Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Nuovo stent biodegradabile “buono come l’attuale gold standard”

Un nuovo stent coronarico biodegradabile è paragonabile all’attuale gold standard, secondo un nuovo studio pubblicato nel 2006.

illustrazione di uno stent coronarico

Gli stent coronarici sono scaffold metallici progettati per sbloccare le arterie che forniscono sangue al cuore. Gli stent inseriti nei pazienti nell’ultimo decennio sono stati tipicamente a eluizione di farmaci, il che significa che sono rivestiti con farmaci per impedire che l’arteria si blocchi nuovamente.

Tuttavia, i polimeri utilizzati in questi stent non sono biodegradabili e hanno componenti in acciaio inossidabile, entrambi legati ad un aumentato rischio di complicanze.

I vantaggi del nuovo stent rispetto a questi precedenti stent a rilascio di farmaco sono che il puntone utilizzato nello stent non è in acciaio inossidabile spesso, ma è “ultra-sottile” cobalto-cromo – il puntone più sottile attualmente disponibile – e che il polimero utilizzato è biodegradabile.

Per testare l’efficacia del nuovo stent, i pazienti con malattia coronarica sono stati assegnati in modo casuale a ricevere il nuovo stent o il tipo standard di stent. In totale, 1.063 persone hanno ricevuto il nuovo stent sperimentale, mentre 1.056 hanno ricevuto lo stent standard.

I ricercatori hanno seguito i pazienti per 12 mesi dopo aver ricevuto gli stent. Lo studio ha rilevato che un numero simile di pazienti in entrambi i gruppi moriva per problemi cardiaci, aveva un attacco cardiaco causato dall’arteria che si bloccava di nuovo o richiedeva un’altra operazione sulla stessa arteria nel periodo di studio.

All’interno del gruppo sperimentale di stent, questi effetti avversi si sono verificati a circa il 6,5% dei partecipanti, mentre nel gruppo di stent normale si è verificato a circa il 6,6% dei partecipanti.

I benefici erano più evidenti nel sottogruppo, ma sono necessarie ulteriori ricerche

In un sottogruppo di pazienti che hanno avuto attacchi di cuore, il nuovo stent ha mostrato un vantaggio molto più chiaro rispetto al normale stent. In questo sottogruppo, il 3,3% dei partecipanti dotati dello stent sperimentato ha presentato gli effetti avversi, rispetto all’8,7% dei partecipanti che sono stati dotati dello stent normale.

Secondo l’autore dello studio il dottor Thomas Pellegrino, dal Centro Cardiovascolare svizzero alla University Hospital di Berna, in Svizzera, il nuovo stent “ha trovato i risultati di uno dei più sicuri e più efficaci di nuova generazione stent medicati” e “rappresenta il logico successivo passo nella raffinatezza dello stent combinando una piattaforma ultrasottile con un polimero che degrada completamente. “

Tuttavia, a proposito delle differenze nel sottogruppo di infarto, il dott. Pilgrim ammette che la squadra “non può escludere che questi risultati siano dovuti al solo caso”. Dice che studi futuri dovranno esplorare se queste differenze possono essere riprodotte in questo sottogruppo.

Nel 2012, è stato riferito che lo stent antidroga Resolute Integrity ™ di Medtronic Inc era stato approvato dalla Food and Drug Administration. Il produttore affermò che questo stent migliorava sul suo precedente stent di metallo nudo, incorporando ciò che la società definisce “tecnologia sinusoidale continua”.

La tecnologia sinusoidale continua implica “un unico filo continuo di filo che è modellato in un’onda sinusoidale e quindi avvolto in un modello elicoidale e fuso a laser in determinati punti, rendendo ogni stent paragonabile a una molla flessibile”.

Anche nel 2012, uno studio ha trovato che i pazienti con stent-impianto sono stati una volta e mezzo più probabilità di morire se fossero depressi, rispetto ai pazienti con stent-impianto che non erano depressi.

I ricercatori dietro a questo studio hanno osservato che i medici si concentrano tradizionalmente su fattori medici – come il diabete o la storia familiare di malattie cardiache – quando valutano il rischio di morte dei pazienti con stent-implant, “ma questo non è l’intero quadro. in combinazione con i fattori medici. “

Like this post? Please share to your friends: