Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Nuovi risultati sul contenuto di mercurio nel salmone

Un nuovo studio pubblicato su Environmental Toxicologyand Chemistry rileva che, sebbene i livelli di mercurio nel salmone selvatico e allevato dalla British Columbia siano sostanzialmente al di sotto delle linee guida per il consumo umano, i livelli del salmone selvatico sono aumentati rispetto al salmone d’allevamento.

Una grande percentuale del salmone d’allevamento consumato negli Stati Uniti è originario della British Columbia, in Canada. Nel corso degli anni, ci sono stati problemi di salute perché alti livelli di metilmercurio sono stati trovati in specie ittiche longevi più vicine alla parte superiore della catena alimentare – come l’astuina e il salmone. Alti livelli di mercurio sono stati associati ad un aumento del rischio di cancro, e questo ha portato molte persone a evitare di assumere determinati pesci.

Questo studio più recente ha stabilito che i livelli di mercurio e di altri metalli misurati sia nel salmone d’allevamento sia in quello selvatico erano significativamente inferiori alle linee guida sul consumo sanitario in Canada. Rispetto al salmone selvatico, i ricercatori hanno scoperto che il salmone d’allevamento non presentava concentrazioni significativamente più elevate di metalli come arsenico, cobalto, rame, orcadmio. La triplice concentrazione di mercurio più elevata osservata nella carne di salmone selvatico rispetto al salmone d’allevamento è potenzialmente spiegata dalla scarsa efficienza di assorbimento gastrointestinale del salmone allevato, dal suo trasferimento inequivocabile di metalli al tessuto muscolare e dai suoi rapidi cicli di crescita (diluizione della crescita). Nei pesci allevati in allevamento non sono state riscontrate differenze nei livelli di metalli tra pre- e post-elaborazione.

Per il confronto con altre parti della dieta umana, i ricercatori indicano che i livelli totali di mercurio erano leggermente più alti nei salmoni selvatici o di allevamento rispetto a quelli di pollo, manzo o maiale e più o meno come in frutta, verdura, miele e uova. Rispetto ad altri alimenti, il salmone contiene livelli inferiori di altri oligoelementi. L’apporto alimentare di mercurio e metalli in traccia da salmone rimane un misero 0,05% al ​​32% rispetto al 68% al 99% che è assorbito da carne, pollame, frutta e verdura. Salmonalso contiene la sua protezione contro il mercurio nella forma dell’elementare selenio. Il surplus moderato di questo metallo può contrastare la tossicità del mercurio.

“Le stime dell’esposizione alimentare umana indicano che i rischi per la salute umana associati all’esposizione di tracce di metalli attraverso il consumo di salmone allevato e selvatico della Columbia Britannica sono trascurabili”, concludono gli autori. “Le prove scientifiche attuali sostengono quindi il consumo settimanale di specie di pesce azzurro (comprese tutte le fonti di salmoni della British Columbia) come raccomandato dall’American Heart Association”.

Mercurio e altri oligoelementi in salmone selvaggio e allevato dalla Columbia Britannica, Canada
Barry C. Kelly, MichaelG. Ikonomou, David A. Higgs, Janice Oakes e Cory Dubetz
Tossicologia ambientale e chimica (2008). Vol.27 (6): 1361-1370.
Fare clicqui per visualizzare la carta

Scritto da: Peter M Crosta

Like this post? Please share to your friends: