Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Nuovi fattori di rischio di demenza scoperti

Utilizzando un database ampio e completo, i ricercatori scoprono nuove combinazioni di fattori che aumentano il rischio di demenza più tardi nella vita. I risultati potrebbero aiutare i medici a individuare le persone a rischio.

Mano degli anziani

La demenza è una preoccupazione crescente. Poiché la popolazione invecchia e vive più a lungo, la vita sta diventando la norma, la corsa per capire perché la demenza si manifesta.

In tutto il mondo, la demenza è la principale causa di disabilità e dipendenza negli anziani.

Negli Stati Uniti, 5,7 milioni di persone vivono con l’Alzheimer, che è la forma più comune di demenza. Entro il 2050, si prevede che questa cifra salirà a 14 milioni.

Attualmente non ci sono trattamenti efficaci, quindi la comprensione dei fattori che contribuiscono è essenziale se vogliamo stroncarla sul nascere.

Spacchettare i dati

Come parte della spinta a comprendere quali fattori sono coinvolti nello sviluppo di queste condizioni, gli scienziati si stanno immergendo ardentemente in tutti i set di dati disponibili. È solo analizzando vasti gruppi di dati sulla popolazione che iniziano a emergere chiari schemi.

Una di queste fonti di dati è il Framingham Heart Study (FHS), che ha avuto inizio nel 1948. Ad oggi, ha seguito tre generazioni di partecipanti, e la sua funzione primaria è l’osservazione dei fattori comuni che contribuiscono alle malattie cardiovascolari.

I ricercatori della facoltà di medicina dell’Università di Boston nel Massachusetts hanno recentemente sfruttato la ricchezza di dati raccolti nell’ambito dell’FHS. Autore corrispondente Rhoda Au, Ph.D. – un professore di anatomia e neurobiologia – spiega lo scopo del loro studio:

“Concentrandosi su fattori di rischio modificabili, speriamo di identificare i fattori di rischio di malattia che sono suscettibili di cambiamento, consentendo la possibilità di prevenire la demenza”.

La loro nuova analisi è stata la prima ad utilizzare un approccio di machine learning per generare un quadro più chiaro dei fattori di rischio che contribuiscono alla demenza. L’apprendimento automatico utilizza tecniche statistiche avanzate che consentono ai sistemi informatici di “apprendere” con i dati senza essere specificamente programmati.

In altre parole, i sistemi imparano dalla visualizzazione dei dati e possono individuare i modelli senza che gli esseri umani debbano guidare il loro processo di “pensiero”.

L’apprendimento automatico controlla la demenza

I ricercatori hanno utilizzato i dati presi nel 1979-1983 e erano particolarmente interessati alle informazioni riguardanti i dati demografici e lo stile di vita. I loro risultati sono stati pubblicati di recente nel.

Non sorprende che l’età sia stata esposta come un fattore di rischio significativo. Con l’avanzare dell’età, le nostre possibilità di sviluppare demenza aumentano, e questo è noto da tempo. Tuttavia, gli autori hanno trovato altre relazioni significative nascoste nei dati, come spiegano:

“L’analisi ha anche identificato uno stato civile di ‘vedovo’, un BMI inferiore e meno sonno nella mezza età come fattori di rischio di demenza.”

Sperano che i risultati saranno utili sia per i medici di prima linea che per la popolazione in generale. Ad esempio, se un parente anziano è vedovo e sottopeso, potrebbe essere prudente controllare attentamente i primi segni di demenza.

Il Prof. Au dice: “Volevamo identificare le informazioni a cui un medico o anche un non-medico ha facile accesso per determinare un potenziale rischio futuro aumentato di demenza”.

“La maggior parte degli strumenti di screening per la demenza richiedono una formazione specializzata o test”, aggiunge, “ma la prima linea per lo screening sono i medici di base o familiari, anche questo è stato un tentativo iniziale di applicare metodi di apprendimento automatico per identificare i fattori di rischio”.

Ora, la demenza costa agli Stati Uniti ben oltre 150 miliardi di dollari ogni anno, quindi è fondamentale trovare modi per limitare questo problema che cresce lentamente. Questi risultati offrono nuove conoscenze e il potenziale per ridurre al minimo l’impatto futuro della demenza.

Come scrivono gli autori, “I fattori demografici e di stile di vita non invasivi e poco costosi da implementare possono essere valutati in mezza età e utilizzati per modificare potenzialmente il rischio di demenza in età adulta”.

Comprendere i fattori di rischio alla base della demenza può aiutare la società a minimizzare il danno che può causare.

Like this post? Please share to your friends: