Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Obesità: cinque fatti sorprendenti

L’obesità è in aumento in tutto il mondo, ma i ricercatori non ne conoscono ancora il motivo. Vediamo come l’aumento di peso si insinua su di noi, se i nostri geni sono la colpa dopo tutto e perché i nostri genitori ci lasciano un’eredità per tutta la vita se sono obesi.

Famiglia sovrappeso

In termini semplici, essere obesi significa che una persona porta troppo peso, in particolare grasso, intorno al proprio corpo. Per ottenere questo grasso in più, una persona ha bisogno di mangiare più calorie di quelle che bruciano, che generalmente si pensa sia il risultato di uno stile di vita sedentario e il consumo di cibi ad alta energia.

Mentre i ricercatori stanno iniziando ad avere una comprensione più profonda dell’obesità, iniziamo ad apprezzare che questa visione semplicistica non racconta la storia completa.

Probabilmente non abbiamo bisogno di convincerti che l’obesità è un grave rischio per la salute, perché questo fatto è abbastanza consolidato. Tuttavia, pur tenendo le dita sul polso delle ultime ricerche mediche, quest’anno ci siamo imbattuti in cinque fatti sull’obesità che ci hanno sorpreso.

Con più di 1 persona su 3 negli Stati Uniti, i tassi di obesità infantile obesi e globali 10 volte superiori a quelli degli anni ’70, i nostri cinque fatti sorprendenti indicano le ragioni per cui stiamo accumulando sterline e come questo influisce sulla nostra salute lungo termine.

1. Guadagno di peso subdolo

Nessuno nasce obeso. Invece, l’aumento di peso ha la tendenza a insidiarsi. E, come spiega il professor Claude Bouchard del Laboratorio di Genomica Umana presso il Pennington Biomedical Research Center di Baton Rouge, a Los Angeles

“La forma comune dell’obesità umana è tipicamente caratterizzata da un aumento di peso di circa 1-2 kg all’anno per un periodo di 15-25 anni, a seconda dell’individuo.Questo tasso di aumento di peso annuale è piuttosto ridotto se distribuito su 365 giorni “.

Ciò rende difficile individuare i driver precisi dell’obesità nei singoli casi, aggiunge. Sembra essere un equilibrio tra natura e cultura.

La capacità di un particolare tratto di contribuire all’obesità è chiamata potenziale obesogenico. Si dice che molti fattori portino il potenziale obesogenico, tra cui mangiare eccessivamente, preferenze alimentari e uno stile di vita sedentario.

Ma questi non funzionano in isolamento. Sono intrinsecamente legati al nostro ambiente sociale e agli spazi di vita.

Ecco la parte davvero interessante: la stessa quantità di calorie e l’esercizio fisico hanno effetti diversi su persone diverse. Si tratta della combinazione di fattori obesogenici.

Il nutrimento ha sicuramente un ruolo da svolgere. Tuttavia, fino al 70 percento della variazione nel nostro peso corporeo è legata a fattori genetici, spiega il prof. J. Alfredo Martinez – del Centro per la ricerca nutrizionale presso l’Università di Navarra a Pamplona, ​​in Spagna – nella rivista.

2. “Obesità senza difetti?”

Per un piccolo numero di individui obesi, esiste una chiara causa genetica per il loro peso. Fino al 5% dell’obesità estrema a partire dall’infanzia può essere ricondotto a mutazioni nel gene che codifica per il recettore della melanocortina 4.

Un altro colpevole è la massa grassa e il gene associato all’obesità. Ma a parte la piccola percentuale di persone che portano mutazioni in questi geni, come possiamo spiegare il gran numero di individui obesi in tutto il mondo?

Molti ricercatori pensano che un gran numero di geni contribuisca a una piccola quantità di rischio ciascuno – il che, insieme allo stile di vita, causa l’obesità.

Il prof. Bouchard ha trovato 118 tali mutazioni in una meta-analisi su larga scala di diversi studi di associazione genome-wide.

Un nuovo studio ora pubblicato punta il dito su un gene chiamato ankyrin-B. Il team è stato guidato dal Dr. Vann Bennett – che è un professore di biochimica presso la Duke University School of Medicine a Durham, Carolina del Nord – e ha scoperto che le variazioni di questo ankyrin-B causano un’eccessiva quantità di glucosio per entrare nelle cellule adipose, causandole doppio in cambio.

“Abbiamo scoperto che i topi [con il gene mutato] possono diventare obesi senza mangiare di più e che esiste un meccanismo cellulare sottostante per spiegare l’aumento di peso”, spiega il prof. Bennett. “Lo chiamiamo obesità senza difetti.”

Resta da vedere se queste scoperte reggono o no negli umani.

Quindi, l’aumento di peso tende a insidiarsi e i nostri geni sono in parte da biasimare. Ma il dollaro non si ferma a noi; il nostro peso ha un effetto diretto sulla prossima generazione.

3. Obesità legata a difetti alla nascita

Circa la metà delle madri incinte negli Stati Uniti sono sovrappeso o obese quando partecipano al loro primo appuntamento prenatale, spiega la dott.ssa Martina Persson – del Dipartimento di Medicina presso l’Istituto Karolinska di Stoccolma, in Svezia – in un articolo di.

In uno studio su più di 1 milione di nascite, che si è svolto in Svezia dal 2001 al 2014, il tasso complessivo di malformazioni congenite maggiori o difetti alla nascita era del 3,5%. Ma il rischio di tali malformazioni aumentava proporzionalmente al peso materno.

“Questo ampio studio basato sulla popolazione ha rilevato che i rischi complessivi delle principali malformazioni congenite e dei rischi di diversi gruppi di malformazioni organo-specifici aumentano progressivamente con il sovrappeso materno e la gravità dell’obesità”.

Dr. Martina Persson

Le madri che hanno un indice di massa corporea (BMI) maggiore di 35 hanno un rischio maggiore del 23% di avere un bambino con malformazioni rispetto a quelle con un BMI normale. Per quelli con un BMI superiore a 40, questo rischio era del 37% più alto.

4. Grandi mamme, bambini grandi

Oltre a un maggior rischio di difetti alla nascita, i bambini nati da madri obese hanno maggiori probabilità di essere grandi alla nascita – un fenomeno chiamato macrosomia.

La macrosomia mette i bambini a rischio di fratture ossee durante la nascita ed è associata a tassi più elevati di parto cesareo. Aumenta anche il rischio della madre di sanguinamento estensivo durante la nascita.

Ricerca del Dr.Cuilin Zhang – del ramo epidemiologico presso l’Eunice Kennedy Shriver National Institute per la salute e lo sviluppo del bambino a Bethesda, MD – pubblicato questa settimana a gettare luce su come la macrosomia si sviluppa durante la gravidanza.

Il team ha scoperto che i bambini con madri obese sviluppavano ossa più lunghe e teste più grandi. Il team ha potuto vedere questo sugli esami a ultrasuoni già a 21 settimane di gravidanza. Le pance dei bambini erano anche più grandi da circa 32 settimane di gravidanza.

Se ti stai chiedendo perché l’obesità avrebbe un tale effetto, il Dr. Zhang spiega la teoria del team:

“Le donne che sono obese al momento del concepimento sono più resistenti all’insulina, il che potrebbe portare alla soppressione del feto e alla crescita eccessiva alla nascita”.

Ma il peso delle madri durante la gravidanza non riguarda solo il bambino durante lo sviluppo e la nascita; lascia una traccia per tutta la vita.

5. Il retaggio dell’obesità

Il peso e l’alimentazione di una madre durante la gravidanza e le fasi dell’allattamento al seno possono avere un effetto duraturo sui suoi figli.

“Nel periodo prenatale”, dice il prof. Martinez, “l’eccessivo aumento di peso della gestazione materna, specialmente all’inizio della gravidanza (prima 20 settimane), è un fattore di rischio per lo sviluppo del sovrappeso nei bambini”.

Ciò dipende dal fatto che l’ambiente metabolico in cui si trova il bambino in crescita causa cambiamenti permanenti nel codice genetico. Questi cambiamenti epigenetici influenzano il modo in cui funzionano determinati geni.

Ad esempio, “[O] vernutrition durante l’allattamento può provocare modificazioni epigenetiche nei geni chiave che sono noti per essere coinvolti nella via di segnalazione dell’insulina nel muscolo scheletrico che può manifestarsi come compromissione della sensibilità all’insulina in età avanzata”, Prof. Mark H. Vickers – dal Liggins Institute dell’Università di Auckland in Nuova Zelanda – spiega in.

Ma i padri non sono senza colpa. I cambiamenti epigenetici vengono trasmessi nello sperma e portano con sé un rischio significativo di sviluppare obesità.

Quindi, l’obesità risulta essere molto più complessa del semplice consumo di più calorie di quelle che bruciamo ogni giorno.

Se stai cercando consigli su come gestire il tuo peso o le ultime notizie su obesità, perdita di peso e ricerca sul fitness, non guardare oltre la nostra sezione dedicata sul sito.

Like this post? Please share to your friends: