Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Notizie mediche oggi: anno GP 2016 in rassegna

Con oltre il 50% delle visite mediche negli Stati Uniti che coinvolgono medici di base, nessun anno è mai tranquillo nella vita di un medico generico e il 2016 non fa eccezione. Negli ultimi 12 mesi sono state apportate numerose modifiche alle linee guida mediche e la ricerca scientifica ha sollevato dubbi su alcune pratiche nel settore sanitario.

[Un dottore tocca un tablet che mostra il 2016]

In genere, i nuovi sviluppi nell’assistenza primaria hanno maggiori probabilità di tradursi in un lavoro extra per gli uffici dei medici. Tuttavia, il 2016 ha visto alcune eccezioni.

A maggio è arrivata la notizia che non è più necessario chiedere ai pazienti di digiunare in preparazione dei controlli per il colesterolo, mentre altre storie hanno rivelato alcune tecniche che potrebbero rendere il lavoro di un dottore molto più facile quando si tratta di diagnosi dei pazienti.

Tuttavia, l’anno scorso in cure primarie non è stato senza difetti. Secondo uno studio, il peso dell’errore medico dovrebbe essere misurato come se fosse una malattia.

In questo articolo, diamo uno sguardo alle notizie più importanti che hanno avuto il maggiore impatto sui medici generici (GP) nel 2016.

Nuove linee guida e raccomandazioni

Prevenzione dell’influenza nei bambini

L’American Academy of Pediatrics ha utilizzato la pubblicazione di settembre per formulare le sue raccomandazioni sulla prevenzione dell’influenza nei bambini.

Ricerche recenti hanno dimostrato che il vaccino antinfluenzale fornisce una “protezione significativamente migliore” rispetto al vaccino spray nasale.

L’organizzazione ha anche sostenuto l’inoculazione degli operatori sanitari stessi, aggiungendo che dovrebbero vantarsi dei meriti di protezione nell’agire come guardiani del vaccino:

“Gli operatori sanitari [fornitori di servizi sanitari] dovrebbero fungere da modelli per entrambi i loro pazienti e colleghi ricevendo ogni anno vaccinazioni contro l’influenza e facendo sapere agli altri che hanno ricevuto il vaccino, mettendo in evidenza la sicurezza e l’efficacia della vaccinazione antinfluenzale annuale”.

Affrontare la resistenza antimicrobica

Nel frattempo, la prescrizione antimicrobica inappropriata è persistita, portando l’American College of Physicians (ACP) ei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) a emettere un parere in gennaio.

[Antibiotici]

I raffreddori comuni, la bronchite non complicata, il mal di gola e le infezioni del seno possono creare molta richiesta nell’assistenza primaria, ma le organizzazioni offrono alcuni consigli nel tentativo di combattere la resistenza agli antibiotici e la spesa per i farmaci.

Per aiutare con le informazioni sui pazienti, il documento suggerisce l’uso del “pad di prescrizione sintomatica”. I CDC hanno esempi pronti per la stampa sul loro sito web.

Un altro strumento che potrebbe migliorare la prescrizione di antibiotici è un test in ufficio che distingue le infezioni virali da quelle batteriche – ma quanto sarebbe pratico ed economico?

I ricercatori della Duke Medicine di Durham, NC, hanno pubblicato i risultati di tale test a gennaio.

Stanno lavorando alle priorità stabilite dal presidente Barack Obama nel 2014 per migliorare la diagnostica, e dicono che il loro test del sangue di espressione genica è un passo verso questo obiettivo. Però:

“L’ostacolo tecnico a trasferire questi obiettivi su una piattaforma affidabile, tempestiva, accessibile e accessibile rimane.”

Linee guida sull’aggiornamento ISDA per la diagnosi, la gestione dell’aspergillosi

A luglio, la Infectious Diseases Society of America (IDSA) ha aggiornato le linee guida per la diagnosi e il trattamento dell’aspergillosi – un termine generico per una varietà di malattie causate dal fungo.

Le nuove linee guida si sono concentrate su tre tipi di aspergillosi: allergica, polmonare cronica e invasiva. Ad ogni raccomandazione è stata data una classificazione di “debole” o “forte” in base alla qualità delle prove.

Ad esempio, le linee guida suggeriscono fortemente che l’aspergillosi invasiva deve essere trattata con voriconazolo, sulla base di prove di alta qualità che questo farmaco è efficace.

Tuttavia, l’IDSA afferma che ritengono che l’adesione alle linee guida sia volontaria, “con la determinazione finale riguardo alla loro applicazione che deve essere fatta dal medico alla luce delle circostanze individuali di ciascun paziente”.

Semplificare le diagnosi

Aggiornamento della borsa del medico

Se ne hai abbastanza di sentirmi dire come gestire presentazioni comuni da persone che non hanno mai assistito a un blocco di appuntamenti invernali, forse una sorpresa digitale per lo stetoscopio e altri dispositivi potrebbe essere una piacevole distrazione.

Secondo l’editore, la borsa del dottore sta subendo una trasformazione digitale.

Che ne dici di un attacco di stetoscopio in grado di trascrivere i suoni del cuore nella cartella clinica? Oppure la tecnologia smartphone che può creare immagini dall’otoscopio?

Nuova app per rilevare il cancro della pelle in fase iniziale

Il cancro della pelle è il tumore più comune negli uomini e nelle donne negli Stati Uniti, con circa 5,4 milioni di tumori cutanei a cellule basali e squamose diagnosticati ogni anno, oltre a più di 76.000 melanomi.

A luglio è arrivata la notizia di una nuova app, denominata Dermofit, che promette di aiutare i medici a individuare meglio il cancro della pelle nelle sue fasi iniziali.

“Il 30% dei medici invierà automaticamente un paziente all’ospedale se ha segni di una crescita della pelle”, osserva il Prof. Jonathan Rees, sviluppatore di Dermofit, dell’Università di Edimburgo, nel Regno Unito. “Ma l’evidenza è che la stragrande maggioranza delle persone che vengono viste e indirizzate non hanno affatto il cancro della pelle o niente di serio.”

La nuova app consiste in una libreria di oltre 1.300 foto di lesioni cutanee raggruppate in base al colore e alla struttura.

“I praticanti possono cliccare sull’immagine di una lesione di interesse che poi porta a ulteriori lesioni simili: quando vengono selezionate le lesioni, vengono visualizzati ulteriori gruppi di lesioni simili”, spiega il prof. Rees.”Questo dà familiarità con i diversi tipi di lesioni della pelle e consente agli utenti di distinguere tra lesioni che sembrano simili, ma che provengono da diverse classi di lesioni cutanee”.

Pratiche attuali stimolanti

Il digiuno per il test del colesterolo “ridondante”

A maggio è arrivato uno studio che ha affermato che il requisito di digiuno per il test del colesterolo è ridondante.

Utilizzando un articolo nel mese di aprile, la European Atherosclerosis Society e la European Federation of Clinical Chemistry and Laboratory Medicine hanno rilasciato una dichiarazione di consenso congiunta.

“Dal 2009, il test lipidico non a digiuno è diventato lo standard clinico in Danimarca” ed è appropriato più ampiamente, affermano gli autori, offrendo la possibilità di semplificare i test per pazienti e medici di base.

Il consenso, tuttavia, include la raccomandazione che le concentrazioni plasmatiche di trigliceridi non a digiuno superiori a 5 millimoli per litro (440 milligrammi per decilitro) possano essere ripetute dopo il digiuno.

I farmaci per la pressione sanguigna possono causare più danni che benefici

“La relazione lineare tra pressione arteriosa e patologia cardiovascolare osservata in alcuni studi osservazionali non può essere estrapolata al presunto beneficio del trattamento”, concludono gli autori di un articolo pubblicato a febbraio.

Gli autori suggeriscono che i farmaci per la pressione sanguigna prescritti al di sotto di una certa soglia non solo manchino di benefici in questo modo, ma possono anche essere dannosi.

Raccomandano che i farmaci per la pressione arteriosa vengano usati nelle persone con diabete se la pressione arteriosa sistolica supera i 140 milligrammi di soglia di mercurio. Trattare per le letture al di sotto di questo può essere dannoso, concludono.

Essi confermano che gli antiipertensivi utilizzati al di sopra di questa soglia sono importanti per ridurre la mortalità e le malattie cardiovascolari nei pazienti diabetici.

Errori e diagnosi errate

Errore medico terza causa principale di morte negli Stati Uniti

In un altro articolo pubblicato a maggio, i ricercatori hanno scoperto che la terza causa di morte negli Stati Uniti è un errore medico.

Uno degli autori discute il problema in un’intervista audio, dicendo che il problema è stato “ampiamente sottovalutato”. Il documento aggiunge inoltre: “I certificati di morte negli Stati Uniti, usati per compilare statistiche nazionali, non hanno alcuna possibilità di riconoscere errori medici”.

La stima di 250.000 decessi è “molto conservativa”, afferma il Prof. Martin Makary, del Dipartimento di Chirurgia presso la Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora, MD.

La soluzione, secondo il giornale, è quella di condividere i dati sugli errori medici allo stesso modo in cui i dati sono condivisi sulla malattia – l’errore medico “non dovrebbe essere esente” dall’approccio dell’indagine scientifica.

I pericoli della demenza non diagnosticata

Potrebbe sembrare ovvio che la demenza non diagnosticata rappresenti un pericolo, ma esistono prove relative a questi rischi?

Alcuni numeri sono comparsi in uno studio pubblicato nel mese di giugno.

Le persone che avevano una probabile demenza ma nessuna diagnosi avevano maggiori probabilità di guidare, preparare pasti caldi, gestire finanze e farmaci e frequentare solo visite mediche, rispetto agli anziani che erano stati diagnosticati.

Gli autori concludono: “Comprendere la prevalenza di attività potenzialmente non sicure e condizioni di vita può aiutare i medici a focalizzare lo screening sulla sicurezza e la consulenza negli anziani con demenza diagnosticata o sospetta”.

Ovviamente, il problema della demenza è uno dei maggiori e in crescita nella società, e gli autori confermano che oltre la metà degli anziani che vivono nella comunità e che sono sospettati di avere la demenza non hanno una diagnosi da parte del medico.

Le misure contro il problema, affermano gli autori, includono l’assistenza ai pazienti e alle loro famiglie per “accettare, comprendere e adattarsi a una diagnosi di demenza”.

Migliorare la cura del paziente

Lo studio suggerisce che i medici ignorano la salute del cuore delle donne

Come medico, vuoi sempre fare il meglio per ogni paziente. Pertanto, uno studio pubblicato a marzo è probabile che sia arrivato come un duro colpo per molti medici di base, dopo aver scoperto che molte donne sentono che i medici ignorano la loro salute del cuore.

[Un dottore che tiene un cuore]

Presentato alla 65a sessione scientifica annuale dell’American College of Cardiology, lo studio ha intervistato più di 1.000 donne, chiedendo loro quali consigli di salute hanno ricevuto dai loro medici.

Circa il 34% delle donne era stato detto dal proprio medico di perdere peso, mentre solo il 16% era a conoscenza del rischio di malattie cardiache – nonostante il 74% di loro avesse almeno un fattore di rischio per la condizione.

Il coautore dello studio, il dott. C. Noel Bairey Merz, del Barbra Streisand Women’s Heart Center del Cedars-Sinai Heart Institute in California, afferma che i risultati sono preoccupanti.

“Le donne si sentono stigmatizzate, a cui viene spesso detto di perdere peso piuttosto che controllare la pressione sanguigna e il colesterolo nel sangue”, osserva.

“Se le donne non pensano di avere malattie cardiache e la società ei loro dottori dicono che tutto andrà bene se hanno appena perso peso, questo spiega il paradosso del perché le donne non entrano per i cardiochirmi raccomandati Chi vuole sentirsi dire per dimagrire? “

Aiutare i pazienti a gestire i loro farmaci

A proposito di adulti più anziani, uno studio ha caratterizzato molti pazienti anziani che potrebbero aver bisogno di aiuto nella gestione dei farmaci.

Una breve scala può aiutare a identificare coloro che potrebbero aver bisogno di aiuto con i farmaci, ha trovato ricercatori che stavano pubblicando nel mese di giugno.

I fattori che si sono dimostrati predittivi erano un’età di 75 anni o più, sesso maschile, problemi di memoria e problemi con le attività di vita quotidiana.

I fattori si basano sulla constatazione che le persone di età pari o superiore a 80 anni avevano fino a tre volte più probabilità di aver bisogno di aiuto con i farmaci rispetto ai 65-69 anni. Gli uomini avevano il doppio delle probabilità di aver bisogno di aiuto come donne, mentre i problemi di memoria aumentavano la probabilità fino a cinque volte.

[Una donna anziana che organizza le sue medicine]

Tra le domande di ricerca poste su 4.106 residenti più anziani di cinque contee della Carolina del Nord è stato incluso semplicemente: “Sei in grado di prendere la medicina senza aiuto (nelle giuste dosi al momento giusto)?”

Tra i fattori associati a una ridotta necessità di aiuto c’erano i pazienti che riportavano quattro o più patologie croniche.

Per identificare la necessità di un aiuto farmacologico, gli autori suggeriscono una scala di cinque elementi:

  • Almeno 75 anni
  • Maschio
  • Quattro o più errori nel breve questionario sullo stato mentale portatile
  • Uno o più problemi con le attività auto-segnalate della vita quotidiana
  • Uno o più problemi con le attività strumentali della vita quotidiana

Un test del genere identifica la necessità di aiuto con una sensibilità del 77,1% e una specificità dell’87,9%, concludono.

Dato quello che il 2016 ha portato alle cure primarie, sarà certamente interessante vedere cosa ci aspetta per il 2017.

Like this post? Please share to your friends: