Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Odore sgradevole legato alla gonorrea negli uomini

Una percentuale molto più alta di uomini con un odore sgradevole è stata trovata per avere la gonorrea rispetto ad altri uomini, i ricercatori dell’Istituto di Citologia e Genetica a Novosibirsk, in Russia, hanno rivelato nel Journal of Sexual Medicine. Gli autori hanno spiegato che i maschi adulti con gonorrea avevano un odore putrido, per quanto riguardava molte femmine adulte.

Come informazioni di base, gli autori hanno spiegato che la ricerca sugli animali aveva dimostrato che ratti e topi raccoglievano segnali chimici per evitare il contatto sessuale con potenziali compagni infetti. Tuttavia, gli studi sull’odore corporeo negli esseri umani sono stati finora limitati alla diagnostica medica. Nessuno studio ha mai esaminato le modificazioni dell’odore negli esseri umani, a causa dell’infezione e quale impatto potrebbe avere nella scelta di un partner sessuale.

Dal momento che le malattie sessualmente trasmissibili o le infezioni sessualmente trasmissibili non hanno chiari segni esterni visibili, i ricercatori si sono chiesti se l’odore potrebbe essere un segno che è stato trascurato.

Mikhail Moshkin e il suo team hanno deciso di determinare se l’odore di spiacevolezza nei giovani maschi adulti potesse essere collegato all’infezione con Neisseria gonorrhoeae (gonorrea).

I ricercatori hanno raccolto campioni di saliva e di ascella da 16 soggetti sani, 13 infetti da gonorrea e 5 altri uomini che si erano ripresi dalla gonorrea dopo un trattamento medico. I volontari sani e giovani donne hanno poi valutato i campioni di sudore per l’odore (odore). Con i campioni di saliva, i ricercatori hanno misurato le concentrazioni di testosterone, cortisolo, immunoglobulina G (IgG) e immunoglobulina A (IgA). Tutti i partecipanti maschi erano di età compresa tra 17 e 25 anni e quelli di sesso femminile da 17 a 20 anni.

Il loro scopo era di determinare se le femmine potessero distinguere odori di sudore ascella piacevoli e sgradevoli e se le differenze potrebbero essere collegate a infezione da gonorrea, nessuna infezione o recente infezione.

Hanno scoperto che:

  • Le donne descrivevano l’odore degli individui infetti come meno piacevole rispetto agli uomini sani e recuperati di recente. Una percentuale molto alta di campioni prelevati dagli uomini infetti sono stati classificati come putridi (marcio, rancido).
  • C’era una correlazione negativa tra gradevolezza dell’odore e concentrazioni di IgA e IgC salivari non specifici.

In un abstract nella rivista, gli autori hanno scritto:

“Forse, la riduzione immuno-dipendente della gradevolezza del profumo nella fase acuta di STI è parte di un meccanismo evolutivo che garantisce, inconsciamente, l’evitamento di un partner romantico rischioso”.
Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: