Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Nuovo esame del sangue ‘in grado di rilevare il rischio di infezione in pochi minuti’

Gli scienziati hanno creato un dispositivo in grado di rilevare il rischio di infezione di una persona da una goccia di sangue in pochi minuti, rispetto ai metodi attuali, che possono richiedere fino a 2 ore. Questo è secondo uno studio pubblicato sulla rivista.

Un test di laboratorio comune per determinare il rischio di infezione di un individuo è il conteggio dei neutrofili nel sangue, noto come conta assoluta dei neutrofili.

I neutrofili sono un tipo di globuli bianchi presenti nel sangue umano. Secondo i ricercatori del Massachusetts General Hospital che hanno condotto lo studio, i neutrofili sono la “prima linea di difesa del corpo” contro l’infiammazione e l’infezione.

Spiegano che, in pochi minuti dalla scoperta dell’infezione, i neutrofili fuggono dal sangue verso il tessuto, dove si depositano nei siti di infezione.

Scienziato che conduce test

Tuttavia, il dott. Daniel Irmia, assistente professore presso il BioMEMS Resource Center del Massachusetts General Hospital, afferma che in molti casi potrebbe non essere sufficiente contare solo i neutrofili.

“Se i neutrofili non migrano bene e non riescono a raggiungere i tessuti, questa situazione potrebbe avere le stesse conseguenze di un basso numero di neutrofili”, aggiunge.

Con questo in mente, gli investigatori hanno creato un “dispositivo miniaturizzato a base di silicone” che, secondo loro, è in grado di misurare i modelli di migrazione dei neutrofili da una puntura di sangue del dito, e questo può essere eseguito in pochi minuti.

I ricercatori dicono che i metodi attualmente usati per misurare le funzioni dei neutrofili implicano la separazione dal sangue.

Questo processo può richiedere 2 ore e gli investigatori dicono che la procedura deve essere eseguita da personale di laboratorio qualificato.

Dicono che questo pone un problema in condizioni cliniche, come il trattamento di casi di pazienti con ustioni, poiché il processo richiede molto tempo e le priorità dei professionisti medici cambiano durante il giorno.

Spiegando la convalida del loro dispositivo, i ricercatori dicono:

“Per soddisfare la necessità di saggi rapidi e robusti, abbiamo progettato un dispositivo microfluidico che misura la chemiotassi dei neutrofili direttamente da una singola goccia di sangue.

Abbiamo convalidato il test confrontando la chemiotassi dei neutrofili da puntura di dito, sangue venoso e campioni di neutrofili purificati. Abbiamo trovato una velocità media costante di (19 ± 6 μm / min) e direzionalità (91,1%) tra le tre fonti. “

Concludono che essere in grado di misurare il rischio di infezioni dei pazienti in pochi minuti da una sola goccia di sangue è un “miglioramento significativo e uno che migliorerà il trattamento attuale”.

Sono inoltre in fase di sviluppo nuovi esami del sangue per rilevare l’insorgenza e la progressione di altre condizioni di salute. recentemente riferito su uno studio che dettaglia un esame del sangue che potrebbe rivelare la diffusione del melanoma.

Like this post? Please share to your friends: