avanzato o fatale”.

Aggiungono: “C’era un’associazione debole tra la vasectomia e qualsiasi tumore alla prostata che era più vicino al nulla con un design di studio sempre più robusto”.

“Questa associazione è improbabile che sia causale e non dovrebbe precludere l’uso della vasectomia come opzione contraccettiva a lungo termine”.

Si ritiene che la “associazione debole” sopra menzionata sia dovuta, almeno in parte, al cosiddetto effetto a cascata.

In altre parole, poiché un uomo con una vasectomia ha già visto un urologo, è più probabile che ritorni in un secondo momento per il test dell’antigene prostatico specifico. E poiché viene sottoposto a test, una diagnosi di cancro alla prostata diventa più probabile.

Quando si parla di piccolo aumento del rischio che hanno misurato, coautore dello studio Dr. Bimal Bhindi – della Mayo Clinic di Rochester, MN – dice: “Non si dovrebbe smettere di guadagnare qualcosa che è altrimenti molto efficace per la pianificazione familiare scopi “.

Inoltre, il dottor Eric A. Klein – presidente del Cleveland Clinic Glickman Urologica & Kidney Istituto in Ohio – dice: “Questo studio, che coinvolge 3 milioni di pazienti, è il più grande mai condotto Si è riscontrato alcun aumento del rischio significativo di cancro alla prostata per gli uomini. chi ha avuto una vasectomia “.

“Il fatto che questo studio non abbia rilevato un aumento del rischio di cancro alla prostata da vasectomia precedente dovrebbe mettere tutti a proprio agio la mente”, aggiunge.

Questi risultati sono importanti. Tra il 2006 e il 2008, circa 10,3 milioni di donne negli Stati Uniti hanno utilizzato la sterilizzazione femminile, mentre solo 3,7 milioni di uomini hanno usato la sterilizzazione maschile come forma di contraccezione.

Poiché la vasectomia è molto più sicura, dovrebbe essere raccomandata alle coppie in cerca di contraccezione a lungo termine. Forse queste scoperte aiuteranno a mettere le menti maschili a proprio agio e incoraggeranno i medici ad offrirlo come una soluzione più semplice alla contraccezione a lungo termine rispetto alla sterilizzazione femminile.

Anche se questa ricerca è ampia e dettagliata – e le conclusioni sono solide – solo il tempo ci dirà se è rifiutato di nuovo.

Like this post? Please share to your friends: