Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Nove suggerimenti per lo svezzamento di un neonato sui solidi

Le madri che sono pronte a svezzare i loro bambini oa ridurre la frequenza dell’allattamento al seno potrebbero chiedersi come rendere il processo più facile.

Lo svezzamento richiede tempo, in particolare quando un bambino viene allattato per un lungo periodo.

Le seguenti strategie possono aiutare sia una madre che il suo bambino ad adattarsi a una nuova routine di alimentazione e a gestire qualsiasi stress o disagio che questa transizione potrebbe causare.

1. Sapere quando fermarsi

Svezzamento del bambino.

Le donne non hanno bisogno di interrompere l’allattamento se non sono pronte e non hanno bisogno di continuare l’allattamento se ne hanno avuto abbastanza.

Tuttavia, alcune semplici linee guida possono aiutare le madri a determinare se vogliono continuare ad allattare il loro bambino.

L’American Academy of Pediatrics raccomanda che i bambini vengano allattati esclusivamente per i primi 6 mesi di vita. Gli alimenti solidi possono essere introdotti circa 6 mesi. Dopo di ciò, l’allattamento al seno può continuare per 1 anno o fino a quando la madre e il bambino desiderano continuare.

I bambini di età superiore a un anno usano principalmente il latte materno come alimento supplementare, fonte di conforto e per sostenere il sistema immunitario.

Le donne a volte considerano l’interruzione dell’allattamento al seno a causa di dolori, ingorgo mammario, pressione sociale o temono che il bambino non abbia abbastanza latte. Le donne che vogliono continuare l’allattamento al seno, ma che sono preoccupate per questi problemi, dovrebbero parlare con il loro medico o uno specialista dell’allattamento al seno.

2. Assicurare un’alimentazione adeguata

Le donne che svezzano i bambini di età inferiore a 1 anno devono sostituire il latte materno con latte artificiale o latte materno donatore.

I bambini di età superiore a 6 mesi hanno ancora bisogno di latte materno o di donatore, ma possono anche passare a cibi solidi adatti all’età. I bambini di età inferiore a 1 anno non dovrebbero mai ricevere latte vaccino, latte di soia o altri prodotti simili.

I neonati che mangiano cibi solidi hanno bisogno di proteine, ferro e altri nutrienti adeguati. Se preoccupati, i genitori possono consultare un pediatra sul giusto equilibrio di nutrienti e l’apporto calorico giornaliero ideale.

Alcuni bambini possono aver bisogno di un multivitaminico o di un altro integratore, in particolare se non ricevono abbastanza ferro o vitamina D.

3. Elimina i fattori di stress

Bambino allattato al seno.

Alcuni bambini svezzano facilmente, mentre altri protestano. Pianificare una transizione difficile può aiutare a rendere più facile il processo di svezzamento. Andare piano può anche aiutare a prevenire lo stress per la madre e il bambino.

Una donna può provare a scegliere un momento in cui non ci sono altri fattori di stress significativi, come una scadenza al lavoro o una vacanza in sospeso.

Se possibile, è utile passare più tempo con il bambino, poiché a volte sono ansiosi o appiccicosi durante lo svezzamento.

I genitori dovrebbero pianificare il processo di svezzamento impiegando alcune settimane. Se il bambino ha bisogno di essere svezzato da una data particolare, è una buona idea iniziare il processo in anticipo.

4. Svezzare di notte

Quando hanno tra 6 mesi e 1 anno, la maggior parte dei bambini si nutre meno spesso durante la notte. Questo processo, noto come svezzamento notturno, può aiutare le madri a riposarsi.

Può anche significare che le donne possono sostenere l’allattamento al seno più a lungo, poiché un minor numero di poppate notturne può aiutare le madri a nutrirsi confortevolmente durante il giorno.

5. Ridurre lentamente le sessioni di allattamento

Può essere allettante smettere di allattare al seno in una volta sola, ma farlo può causare ingorgo, dolore ai capezzoli e disagio psicologico sia alla madre che al bambino.

Una strategia più semplice consiste nel ridurre lentamente le sessioni di allattamento al seno per diverse settimane.

Inizia con la sessione che sembra meno importante per il bambino o quella in cui il bambino mangia meno. Dare al bambino alcuni giorni per adattarsi prima di interrompere la successiva sessione di alimentazione. Ripeti il ​​processo per eliminare ogni sessione di alimentazione, fino all’ultimo.

L’ultima sessione di alimentazione rimanente, di solito un pasto mattutino o serale, è spesso la più difficile da mollare. Le donne dovrebbero concedere tempo al bambino e a se stessi di adattarsi. Alcune donne scelgono di mantenere questa sessione di alimentazione finale per diversi mesi aggiuntivi.

6. Utilizzare una pompa

Donna e bambino con tiralatte.

L’allattamento al seno funziona in base alla domanda e all’offerta. Quando un bambino beve più latte o una donna pompa regolarmente, il suo corpo continuerà a produrre latte.

La fornitura di latte materno da parte delle donne tende a ridursi man mano che il bambino mangia meno. Tuttavia, molte donne sperimentano ingorgo e disagio generalizzato durante questo periodo.

Un modo per alleviare il disagio è pompando una piccola quantità di latte materno. Evitare di pompare un sacco di latte, in quanto ciò può aumentare l’offerta. Invece, prova a pompare per 2-3 minuti, o fino a quando il dolore non è andato.

Le donne che stanno svezzando il loro bambino possono dare questo latte pompato al bambino in una successiva sessione di alimentazione. Questo latte pompato significa che una donna non dovrà allattare il bambino durante la sessione successiva, il che aiuterà a ridurre la quantità di latte della donna più rapidamente.

7. Gestire l’ingorgo

Se il pompaggio per alcuni minuti non aiuta, le donne che allattano possono trovare altri modi per gestire il disagio.

Sia il pompaggio che l’allattamento al seno possono aumentare l’apporto di latte materno, che può prolungare il disagio e rallentare il processo di svezzamento.

Alcune strategie che possono ridurre il disagio includono:

  • Applicazione di foglie di cavolo al seno. Raffreddare le foglie può aiutare con il gonfiore.
  • Assunzione di un farmaco antinfiammatorio non steroideo (NSAID) per il dolore.
  • Applicare impacchi caldi al seno prima di nutrirsi o fare un bagno caldo.
  • Applicazione di impacchi freddi (come sacchetti di piselli surgelati) dopo l’alimentazione.
  • Discutere le pillole anticoncezionali con un dottore. Alcune donne scoprono che l’assunzione del controllo delle nascite riduce l’apporto di latte materno, riducendo il disagio dello svezzamento.
  • Massaggiare i seni per ridurre il rischio di condotti ostruiti.
  • Indossare un reggiseno di supporto, in quanto il seno potrebbe sentirsi più pesante. Abbigliamento stretto e legatura possono peggiorare il dolore e possono anche causare un’infezione al seno.

8. Conoscere i segni del problema

Lo svezzamento può essere stressante ma raramente pericoloso. I due rischi principali dello svezzamento sono l’infezione al seno e la malnutrizione nel bambino.

Alcune madri sviluppano depressione o ansia e alcuni bambini lottano per calmarsi senza allattare.

Contattare un medico se:

  • la madre sviluppa la febbre
  • il seno è gonfio, rosso o caldo
  • c’è uno scarico verde o maleodorante dal seno
  • la madre ha sintomi di depressione o ansia
  • la madre non si sente più legata al bambino
  • il bambino ha pannolini bagnati o sporchi meno frequenti
  • il bambino sperimenta un cambiamento significativo nei modelli di sonno che dura più di una settimana o due

9. Consola il bambino

Il latte materno è più di una fonte di nutrimento. L’allattamento al seno offre anche comfort ai bambini quando sono stressati o spaventati. Molti bambini si addormentano mentre si nutrono.

Le strategie per confortare un bambino durante lo svezzamento includono:

  • tenere il bambino in contatto pelle a pelle
  • offrendo un ciuccio
  • distraendo un bambino che vuole nutrire giocando, cantando canzoni o facendo una passeggiata
  • cullare il bambino
  • dare al bambino un anello da dentizione ghiacciato nel congelatore se stanno masticando
  • stabilendo un nuovo rituale della buonanotte che aiuta il piccolo ad addormentarsi

Avere un altro genitore o badante può anche aiutare il bambino. I bambini nel processo di svezzamento possono aggressivamente cercare di nutrirsi. Permettere a qualcun altro di confortare o nutrire il bambino può ridurre significativamente lo stress per la madre e il bambino.

Sopprimere il latte materno

Una volta che il tuo bambino è stato svezzato dal latte materno, vorrai stimolare il corpo a smettere di produrlo o “asciugarlo”.

Sostenere fermamente il seno e ridurre la quantità di latte da loro espressa può aiutare a ridurre gradualmente la secrezione del latte.

Questo può essere un processo doloroso, e il latte può sostenere e causare gonfiore e dolore.

I rilievi per il seno possono essere utilizzati in un reggiseno per assorbire eventuali perdite di latte. I farmaci antidolorifici e gli impacchi di gel o freddo inseriti nel reggiseno possono aiutare a risolvere il disagio o il dolore. Le foglie di cavolo freddo hanno anche un effetto calmante sul seno, ma assicuratevi di conservarle in frigorifero e cambiarle quando diventano molle.

Se avverti dolore al seno mentre sei sdraiato, dormi con un cuscino che sostiene l’area del seno. Coloro che dormono sul loro fronte possono usare un cuscino sotto lo stomaco e fianchi per sostenere il seno.

Le madri dovrebbero essere pazienti con i bambini che non vogliono svezzare. Il bambino può temporaneamente regredire a uno stadio precedente di sviluppo, essere ansioso o appiccicoso o piangere più frequentemente del solito. Dopo diverse settimane, questi problemi miglioreranno.

Like this post? Please share to your friends: