Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Obesità infantile: viene preso sul serio?

“L’obesità infantile non è un problema estetico o qualcosa da cui il bambino uscirà. I bambini obesi tendono a diventare adulti obesi e ci sono molti problemi medici associati all’obesità.I bambini ora stanno prendendo lo stesso tipo di farmaci che i loro genitori devono gestire pressione sanguigna, diabete e colesterolo: è spaventoso ma vero “, ha detto il dottor Rani Whitfield, portavoce della American Heart Association.

Vita di misurazione adolescente obesa

Sfortunatamente, quello che dice il dottor Whitfield non è un’esagerazione. Negli ultimi 30 anni, il tasso di obesità infantile è più che raddoppiato nei bambini e quadruplicato negli adolescenti.

La prevalenza dell’obesità nei bambini di 6-11 anni è aumentata dal 7% nel 1980 al 18% nel 2012, mentre la percentuale di adolescenti obesi di 12-19 anni è aumentata dal 5% al ​​21% nello stesso periodo.

Questi significativi aumenti hanno portato a un aumento delle condizioni di salute legate all’obesità tra bambini e adolescenti. Un’indagine demografica del 2007 su 5-17 anni ha rivelato che circa il 70% dei bambini e adolescenti obesi ha almeno un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari ed è stato stabilito che la condizione può aumentare il rischio di malattie muscoloscheletriche , diabete e cancro.

Gli effetti dell’obesità infantile possono persistere fino all’età adulta, e vi è la preoccupazione globale che se i tassi di obesità infantile continuano ad aumentare, così sarà la prevalenza delle condizioni mediche correlate. Ciò non solo metterà a rischio la salute delle generazioni future, ma metterà anche a dura prova l’economia.

Tali preoccupazioni hanno portato al lancio di campagne sulla salute pubblica nel tentativo di affrontare l’obesità infantile, come l’iniziativa Let’s Move lanciata dalla First Lady Michelle Obama nel 2010.

Ma come mai i tassi di obesità infantile hanno raggiunto un livello così alto? Viene fatto abbastanza per affrontare il problema? E stiamo prendendo l’obesità infantile seriamente come dovremmo? indaga.

Perché abbiamo visto un tale aumento nell’obesità infantile?

Lo stato del peso nei bambini è determinato da percentili di massa corporea (BMI) per età. Questo calcola la categoria di peso di un bambino in base alla sua età e al suo indice di massa corporea. Un bambino è considerato sovrappeso se il suo percentile BMI-per-età è superiore all’85% e ritenuto obeso se è superiore al 95%.

Non c’è dubbio che le cause principali dell’obesità infantile sono una dieta malsana e la mancanza di attività fisica.

Amanda Staiano, PhD, co-presidente del Public Affairs Committee presso The Obesity Society – l’organizzazione leader dedicata allo studio dell’obesità – ha detto:

“La disponibilità di calorie liquide e calorie vuote, combinata con una grande quantità di fast food e pubblicità di cibi spazzatura, ha cambiato il modo in cui i bambini mangiano. La maggior parte dei bambini non riesce a rispettare i 60 minuti raccomandati di attività fisica quotidiana e spende una quantità enorme di tempo seduto, il modo in cui abbiamo strutturato le nostre vite quotidiane rende difficile per i bambini vivere in modo sano “.

È chiaro che i cambiamenti dello stile di vita hanno avuto un impatto significativo sull’obesità infantile negli ultimi 30 anni. I bambini consumavano uno spuntino al giorno, mentre un bambino su 5 in età scolare mangia fino a sei spuntini al giorno.

Le dimensioni delle porzioni di cibo e bevande sono anche più grandi di quanto non fossero 30 anni fa. A metà degli anni ’70, una bevanda zuccherata standard era di 13,6 once, mentre oggi si attesta a 20 once.

Inoltre, l’Harvard School of Public Health di Boston, Massachusetts, dichiara che l’apporto calorico giornaliero di un bambino derivante dalle bevande zuccherine è aumentato del 60% tra il 1989 e il 2008.

Sebbene la disponibilità di cibo spazzatura e bevande sia diminuita nelle scuole, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) affermano che oltre la metà delle scuole medie e superiori negli Stati Uniti offre ancora per l’acquisto.

E l’industria pubblicitaria, ritengono gli operatori sanitari, non ha aiutato i tassi di obesità infantile, con studi precedenti che suggeriscono che i bambini esposti a spot pubblicitari di cibi spazzatura hanno maggiori probabilità di diventare obesi.

Anche i livelli di attività fisica sono diminuiti negli ultimi 3 decenni. Il CDC afferma che l’anno scorso solo il 29% degli studenti delle scuole superiori ha partecipato ai 60 minuti raccomandati di allenamento al giorno.

bambini che corrono gara

Sono finiti i giorni in cui i bambini corrono in giro e giocano per ore dopo la scuola. Ora, sono più propensi a impegnarsi in comportamenti sedentari, come guardare la TV, giocare ai videogiochi o usare i social media. I bambini trascorrono in media 7,5 ore al giorno utilizzando i mezzi di intrattenimento.

Ci sono altri fattori che sono stati associati allo sviluppo dell’obesità infantile. La disposizione genetica è una.

Uno studio del 2012 ha riportato di aver scoperto due varianti genetiche che i ricercatori sostengono aumentano il rischio di obesità infantile. Uno studio più recente condotto da ricercatori dell’Università di Cambridge nel Regno Unito ha rivelato che una mutazione genetica chiamata KSR2 può causare obesità causando continue fitte di fame.

Ma gli esperti di assistenza sanitaria ritengono che siano soprattutto le diete non salutari e la mancanza di esercizio fisico a far salire i tassi di obesità infantile. “Sebbene l’ereditarietà possa spiegare alcune delle epidemie di obesità, non giustifica l’esplosione che abbiamo avuto negli ultimi 30 anni”, ci ha detto il Dr. Whitfield.

I genitori non prendono sul serio l’obesità infantile

Sembra incoraggiare i bambini a seguire una dieta sana e fare più esercizio fisico è la strada verso il successo contro l’obesità infantile. L’iniziativa Let’s Move di cui sopra è incentrata sul fare proprio questo. Ma l’obesità infantile viene presa abbastanza sul serio perché tali campagne funzionino?

Un recente rapporto del CDC ha rilevato che il 30,2% dei bambini e degli adolescenti negli Stati Uniti percepisce erroneamente il loro stato di peso. Circa il 48% dei ragazzi obesi e il 36% delle ragazze obese considerano il loro peso normale, secondo il rapporto.

Uno studio del 2013 pubblicato sulla rivista ha rilevato che il 62% dei genitori di bambini obesi percepisce il proprio bambino come un peso sano.

La dottoressa Eliana Perrin, professore associato di pediatria all’ospedale pediatrico della Carolina del Nord, ha detto:

“[I genitori] spesso non riconoscono quando i loro figli diventano sovrappeso, perché i bambini con un peso sano sembrano magri e poiché i bambini sovrappeso stanno diventando la norma, i genitori spesso non si rendono conto quando i loro figli non sono in buona salute. Penso che inizino a preoccuparsi solo quando l’obesità influisce sulle loro vite quotidiane “.

Il Dr. Perrin è l’autore principale di uno studio che abbiamo riportato all’inizio di quest’anno, secondo il quale molti genitori adottano pratiche di alimentazione infantile e di alimentazione che aumentano il rischio di obesità del bambino più avanti nella vita.

Ci ha detto che i genitori hanno bisogno di sostegno per garantire che i loro figli adottino stili di vita più sani – qualcosa che fa eco a Staiano:

“I genitori dovrebbero parlare con il pediatra del loro bambino su come raggiungere un peso sano e fare scelte più sane con il loro bambino – anche se il pediatra non lo fa crescere.I genitori sono i migliori sostenitori per i loro figli”, ha detto, aggiungendo:

“I genitori possono svolgere un ruolo parlando alle riunioni PTA e alle conferenze genitori-insegnanti, sostenendo pasti più sani nelle scuole e nelle scuole e chiedendo che i luoghi visitati dai bambini, come scuole e parchi, promuovano un’alimentazione sana e l’attività fisica”.

Le scuole potrebbero fare di più per aiutare ad affrontare l’obesità infantile?

Esiste certamente un onere sulle scuole per fare di più per incoraggiare i bambini ad adottare comportamenti sani.

Negli Stati Uniti, circa 32 milioni di studenti consumano pasti scolastici ogni giorno, e per molti di questi bambini, i pasti scolastici rappresentano fino al 50% del loro apporto energetico giornaliero.

Le scuole sono già state oggetto di nuove linee guida per i pasti scolastici, sviluppati dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) nel 2012.

bambini che mangiano i pasti scolastici

Queste linee guida richiedono alle scuole un’offerta più ampia di cibi ricchi di cereali integrali, offrono solo prodotti a base di latte magro o magro, offrono frutta e verdura a tutti gli studenti ogni giorno della settimana, limitano le calorie in base all’età dello studente per garantire che ricevano le dimensioni corrette della porzione e aumentare l’attenzione per ridurre la quantità di grassi saturi e sale negli alimenti.

All’inizio di quest’anno, abbiamo riportato uno studio condotto dalla Harvard School of Public Health, che ha rivelato che da quando queste linee guida sono state lanciate, gli studenti ora mangiano più frutta e verdura.

Ma le scuole devono fare di più che offrire solo cibi sani, secondo il dott. Whitfield:

“Le scuole giocano un ruolo molto importante nell’incoraggiare comportamenti sani nei bambini.Molti bambini trascorrono molto tempo a scuola, dove si possono sviluppare sia buone che cattive abitudini.L’attività fisica e l’educazione alla salute dovrebbero essere obbligatorie per coloro che frequentano la scuola materna”.

Staiano ha osservato che le scuole sono sottoposte a molte pressioni per insegnare materie fondamentali, ma concorda sul fatto che una vita sana è qualcosa su cui dovrebbero essere educate. “Le scuole hanno la responsabilità di creare un luogo sicuro e solidale in cui la scelta salutare sia la scelta più facile”, ha affermato.

Ma ha aggiunto che incoraggiare i bambini ad adottare stili di vita più sani non dovrebbe fermarsi a scuola. Staiano ha osservato che durante le pause scolastiche, alcune comunità offrono programmi estivi strutturati che offrono attività fisica e spuntini sani ai bambini.

“I campionati di calcio di quartiere e di softball possono incoraggiare una sana competizione e attività fisica, nonché un’interazione sociale positiva”, ha aggiunto. “Parchi attraenti con attrezzature adattate a una varietà di fasce d’età in grado di fornire attività familiari per far muovere anche i genitori”.

La lotta contro l’obesità infantile rimane “una battaglia in salita”

Nel complesso, sembra che l’obesità infantile stia ricevendo molta più attenzione, e gli operatori sanitari sono concordi nell’affermare che le campagne sull’obesità, come l’iniziativa Let’s Move, hanno contribuito a sensibilizzare sul problema.

Alcuni stati degli Stati Uniti hanno addirittura visto una riduzione dei tassi di obesità infantile. Un rapporto del CDC ha rivelato che tra il 2008-11, la Florida, la Georgia, il Missouri, il New Jersey, il Sud Dakota e le Isole Vergini americane hanno mostrato un calo minimo dell’1% nei tassi di obesità infantile.

Ma sebbene tali dati dimostrino che stiamo andando nella giusta direzione, Staiano ci ha detto che c’è ancora molto lavoro da fare.

“L’obesità infantile rimane ad un livello storico”, ha detto. “Questi declini sono ancora entro il margine di errore ed è importante continuare a seguire le tendenze per vedere se i trend si stabilizzano o continuano a salire”.

“Stiamo certamente facendo progressi”, ha aggiunto il dott. Perrin, “ma vista l’abbondanza di marketing per i bambini di cibi malsani, la mancanza di modi semplici per incorporare attività salutari nei giorni normali dei bambini e la simultanea ingiustizia dello stigma dell’obesità, è una battaglia in salita. “

Ma sembra che Michelle Obama, per esempio, non rinunci alla lotta in tempi brevi:

“Alla fine, come First Lady, questo non è solo un problema politico per me, questa è una passione, questa è la mia missione, sono determinato a lavorare con persone in tutto il paese per cambiare il modo in cui pensa una generazione di bambini cibo e nutrizione.”

Like this post? Please share to your friends: