Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

OCD collegato all’infiammazione nel cervello

Disturbo ossessivo-compulsivo è una condizione intrusiva che rimane difficile da trattare. Ciò è dovuto, in parte, alle cause alla base del disturbo che rimane nascosto. Ricerche recenti, tuttavia, puntano il dito contro l’infiammazione cerebrale.

Donna che lava le mani OCD

Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è caratterizzato da ossessioni e compulsioni incontrollabili. Gli individui con disturbo ossessivo compulsivo possono sperimentare pensieri intrusivi che producono ansia o la necessità di ripetere determinate azioni per alleviare l’ansia repressa.

Le ossessioni comuni nel DOC coprono la pulizia, i tabù sessuali, i pensieri aggressivi e la simmetria.

In circa l’1% delle persone negli Stati Uniti, circa la metà dei casi di DOC è classificata come grave.

L’OCD viene generalmente trattato con terapie parlanti – in particolare, si raccomanda un tipo di terapia cognitiva comportamentale chiamata esposizione e prevenzione della risposta. Ci sono anche alcuni farmaci disponibili, con inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina che sono i più comunemente prescritti. Attualmente, tuttavia, le terapie funzionano solo per circa il 70 percento degli individui affetti da DOC.

Uno dei maggiori ostacoli per trovare buoni trattamenti è che le cause fisiche del disturbo ossessivo compulsivo non sono note.

Infiammazione e DOC

La ricerca di Breaking pubblicata questa settimana dà uno sguardo al ruolo dell’infiammazione cerebrale nell’OCD. L’autore senior dello studio è il Dr. Jeffrey Meyer, a capo del Programma di Neuroimaging in Mood & Anxiety presso il Center for Addiction and Mental Health a Toronto, in Canada.

L’infiammazione è un processo naturale; è una componente normale della risposta immunitaria e una reazione standard alla lesione. Tuttavia, se il livello di infiammazione è inappropriato o continua per troppo tempo, può avere conseguenze negative. Ad esempio, in una serie di malattie tra cui l’artrite reumatoide e l’aterosclerosi, l’infiammazione è fortemente coinvolta.

Prove crescenti suggeriscono che certe condizioni psichiatriche possono coinvolgere la neuroinfiammazione, alcune delle quali includono disturbo depressivo maggiore, schizofrenia e bipolare.

Il dottor Meyer e il suo team hanno cercato di capire se l’infiammazione nel cervello potesse svolgere un ruolo nello sviluppo del DOC. A tal fine, hanno reclutato 40 partecipanti, di cui 20 con OCD e 20 senza. Ciascuno è stato scansionato utilizzando la tomografia a emissione di positroni che era stata adattata per individuare e misurare l’infiammazione nel cervello.

Nello specifico, i ricercatori sono stati in grado di tingere selettivamente le microglia, che sono cellule che agiscono come la difesa immunitaria più importante del sistema nervoso e che si attivano durante l’infiammazione. I ricercatori hanno misurato i livelli di microglia in sei regioni cerebrali note per essere importanti nel DOC, tra cui la corteccia orbitofrontale e la corteccia cingolata anteriore.

I risultati sono stati chiari: nelle regioni del cervello associate al disturbo ossessivo compulsivo, le persone con il disturbo avevano il 32% in più di infiammazione rispetto alle persone senza la condizione.

“Questa scoperta rappresenta uno dei più grandi progressi nella comprensione della biologia del disturbo ossessivo-compulsivo e può portare allo sviluppo di nuovi trattamenti”.

Dr. Jeffrey Meyer

Dall’infiammazione al trattamento

Un’altra scoperta interessante è stata che le persone che hanno riportato i più alti livelli di stress quando hanno cercato di impedirsi di agire sulle compulsioni avevano anche i più alti livelli di infiammazione in una particolare regione del cervello.

Dato che così tante malattie coinvolgono l’infiammazione, esistono già una serie di farmaci progettati per affrontarlo. Poiché questi farmaci esistono già sul mercato, potrebbe essere una fruttuosa strada di ricerca nella ricerca di trattamenti più efficaci per il DOC.

“I farmaci sviluppati per colpire l’infiammazione cerebrale in altri disturbi potrebbero essere utili nel trattamento dell’OCD”, afferma il dott. Meyer. “È necessario lavorare per scoprire i fattori specifici che contribuiscono all’infiammazione cerebrale, ma trovare un modo per ridurre gli effetti dannosi dell’infiammazione e aumentare i suoi effetti benefici potrebbe permetterci di sviluppare un nuovo trattamento molto più rapidamente.”

Sono attualmente in corso studi che esaminano la possibilità di progettare un test del marker del sangue in grado di distinguere quali pazienti trarrebbero maggiori benefici dai farmaci antinfiammatori.

Sebbene, come sempre, siano necessarie ulteriori ricerche, questa scoperta potrebbe segnare un significativo passo avanti nella comprensione e nel trattamento del DOC.

Scopri in che modo alcune mutazioni genetiche possono causare comportamenti di tipo OCD.

Like this post? Please share to your friends: