Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Obesità metabolicamente sana: tutto ciò che devi sapere

Una persona con obesità metabolicamente sana ha un indice di massa corporea abbastanza alto da essere classificato come obeso ma senza alcune delle complicazioni di salute che sono normalmente legate all’obesità.

Un indice di massa corporea (BMI) compreso tra 20,5 e 29,9 è classificato come sovrappeso e un BMI o 30 o superiore è obeso.

L’obesità comporta comunemente un rischio più elevato di malattie cardiovascolari (CVD), diabete, ipertensione arteriosa, ipertensione e colesterolo alto. Insieme, questi sono conosciuti come sindrome metabolica. Tuttavia, non tutti quelli con un BMI elevato hanno queste complicazioni e non tutti hanno tutti e quattro.

Alcuni studi suggeriscono che fino al 35% delle persone con obesità può essere metabolicamente sano.

Perché alcuni hanno problemi metabolici e altri no probabilmente sono legati a abitudini di vita sane e se sono suscettibili di causare perdita di peso.

Qual è l’obesità metabolicamente sana?

[Alcuni obesità possono essere metabolicamente sani]

La prima domanda è come decidere cosa sia l’obesità metabolica (MHO).

L’obesità è normalmente classificata dal BMI, ma l’IMC non è sempre un modo accurato di classificazione. Una persona può avere un alto indice di massa corporea ma essere muscolosa e fisicamente in forma. L’IMC è un calcolo e non è in grado di distinguere tra tessuto grasso e tessuto magro.

Allo stesso modo, non esiste un’unica definizione di disturbo metabolico. Alcuni medici diagnosticano il disturbo mediante uno o due fattori, ad esempio, CVD e ipertensione, mentre altri dovranno vedere tutti e quattro per diagnosticare il disordine metabolico.

Se i criteri utilizzati per la diagnosi richiedono che la persona abbia tutti e quattro i fattori, a meno persone verrà diagnosticata l’obesità e il disturbo metabolico. Molte persone con obesità hanno uno, ma non più, problemi metabolici.

Tuttavia, se tutti i pazienti con ipertensione borderline sono classificati come affetti da disordine metabolico, il numero di diagnosi sarà più alto.

I risultati di uno studio condotto su 6.000 americani di età compresa tra 18 e 65 anni in un periodo di 9 anni hanno riscontrato che solo l’1,3% delle persone con obesità non aveva problemi metabolici.

Uno studio del 2014 che ha confrontato 10 coorti in diversi paesi ha rilevato che la percentuale di coloro che erano obesi e che erano metabolicamente sani variava dal 24 al 65% per le donne e dal 43% al 78% per gli uomini.

Criteri e cause

Non ci sono attualmente criteri per l’identificazione di MHO.

In uno studio del 2013, i ricercatori hanno osservato che: “Non esistono criteri universalmente accettati per definire l’obesità metabolicamente sana”.

Hanno suggerito che i possibili fattori per determinare MHO potrebbero essere:

  • girovita
  • livelli di pressione sanguigna, colesterolo e glicemia
  • insulino-resistenza
  • idoneità fisica

Uno studio, pubblicato in, osserva che le persone con MHO hanno maggiori probabilità di avere livelli più bassi di infiammazione rispetto a quelli che non sono sani. Tuttavia, altri risultati hanno contrastato questo.

Alcuni studi hanno suggerito che alcune proteine ​​possono proteggere l’organismo dagli effetti dannosi dell’obesità. Sono necessarie ulteriori ricerche per valutare l’efficacia di questi meccanismi negli esseri umani.

Alcuni ricercatori hanno suggerito che non tutto il grasso è pericoloso. Avere diversi tipi di grasso potrebbe fare la differenza. Il grasso sottocutaneo, lo strato di grasso che si trova sotto la pelle, potrebbe non essere un fattore di rischio per la malattia metabolica, ma il grasso in o intorno al fegato e al cuore può essere fatale.

Un team ha scoperto che le persone metabolicamente sane bruciano i grassi in modo più efficace rispetto a quelli con problemi metabolici, come il diabete di tipo 2. Questo indica una sorta di circolo vizioso in cui i livelli di salute nella persona sana continuano a diminuire.

Una mancanza di attività fisica, combinata con una dieta ad alto contenuto calorico e ad alto contenuto di zuccheri, può anche portare ad un basso livello di combustione dei grassi o all’ossidazione.

L’obesità non significa che una persona abbia uno stile di vita malsano. Una persona con obesità che è fisicamente attiva e che fa scelte alimentari sane può continuare a ottenere gli stessi benefici delle persone che non sono obese.

Uno studio riporta che, indipendentemente dal BMI, quando una persona in sovrappeso o obesa aveva quattro sane abitudini, aveva lo stesso rischio di mortalità di chi era più magro. Le quattro abitudini erano un non fumatore, assunzione moderata di alcol, 30 minuti di esercizio al giorno e 5 o più porzioni di frutta e verdura al giorno.

[L'esercizio fisico può compensare i problemi di salute dovuti all'obesità]

Uno studio del 2015 suggerisce che le persone con MHO possono avere caratteristiche cliniche diverse rispetto alle persone con obesità e disordine metabolico. Quelli con MHO tendevano ad essere più giovani, donne, erano più propensi a esercitare ed erano meno propensi a fumare o bere molto.

Uno studio pubblicato nel febbraio 2017 ha riscontrato un’ulteriore distinzione tra le persone con MHO e quelle con obesità metabolicamente anormale (MAO) quando si trattava di qualità del sonno.

Hanno scoperto che le donne con MHO avevano disturbi del sonno regolari, ma non avevano problemi con la durata del sonno o con la qualità del sonno in generale, rispetto a coloro che hanno MAO.

I ricercatori chiedono uno sguardo più da vicino ai collegamenti tra qualità del sonno e salute cardiometabolica e se il sonno sia o meno un fattore, o forse un indicatore, di MHO.

Va notato che il disturbo metabolico non colpisce solo le persone con obesità. Una persona non deve essere obesa o mantenere uno stile di vita malsano per avere il diabete e le malattie cardiovascolari.

implicazioni

Le persone con MHO sembrano avere un minor rischio di problemi di salute.

Nel 2016, i ricercatori hanno scoperto che le persone anziane con MHO non avevano maggiori probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari. Tuttavia, hanno anche trovato un forte legame tra il disturbo metabolico CVD e un legame tra elevato BMI e CVD.

Ricercatori Prof. Matthias Schulze, dell’Istituto tedesco di nutrizione umana in Nuthetal e Prof.Norbert Stefan, dell’Università di Tubinga, in Germania, ha suggerito la necessità di una migliore comprensione di quali individui con obesità sono suscettibili di complicanze. Questo, dicono, sarebbe utile nel trattamento e nella prevenzione dei problemi di salute.

“Le conseguenze sulla salute dell’obesità sono ben documentate: in particolare, l’aumento mondiale dell’incidenza del diabete di tipo 2, delle malattie cardiovascolari e di diversi tipi di cancro è attribuito in gran parte all’epidemia di obesità, quindi alla prevenzione e al trattamento dell’obesità ridurre il rischio di malattie croniche alla popolazione e il livello individuale sono fondamentali. “

Prof. Matthias Schulze e Prof. Norbert Stefan

I ricercatori suggeriscono che “Potenzialmente, le scarse risorse possono essere utilizzate in modo più efficace se adattate al profilo metabolico di un individuo obeso, alcune strategie di prevenzione e trattamento possono essere molto costose e lunghe”.

La necessità di criteri

Gli scienziati osservano che i seguenti ostacoli rimangono:

  • una mancanza di criteri standard per definire MHO
  • comprensione limitata dei meccanismi biologici dietro di esso

Rimuovere queste barriere, affermano, potrebbe aiutare a indirizzare il trattamento in modo più efficace. Tuttavia, sottolineano che le persone con MHO potrebbero avere altre ragioni per cercare un trattamento.

[Sono necessarie ulteriori ricerche sull'obesità metabolica della salute]

Una definizione più chiara di MHO potrebbe portare a una migliore comprensione del legame tra obesità, infiammazione e salute metabolica.

Potrebbe contribuire allo sviluppo di farmaci che proteggono dalle malattie a cui molte persone con obesità sono suscettibili.

Altrove, il Prof. Frank Hu e colleghi suggeriscono che distinguere le persone con MHO da persone con obesità più disordine metabolico potrebbe portare a forme di trattamento più appropriate ed economicamente efficaci.

Potrebbe, ad esempio, ridurre la necessità di interventi invasivi di perdita di peso, come la chirurgia bariatrica.

La necessità di agire

Tuttavia, Jennifer Kuk e alcuni ricercatori della York University di Toronto, in Canada, hanno affermato nel 2009 che se una persona con obesità viene diagnosticata come metabolicamente sana o no, ha ancora bisogno di cure.

“È importante notare che l’obesità metabolicamente normale è un sottotipo estremamente raro, ma quando si verifica, il trattamento è assolutamente necessario.”

Jennifer Kuk, Assistant Professor presso la York School of Kinesiology & Health Science

I medici avvertono anche che mentre una persona può essere in buona salute contemporaneamente con l’obesità, potrebbero comunque sviluppare problemi in seguito. Lo stato di salute cambia nel tempo e l’obesità potrebbe essere un fattore importante nello sviluppo della malattia a lungo termine.

Inoltre, il metabolismo non è l’unico aspetto della salute che l’obesità può influenzare. Problemi con articolazioni del ginocchio e dell’anca, problemi respiratori e apnea del sonno sono tutti potenziali risultati dell’obesità, come lo sono diversi tipi di cancro.

Like this post? Please share to your friends: