Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

OCD è un fattore di rischio per la schizofrenia?

Gli individui precedentemente diagnosticati con disturbo ossessivo-compulsivo e quelli ai cui genitori è stata diagnosticata la condizione possono essere più propensi a sviluppare la schizofrenia. Questo è secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista.

OCD

Sebbene il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) e la schizofrenia siano due condizioni distinte, studi precedenti hanno suggerito che vi è una sovrapposizione tra di essi.

Il gruppo di ricerca, guidato da Sandra M. Meier, PhD, dell’Università di Aarhus in Danimarca, osserva che entrambe le condizioni hanno tassi di prevalenza simili, ad esempio, e l’insorgenza di entrambi tende a verificarsi nell’adolescenza o nella prima età adulta.

Inoltre, dicono che la ricerca passata ha indicato che ci sono somiglianze significative nella fisiopatologia del DOC e della schizofrenia.

“Quindi”, aggiungono, “non sorprende che i sintomi ossessivo-compulsivi e schizofrenici coesistano in una proporzione maggiore di pazienti di quanto ci si aspetterebbe per caso”. Indicano una meta-analisi che rivela che il 23% dei pazienti con schizofrenia aveva anche DOC.

Tuttavia, i ricercatori dicono che pochi studi hanno studiato l’associazione a lungo termine tra questi due disturbi.

Con questo in mente, Meier e il suo team hanno studiato l’associazione tra OCD e schizofrenia analizzando i dati dei registri nazionali danesi che coinvolgono oltre 3 milioni di persone nate tra il 1955 e il 2006. Il follow-up si è svolto dal 1995 fino al 2012.

Fenotipi di DOC, schizofrenia “più comune di quello attualmente riconosciuto”

Dei 16.231 individui che hanno sviluppato la schizofrenia, i ricercatori hanno scoperto che 447 (2,75%) avevano una precedente diagnosi OCD. Inoltre, delle 30.556 persone che hanno sviluppato un disturbo dello spettro della schizofrenia – definito come avente uno o più sintomi associati alla schizofrenia – 700 (2,29%) avevano una precedente diagnosi OCD.

Secondo i ricercatori, i loro risultati suggeriscono che una precedente diagnosi di DOC può essere collegata ad un aumentato rischio di sviluppare la schizofrenia in età avanzata. Inoltre, il team ha riscontrato che c’era anche un aumentato rischio di schizofrenia tra le persone ai cui genitori era stato diagnosticato un DOC.

Questi risultati sono rimasti anche dopo il controllo di altri fattori che possono influenzare il rischio di schizofrenia, come la storia psichiatrica e la storia familiare di disturbi psichiatrici.

Ma nonostante il suggerimento che OCD condivide molti fattori eziologici con schizofrenia e disturbi dello spettro della schizofrenia, il team dice che questo non significa necessariamente che le condizioni dovrebbero essere combinate come un’unica diagnosi globale. Aggiungono:

“Tuttavia, alla luce di questi risultati e del fatto che il DOC e la schizofrenia si verificano congiuntamente a un ritmo più elevato di quanto ci si aspetterebbe nella popolazione generale, i fenotipi di questi disturbi sono potenzialmente più simili di quelli attualmente riconosciuti.

Sono necessarie ulteriori ricerche per districare quali fattori di rischio genetici e ambientali sono veramente comuni al disturbo ossessivo compulsivo e alla schizofrenia o allo spettro della schizofrenia. “

I ricercatori ammettono che ci sono alcune limitazioni al loro studio. Ad esempio, alcuni individui potrebbero aver avuto sintomi di schizofrenia ma non erano ancora stati diagnosticati con la condizione, che potrebbe aver influenzato i risultati. “In Danimarca, in media 1 anno passa fino a quando i pazienti con schizofrenia ricevono un trattamento adeguato”, notano.

Inoltre, sottolineano che la diagnosi del paziente di disturbi dello spettro ossessivo-compulsivo, schizofrenia e schizofrenia è stata presa esclusivamente da informazioni cliniche acquisite di routine, che potrebbero essere state viziate.

recentemente riferito su uno studio che sostiene che, contrariamente alla credenza popolare, le persone con schizofrenia possono sperimentare la felicità.

Like this post? Please share to your friends: